Salute 2 Dicembre 2020 10:49

“Sindrome Covid a lungo termine”, la malattia debilitante post-infezione

Un quinto dei pazienti con Covid-19 soffre di un grave decorso. Sono i Long Haulers, coloro che, dopo 6-9 mesi dall’infezione iniziale, non riescono più a guarire

di Peter D'Angelo
“Sindrome Covid a lungo termine”, la malattia debilitante post-infezione

Un quinto dei pazienti con Covid-19 soffre di un grave decorso di infezione da Covid-19. Sono i Long Haulers, con “Sindrome Covid a lungo termine”. Ovvero coloro che, dopo 6-9 mesi dall’infezione iniziale (spesso lieve o moderata, asintomatici o pauci-sintomatici), non riescono più a guarire, accusando fatica sistematica, non riuscendo a fare sport, con incapacità a concentrarsi, perdita di memoria, tachicardia passando da sdraiati a seduti.

Tuttavia, le cause specifiche rimangono poco chiare. I mastociti (MC) sono cellule immunitarie che hanno origine nel midollo osseo e che sono poi presenti in tutti i tessuti, in particolare nei pressi dei piccoli vasi e sono attivate da Sars-CoV-2. Sebbene riconosciuta solo di recente, la “sindrome da attivazione dei mastociti” (MCAS), è una malattia multisistemica cronica con temi infiammatori e allergici. Questi mastociti potrebbero causare una propensione a malattie croniche post-Covid19. Per comprendere questa patologia, Sanità Informazione ha intervistato Lawrence B. Afrin del Dipartimento di studi sui mastociti dell’AIM Center for Personalized Medicine di New York, autore di uno degli studi più avanzati sui Long Haulers.

 

Una percentuale dei pauci-stintomatici e asintomatici potrebbero soffrire della sindrome dei “Long Haulers”? Cosa significa e chi sono?

«I Long Haulers, con “Sindrome Covid a lungo termine”, sono generalmente considerati come pazienti che hanno sofferto di un attacco di infezione acuta da Covid-19 e che hanno poi sviluppato un assortimento variabile di sintomi cronici, la maggior parte dei quali sono di natura infiammatoria».

 

Chi è soggetto a questa sindrome di solito ha altre malattie concomitanti?

«La mia ipotesi è che i pazienti che hanno avuto la MCAS “sindrome da attivazione dei mastociti (cellule immunitarie, ndr)”, riconosciuta o meno – ed è quasi sempre non riconosciuta -, prima di aver avuto l’infezione da Covid-19, hanno più probabilità di sviluppare la sindrome infiammatoria post-Covid (PCIS), ma questa è solo un’ipotesi. Sono necessari studi appropriati per dimostrare o confutare questa ipotesi».

 

Cosa spiega questo fenomeno?

«Nessuno lo sa ancora. Anche in questo caso, è un’ipotesi. La MCAS aumenta la probabilità che il PCIS (sindrome infiammatoria post-Covid) si sviluppi in seguito all’infezione da Covid-19, ma sono necessari studi appropriati per provare o confutare questa ipotesi».

 

Come si può trattare questa patologia?

«Se si scopre che un paziente post-Covid ha una sindrome mastocitica, allora sarebbe ragionevole tentare trattamenti mirati ad inibire l’attivazione dei mastociti. Se si scopre che un paziente affetto da PCIS ha qualche altra malattia o processo alla base dei suoi sintomi, mi aspetto che sia ragionevole tentare altri trattamenti appropriati per quell’altra malattia. Naturalmente, tutto ciò presuppone che sia la MCAS alla base della sindrome infiammatoria post-Covid presente in un determinato paziente».

 

Può indicare in modo specifico quali farmaci potrebbero essere utilizzati per i Long Haulers?

«No, non posso. Esiste una vasta gamma di farmaci che si sono dimostrati utili in vari pazienti MCAS. Di solito inizio le prove di trattamento in pazienti MCAS con vari “antistaminici”, e poi procediamo con le prove dei molti altri farmaci che possono aiutare vari pazienti MCAS fino a quando il paziente non ha raggiunto l’obiettivo di sentirsi significativamente meglio del regime di pretrattamento la maggior parte del tempo. Attualmente non è possibile curare la MCAS; si può solo tentare di controllarla abbastanza bene da permettere al paziente di godersi la vita con una qualità ragionevolmente buona».

 

Ci fa un esempio di un caso, per capire quale sia la condizione di base?

«Premetto che la maggior parte dei pazienti affetti da MCAS sembra vivere una vita normale, ma si tratta di una vita cronicamente sintomatica fino a quando la MCAS non viene diagnosticata con precisione e i farmaci che acquisiscono un controllo efficace sulla malattia non sono stati identificati. La MCAS è una malattia molto complessa il cui comportamento clinico è molto variabile da un paziente all’altro. Il particolare regime terapeutico che meglio controlla la malattia nel singolo paziente è un regime altamente individualizzato».

 

Ci racconta la storia “tipica” di un paziente?

«Le lascio leggere questa e-mail che ho ricevuto oggi da un medico, modificata per preservare la privacy del medico.

 “Ho letto il suo articolo sulla sindrome da attivazione dei mastociti in relazione a Covid-19…. Come paziente della malattia post-Covid-19 per 8 mesi, l’articolo è stato una grande intuizione. Voglio solo dire che ho iniziato a usare la loratadina 10 mg e i miei sintomi sono scomparsi (la maggior parte dei miei sintomi riguardava la stanchezza, l’intolleranza all’esercizio fisico, l’artrite della mano, le palpitazioni cardiache, il disagio al petto e il basso umore). I miei sintomi hanno cominciato a migliorare dopo pochi giorni. Sono passate alcune settimane e sono tornato al mio livello di partenza. Continuo il trattamento perché non sono sicuro che i miei sintomi non torneranno non appena interromperò il trattamento. Sarebbe fantastico se ci fosse uno studio in doppio cieco. È a conoscenza di uno studio di questo tipo? Sono molto sicuro che aiuterà migliaia e migliaia di persone in tutto il mondo”. Spero di averle dato l’idea».

 

I medici ignorano questa patologia dei “Long Haulers”?

«Ho letto e sentito che alcuni medici confondono PICS con patologie di origine psicosomatica, mentre altri medici ritengono che i sintomi siano “reali”, ma non hanno ancora capito cosa li causa e quindi non sanno come trattare al meglio questi pazienti».

 

Quanti Long Haulers ci sono in America? Statisticamente nel mondo?

«Non sono a conoscenza di studi che possano rispondere a queste domande. Anche se è dimostrato che si tratta di una percentuale significativa, saranno necessarie molte più ricerche per determinare il trattamento ottimale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Studio Uk, 30% di pazienti ricoverati per Covid torna in ospedale dopo 5 mesi. Il 12% muore
Secondo una ricerca pubblicata su MedrXive, in Inghilterra su 47mila ricoverati il 30% ha contratto malattie respiratorie dopo il ricovero. Percentuale più alta nei giovani e nelle minoranze etniche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...