Salute 9 Aprile 2021 12:45

Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid

Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»

di Federica Bosco
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid

Le speranze riposte nel plasma iperimmune come cura anti-Covid escono ridimensionate dallo studio Tsunami. Promosso da Aifa e dall’ISS e realizzato su 487 pazienti in 27 centri clinici su tutto il territorio nazionale, lo studio ha messo a confronto l’effetto del plasma convalescente ad alto titolo di anticorpi neutralizzanti (1:160) associato alla terapia standard con quella tradizionale in soggetti con Covid-19 e polmonite con compromissione ventilatoria da lieve a moderata (definita da un rapporto PaO2/FiO2 tra 350 e 200). Il quadro non ha evidenziato differenze sostanziali, come ha confermato il professor Francesco Menichetti, direttore del reparto di malattie infettive dell’ospedale di Pisa e coordinatore dello studio.

«Nessun segnale positivo, l’unica eccezione è che nel gruppo di pazienti senza una grave insufficienza respiratoria abbiamo riscontrato un debole segnale di vantaggio. Questo in qualche modo conferma i dati della letteratura americana che raccomandano comunque di utilizzare un plasma convalescente ad alto titolo idealmente entro i primi tre giorni del ricovero in chi è ancora all’inizio della polmonite e non ha un’azione compromissoria importante. Ma questi dati andrebbero validati da un ulteriore studio randomizzato».

Pochi elementi avversi, ma non è risolutivo

Pochi elementi avversi, come reazioni trasfusionali modeste «nessuna pericolosa o letale» puntualizza, «qualche linea di febbre e rash cutaneo rilevati in maggior misura tra coloro che hanno avuto il plasma convalescente rispetto al gruppo di controllo». Un profilo di sicurezza accettabile, ma la risposta non è stata risolutiva. Eppure, il professor Menichetti ritiene che il plasma abbia evidenziato un beneficio in termine di riduzione del rischio di peggioramento o di morte solo in una precisa finestra temporale.

«Il plasma convalescente, specialmente ad alto titolo anticorpale, se utilizzato in pazienti che sono all’inizio della malattia e hanno una polmonite lieve e moderata, può essere di giovamento – rimarca Menichetti -. Questo è sostenuto non solo dalla letteratura pubblicata, ma anche dalle linee guida americane rese note lo scorso 9 marzo secondo cui si raccomanda l’uso del plasma solo a queste condizioni. Non ha più senso continuare a darlo a persone già ventilate meccanicamente, che hanno una grave insufficienza respiratoria, perché non c’è alcun segnale di beneficio».

Plasma e anticorpi monoclonali, quali differenze

Anche per il plasma, come per gli anticorpi monoclonali, la tempistica dunque è fondamentale. Ma i contesti sono diversi, come ha puntualizzato lo stesso primario di malattie infettive dell’ospedale di Pisa: «Gli anticorpi monoclonali sono ideali per i pazienti ambulatoriali, non ricoverati, mentre il plasma convalescente è da utilizzare nel malato già ospedalizzato, ma ancora nelle prime fasi del virus. Sono ambedue precoci: una però è la terapia dell’infezione precoce che ha l’obiettivo di evitare l’aggravamento e quindi la necessità di ospedalizzazione; l’altra, con il plasma convalescente, va somministrata al paziente già ricoverato per evitare il peggioramento respiratorio e la morte».

Allo studio il primo anticorpo monoclonale italiano

Se lo studio sul plasma iperimmune come cura anti-Covid non ha dato gli esisti sperati, anche gli anticorpi monoclonali di prima generazione potrebbero essere superati. E per contrastare le nuove varianti si guarda avanti. «Va tenuto in considerazione che gli anticorpi monoclonali approvati da AIFA sono gli stessi autorizzati quattro mesi prima da FDA, ovvero Ely Lilli e Regeneron di Roche – aggiunge Menichetti -. Sono gli stessi che hanno salvato Trump e che ora si trovano in un contesto epidemiologico diverso, perché oggi abbiamo non più un virus originale o la variante 614, ma altre su cui gli anticorpi potrebbero aver perso parte della loro efficacia».

«Se la forza degli anticorpi monoclonali pare la stessa sulla variante inglese, probabilmente non lo è sulla sudafricana e sulla brasiliana. In particolare, quest’ultima comincia ad avere un certo rilievo alle nostre altitudini: si stima un 4% di incidenza al nord, mentre al centro questa può raggiungere anche un 10-20%. Quindi stiamo aspettando con ansia di valutare i primi anticorpi monoclonali prodotti in Italia a cui sta lavorando Rino Rappuoli, coordinatore scientifico del MAD Lab della Fondazione Toscana Life Sciences».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.