Salute 9 Febbraio 2022 12:31

Tablet e smartphone per calmare i bambini? Così si impedisce ai piccoli di imparare a gestire le emozioni

Mettere i propri figli davanti allo schermo di un tablet o di uno smartphone per calmarli e farli smettere di piangere può avere conseguenze durature sulla capacità dei bambini di gestire le emozioni

Tablet e smartphone per calmare i bambini? Così si impedisce ai piccoli di imparare a gestire le emozioni

È una soluzione tanto rapida quanto efficace nel gestire le crisi di pianto di un bambino. Tuttavia, mettere i propri figli davanti allo schermo di un tablet o di uno smartphone per calmarli e farli smettere di piangere può avere conseguenze durature sulla capacità dei bambini di gestire le emozioni. Un nuovo studio dell’Università di Oxford, infatti, ha dimostrato che l’uso di tablet o smartphone come «lenitivo» impedisce ai piccoli di imparare a calmarsi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Infancy.

Più tempo un bambino trascorre davanti a uno schermo, meno impara a calmarsi

Ricerche precedenti hanno già dimostrato che la luce blu emessa dalla televisione o dagli schermi dei dispositivi digitali rischia di danneggiare la qualità del sonno dei bambini, cosa che potrebbe renderli più capricciosi. Con questo nuovo studio britannico si aggiunge una nuova voce alla già lunga lista degli effetti negativi dell’utilizzo degli schermi digitali con i più piccoli. In particolare, i ricercatori hanno chiesto ai genitori di 575 bambini di età compresa tra gli 8 e i 3 anni quanto tempo i loro figli hanno passato davanti a uno schermo durante il lockdown del 2020. In questo modo i ricercatori hanno scoperto che quanto più lungo era il tempo trascorso con un dispositivo digitale, meno i bambini sapevano gestire le loro emozioni.

Tablet, smartphone e tv influiscono sulla capacità di pensiero

Lo studio ha anche scoperto che il tempo passato davanti allo schermo ha un impatto negativo sulle capacità di pensiero. Di contro gli studiosi, che hanno creato pacchetti di attività gratuiti per bambini come forma di sostegno alle famiglie nella loro zona, hanno rilevato che i bambini avevano capacità di pensiero più forti quanto più tempo dedicavano ad attività di «arricchimento» con i genitori. «È probabile che l’uso dello schermo sia un problema per i bambini piccoli solo quando domina il loro tempo», spiega Alexandra Hendry, scienziata dell’Università di Oxford che ha guidato lo studio. Di certo non sorprende che durante il lockdown, quando i parchi giochi erano chiusi e mancava l’assistenza all’infanzia, si è fatto un uso quasi smodato di tv, tablet e smartphone.

Serve maggiore supporto alle famiglie

«È anche perfettamente comprensibile che i genitori facciano affidamento agli schermi con bambini piccoli, se sono alla disperata ricerca di una pausa e un tablet calma in modo affidabile il loro bambino», ammette Hendry. «Ma ciò che è importante per il futuro – continua – è che i genitori ricevano il supporto per trovare modi alternativi per impegnarsi con i loro figli, come l’accesso a servizi di assistenza all’infanzia e all’istruzione di alta qualità o anche l’accesso al supporto per la salute mentale se sono in difficoltà». In effetti usare gli schermi come «lenitivo» ai capricci può compromettere lo sviluppo cognitivo dei bambini. I ricercatori hanno infatti scoperto che più tempo si passa al tablet o alla smartphone e più scarse sono le capacità di pensiero dei piccoli. Queste capacità includono l’abilità di perseverare con compiti difficili senza essere distratti. Ci sono numerose evidenze che suggeriscono che i bambini con capacità di pensiero più scarse potrebbero avere più difficoltà a scuola quando sono più grandi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
È record di bambini obesi in Italia. Le strategie per vincere i disturbi legati al cibo
Educazione alimentare e mense a km 0 nelle scuole, la proposta di Coldirette piace ai pediatri. Appello di SIMPEF E SIPPS perché genitori e insegnanti siano alleati nella divulgazione dei corretti stili di vita con cibo sano e attività fisica all’aria aperta
Sindrome di Beckwith-Wiedemann, al via primo congresso internazionale
Famiglie e medici da tutto il mondo saranno a Cervia, dal 2 al 5 giugno, per confrontarsi sulla sindrome di Beckwith-Wiedemann (Bws), una malattia genetica rara che colpisce un bambino ogni 10 mila. Si tratta, in assoluto, del primo congresso internazionale dedicato a questa condizione
Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati
Protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale per rendere più capillare il servizio sul territorio e permettere ai pazienti studenti di seguire il percorso formativo e mantenere la relazione con la scuola di appartenenza, agevolando il reinserimento al termine del ricovero o della malattia
Epatiti misteriose, casi in aumento. Gli esperti: «Non si interrompa il monitoraggio»
I casi di epatite misteriosa continuano a salire e l'Associazione italiana per lo studio del fegato invita a non abbassare la guardia
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali