Salute 11 Giugno 2021 12:37

Bambini e tablet: ecco perché i genitori non sanno dire di no

Le regole dello psicologo: «Non usare i device poco prima di andare a dormire, concederne l’utilizzo in interazione con l’adulto, monitorare i contatti virtuali»

di Isabella Faggiano

L’uso di tablet e smartphone nuoce alla salute di bambini e adolescenti. E se i genitori non sono capaci di proibirne l’utilizzo, presto, potrebbe pensarci il legislatore italiano. In Parlamento, infatti, è stata già presentata una proposta di legge che ne impone il divieto assoluto fino a tre anni e l’utilizzo a scuola dai 4 ai 12 anni.

L’analisi dello psicologo

Ma al di là di ciò che decideranno deputati e senatori nei prossimi mesi, un interrogativo sorge spontaneo: perché le mamme e i papà continuano a concedere l’uso di questi device ai propri figli, nonostante abbiamo la piena consapevolezza dei danni provocati?
«Per rispondere a questa domanda – spiega Carlo Lai, professore associato di Psicologia Clinica all’università Sapienza di Roma, membro del network di Psicologia Perinatale dell’Ordine degli Psicologi del Lazio – è necessario distinguere l’utilizzo del tablet per finalità ludiche, che può essere concesso 20-30 minuti al giorno sotto la sorveglianza di un adulto, ed un uso che ha il semplice scopo di calmare il bambino o intrattenerlo mentre il genitore è impegnato in altre attività. Nel primo caso, siamo di fronte ad un impiego lecito. Per analizzare la seconda situazione decritta, invece – aggiunge lo psicologo -, potremmo dividere le motivazioni in due macrocategorie: una che riguarda la famiglia, un’altra che coinvolge l’intera società. Viviamo in un’epoca in cui, quasi sempre, lavorano entrambi i genitori e i momenti di totale ozio sono quasi inesistenti. Questo crea una sorta di senso di colpa nel genitore che lo rende incapace di dire di no, dando l’illusione che il suo atteggiamento possa creare una sorta di compensazione. Inoltre, sia noi che i nostri figli, siamo immersi, anche inconsapevolmente, in campagne pubblicitarie che promuovo così tanto l’utilizzo di smartphone e tablet da averlo reso “normale”».

Perché è così difficile dire “NO”

Ciò che spinge un genitore, partendo da questi due presupposti, a cedere e concedere l’utilizzo del device è l’effetto che ne deriva: «Il bambino – sottolinea Lai – è più calmo, così concentrato da non richiedere la minima attenzione da parte dei genitori. Ovviamente, questa non è affatto una sana abitudine: il compito educativo affidato alle mamme ed ai papà è sicuramente oneroso, ma non per questo è lecito trovare delle scorciatoie, soprattutto se nocive per la salute dei nostri figli. Ma attenzione: pronunciare un “no” chiaro e deciso implica il doversi occupare del bambino, per tutto il tempo in cui avrebbe utilizzato il tablet, spiegandogli il perché di quel diniego». Magari insegnandogli attività manuali e necessarie che non tutti i bambini sono in grado di compiere: c’è chi è abilissimo nell’utilizzo dei cellulari di ultima generazione, ma non sa allacciarsi le scarpe. A sottolinearlo, la deputata del gruppo Rosalba De Giorgi che, presentando la sua proposta di legge sul divieto dei cellulari, ha citato una ricerca commissionata da una nota casa di software che realizza antivirus. Lo studio ha evidenziato che oltre il 50% dei bambini tra i 2 e i 5 anni sa come interagire con i giochi installati sul tablet, mentre solo l’11% è in grado di allacciarsi le scarpe.

Il “giusto mezzo”: le regole

Ad ogni modo, anche se la legge dovesse essere approvata, non vigerà il divieto assoluto. Le principali responsabilità ricadranno, sempre e comunque, sui genitori o su chi si prende cura di bambini e adolescenti. Ecco tre semplici regole per assolvere al meglio a questo difficile compito: «Uno: non usare i device poco prima di andare a dormire e nelle ore serali, ma preferire la mattina, al massimo il primo pomeriggio – consiglia lo psicologo -.  Gli smartphone, e soprattutto i tablet che hanno uno schermo più grande, possono produrre dei danni psicofisiologici per la loro strema luminosità, come fatica ad addormentarsi o sonno frammentato. Regola numero due: concederne l’utilizzo non isolando il bambino, mentre il genitore si occupa delle proprie faccende, ma creando un’interazione tra l’adulto e il minore. Terzo: se si utilizza lo smartphone per navigare sui social, massima attenzione al comportamento del piccolo ed alle persone con cui entra virtualmente in contatto. In altre parole – conclude Lai -, device sì, ma mai per alleggerire il peso della responsabilità genitoriale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Morti in culla: più di 250 casi Sids all’anno in Italia, consigli e test su regole per «nanna» sicura
Nonostante decenni di ricerca intensiva, la sindrome della morte improvvisa del lattante (Sids), conosciuta come «morte in culla», è un fenomeno ancora non del tutto noto. A fare il punto sulla ricerca, sui falsi miti, sui consigli da seguire per ridurre i rischi saranno gli esperti che prenderanno parte conferenza internazionale dedicata alla morte in culla e alla morte perinatale dell’ISPID – International Society for the study and prevention of Perinatal and Infant Death, che si terrà dal 6 all'8 ottobre a Firenze
Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...