Salute 18 Aprile 2023 15:28

Long Covid, per chi è vaccinato non è peggio di un’influenza

C’è un nuovo buon motivo per vaccinarsi contro Covid-19. Tra coloro che si sono sottoposti alle iniezioni, infatti, le possibili sequele dell’infezione sarebbero quasi identiche a quelle di una comune influenza. O almeno è questo quanto emerso da uno studio condotto a Queensland (Australia), che ha vaccinato il 90 per cento della popolazione

Long Covid, per chi è vaccinato non è peggio di un’influenza

C’è un nuovo buon motivo per vaccinarsi contro Covid-19. Tra coloro che si sono sottoposti alle iniezioni, infatti, le possibili sequele dell’infezione sarebbero quasi identiche a quelle di una comune influenza. O almeno è questo quanto emerso da uno studio condotto a Queensland (Australia), che ha vaccinato il 90 per cento della popolazione. I risultati,  presentati al Congresso Europeo di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive a Copenaghen, suggeriscono dunque che è possibile premunirsi e rendere eventualmente più leggero il Long Covid, la sindrome post-infezione che si può manifestare anche molte settimane dopo dal contagio.

Due persone su 10 con sintomi post-infezione da moderati a gravi, sia per Covid che per influenza

La ricerca è stata condotta a metà del 2022, in piena ondata Omicron e stagione influenzale, e ha riguardato 2.200 adulti a cui è stato diagnosticato Covid-19 e altri 1.000 a cui è stata diagnosticata l’influenza. I partecipanti sono stati monitorati per 12 settimane dopo la diagnosi iniziale. Ebbene, dai risultati è emerso che il 21% dei pazienti con Covid-19 ha riferito di avvertire ancora alcuni sintomi dopo il periodo di 12 settimane, con il 4% che affermava che i sintomi erano di livello medio-grave. Dei pazienti con influenza, invece, il 23% ha dichiarato di avvertire ancora i sintomi dopo 12 settimane, con il 4% che dichiarava di avere manifestazioni da medie a gravi.

Le persone non vaccinate sono più a rischio Long Covid

«Sappiamo che i nostri alti tassi di vaccinazione hanno protetto i ‘Queenslanders’ dal peggio di Covid-19», commenta il Premier del Queensland, Annastacia Palaszczuk. «Sembra che abbiano anche contribuito a ridurre la gravità dei sintomi di Long Covid», aggiunge. I risultati dello studio confermano quindi che le persone non vaccinate hanno un maggior rischio di manifestare sintomi a lungo termine. «È per questo che sono orgogliosa di guidare un Governo che ha fatto tutto il possibile per proteggere la comunità dal Covid-19 quando la pandemia era al suo apice».

Durante l’ondata Omicron il 90% della popolazione del Queensland era già vaccinata

Si definisce Long Covid lo sviluppo di un gruppo piuttosto eterogeneo di sintomi che che persistono per più di tre mesi e possono includere mancanza di respiro, tosse, palpitazioni cardiache, mal di testa e grave affaticamento. Lo studio è il primo del suo genere a considerare l’esperienza individuale di uno stato con una variante più lieve di Covid-19 che infetta una popolazione altamente vaccinata. Più del 90% della popolazione del Queensland, infatti, era stata vaccinata contro il Covid-19 prima che la comunità sperimentasse per la prima volta la diffusione della variante Omicron nel 2022. «Lo studio ha anche scoperto che l’impatto del Long Covid sul sistema sanitario potrebbe derivare dal numero di persone infette  piuttosto che dalla gravità dei sintomi del Long Covid», commenta John Gerrard, Chief Health Officer del Queensland.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...