Salute 19 Gennaio 2021 10:51

Studio Uk, 30% di pazienti ricoverati per Covid torna in ospedale dopo 5 mesi. Il 12% muore

Secondo una ricerca pubblicata su MedrXive, in Inghilterra su 47mila ricoverati il 30% ha contratto malattie respiratorie dopo il ricovero. Percentuale più alta nei giovani e nelle minoranze etniche

Studio Uk, 30% di pazienti ricoverati per Covid torna in ospedale dopo 5 mesi. Il 12% muore

Secondo uno studio, circa un terzo delle persone dimesse dagli ospedali inglesi dopo Covid-19 sono state di nuovo ricoverate entro cinque mesi. Circa una persona su otto è poi deceduta. Numeri preoccupanti quelli forniti da “Epidemiologia della sindrome post-Covid dopo il ricovero per coronavirus“, la ricerca pubblicata su MedrXiv ancora in attesa di peer review.

Tra i firmatari Daniel Ayoubkhani dell’istituto di statistica nazionale (ONS) e Kamlesh Kunti co-direttore del centro diabetologico di Leicester e professore di Diabetologia nello stesso ateneo. In aggiunta, le ricerche hanno evidenziato un rischio più elevato di sviluppare problemi a una serie di organi, come ad esempio il diabete, dopo la dimissione dall’ospedale in soggetti sotto i 70 anni e appartenenti a una minoranza etnica.

Il “long Covid” è il prossimo problema

L’ennesima conseguenza del “long Covid“, una sindrome di cui si sa ancora ben poco e che sembra avere un impatto maggiore proprio sui giovani. L’Ons (Office for National Statistics) informa che un quinto delle persone in Inghilterra rileva ancora i sintomi di Covid-19 cinque settimane dopo l’infezione. Il 50% di questi continua ad averli per 12 settimane.

Nella ricerca, 47.780 individui che hanno avuto un episodio ospedaliero tra il 1 gennaio 2020 e il 31 agosto 2020 con una diagnosi primaria di Covid-19 sono stati confrontati con un gruppo di controllo che non aveva Covid-19. Del primo gruppo il 29,4% è stato riammesso entro 140 giorni dalla dimissione e il 12,3% è deceduto. Il tasso di riammissione era 3,5 volte maggiore e il tasso di mortalità sette volte superiore a quelli del gruppo di controllo, secondo gli esperti. I pazienti sono stati seguiti fino al 30 settembre 2020 o fino alla data di morte.

Rispetto al gruppo di controllo, inoltre, il rischio di malattie dopo il ricovero – quali condizioni respiratorie, diabete, problemi a cuore, reni e fegato – era più alto. In più si accresceva negli individui più giovani e appartenenti a minoranze etniche, rispetto a bianchi e over 70. Una malattia respiratoria è stata diagnosticata in 14.140 casi di Covid-19 (29,6%) dopo la dimissione. Di queste diagnosi, 6.085 non avevano patologie prima del virus.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Sindrome long-Covid in 3 pazienti su 4. L’appello: «Ripensare l’assistenza territoriale sulla base di nuovi bisogni»
Una sindrome che colpisce vari apparati, da quello cardiovascolare a quello respiratorio, passando per disturbi oculistici e dermatologici. Inoltre, il 96% dei sopravvissuti al virus soffre di Sindrome Post Traumatica da Stress. La tavola rotonda organizzata dall’Associazione Dossetti – I Valori
Disturbi neurologici da pandemia: transitori o permanenti? Differenze tra Long Covid e Post Covid
Alessandro Padovani, direttore di Clinica Neurologica presso l’università degli Studi di Brescia, in un’intervista a Sanità Informazione, chiarisce le differenze tra il Covid di lunga durata e quei sintomi che compaiono a distanza, anche di sei mesi, dalla guarigione: «Il Post Covid si è manifestato pure in pazienti che hanno contratto il virus in forma lieve»
di Isabella Faggiano
Long Covid, Corsico (pneumologo): «Conseguenze polmonari per un terzo dei pazienti»
«La maggior parte continua ad avere problemi respiratori ma ci possono essere conseguenze neurologiche – spiega il professor Corsico -. Anche in pazienti che hanno gestito la malattia a casa riscontriamo effetti a livello polmonare nonostante l’infezione sia stata superata senza la necessità di un ricovero»
“Sindrome Covid a lungo termine”, la malattia debilitante post-infezione
Un quinto dei pazienti con Covid-19 soffre di un grave decorso. Sono i Long Haulers, coloro che, dopo 6-9 mesi dall’infezione iniziale, non riescono più a guarire
di Peter D'Angelo
Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente
I laboratori inglesi non riescono a tenere il passo. «Documenti trapelati rivelano un arretrato di 185.000 tamponi e test covid-19 inviati all'estero per l'elaborazione» rivela il Guardian
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...