Salute 8 Maggio 2020

Studio italiano: «Bambini possono essere chiave per sconfiggere Covid-19»

Un articolo su “The Lancet Child and Adolescent Health” parla di una migliore risposta immunitaria dei più piccoli, che raramente contraggono una forma grave dell’infezione. Tra i ricercatori anche Giuseppe Ippolito e Franco Locatelli

Mentre gli adulti possono contrarre il Covid-19 in ogni forma, da quelle asintomatiche fino a quelle mortali, i bambini sembrano resistere alle manifestazioni più gravi della malattia. Forse proprio i più piccoli potrebbero rappresentare la chiave per sconfiggere il virus. Lo sottolinea un articolo pubblicato sul “The Lancet Child and Adolescent Health” da un gruppo di ricercatori italiani, tra cui figurano Giuseppe Ippolito dell’Istituto Spallanzani di Roma e Franco Locatelli dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù.

«I bambini sono più vulnerabili ad altre infezioni – si legge – quindi sorge la domanda importante: perché i bambini sono meno sensibili a Covid-19 rispetto agli adulti?». Per gli studiosi c’è un nuovo obbiettivo su cui focalizzare la ricerca: «Finora, non ci sono prove di un grado inferiore di espressione del recettore per Sars-Cov-2 (vale a dire Ace2) nei bambini. Pertanto, studiare il sistema immunitario innato dei bambini potrebbe essere la chiave per comprendere la protezione o la suscettibilità».

LEGGI ANCHE: PEDIATRI E BIASCI (FIMP): «CHIEDIAMO L’ESTENSIONE DEL VACCINO ANTINFLUENZALE AI BAMBINI E DI POTER PRESCRIVERE I TAMPONI PER SARS-COV-2»

Dai primi studi in effetti una differenza emerge: «I nostri risultati preliminari nei bambini – scrivono i ricercatori – suggeriscono una risposta precoce delle cellule B policlonali con produzione di un numero considerevole di plasmablasti, principalmente di isotipo IgM». Negli adulti affetti da una forma grave di Covid-19 questa risposta non è stata osservata, mentre al contrario si rileva un impoverimento del compartimento delle cellule B.

Queste ultime, oltre che degli anticorpi, sono inoltre responsabili di secernere citochine, piccole proteine che danno specifici “ordini” alle cellule circostanti, come crescere, differenziarsi o morire. «Pertanto – si legge nell’articolo – la risposta immunitaria del bambino potrebbe avere la doppia funzione di esercitare una protezione e ridurre il danno tissutale immuno-mediato, in particolare nel polmone».

«L’evoluzione ha conferito un vantaggio di sopravvivenza ai bambini nella lotta contro agenti patogeni noti e sconosciuti»; nell’adulto anche se ben protetto intervengono fattori come «l’invecchiamento, la malnutrizione, l’immunosoppressione e gli stati di comorbilità, e il nostro sistema immunitario perde la capacità di adattarsi alle novità». In conclusione: «Sebbene i vaccini siano la strada da percorrere, in situazioni di emergenza come la pandemia Covid-19, l’indagine e l’uso di strumenti immunitari che la natura ha assegnato ai bambini potrebbe migliorare la gestione della malattia».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 1 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
“Scuola e giochi in corsia”: al via il progetto di AIEOP e Amgen per aiutare i piccoli pazienti oncoematologici
L’iniziativa, che coinvolge già 9 ospedali in Italia, ha come obiettivo una sempre maggiore umanizzazione delle cure ed una presa in carico del paziente a 360 gradi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli