Salute 28 Luglio 2014

Staminali cordonali, un’altra storia di speranza grazie al trapianto autologo

Risultati positivi dopo due interventi su una bambina italiana di 5 anni

Immagine articolo

L’utilizzo a fini terapeutici delle cellule staminali cordonali non smette di regalare speranze ai pazienti e alla comunità scientifica. Proprio negli ultimi giorni, infatti, sono stati divulgati gli incoraggianti risultati dei due trapianti autologhi effettuati su una bambina italiana di 5 anni, affetta da paralisi cerebrale fin dalla nascita.

La risonanza magnetica, cui è stata sottoposta la piccola, ha riscontrato un’evidenza pressoché nulla nelle aree della corteccia cerebrale precedentemente molto alterate. Il corpo calloso sottile evidenziato a febbraio 2010 ha recuperato dimensioni definite normo-conformi. A distanza di un anno dal primo trapianto e sette mesi dal secondo, insomma, la bimba sta reagendo in modo molto positivo: ha raggiunto uno sviluppo cognitivo totale ed è in grado di parlare, oltre a registrare un netto miglioramento delle condizioni distoniche.

La bambina, prima italiana ad essere sottoposta ad un trapianto di staminali autologhe cordonali, è stata inserita all’inizio dello scorso anno nel protocollo scientifico coordinato dalla pediatra Joanne Kurtzberg al Medical Center della Duke University (Durham, North Carolina – USA). Un trial clinico controllato dalla FDA basato proprio sull’utilizzo delle staminali autologhe e condotto a livello mondiale su 60 bambini affetti da paralisi cerebrale, e che avevano a disposizione le cellule staminali del proprio cordone ombelicale, grazie alla scelta dei genitori di crioconservarle presso una banca privata.

Tra prospettive, normative, implicazioni etiche e terapeutiche, il tema della donazione e della conservazione delle cellule staminali cordonali non lascia indifferenti le istituzioni. La materia necessita di una regolamentazione ulteriore, che tenga conto dei benefici e dei progressi riscontrati in campo scientifico e che, al tempo stesso, promuova una corretta informazione. Sono questi gli obiettivi che animano un disegno di legge ad hoc attualmente in corso di approvazione al Senato, con relatrice Manuela Granaiola (PD), per incentivare la donazione, qualificare il sistema di raccolta nazionale e razionalizzare le banche adibite a tale scopo.

Articoli correlati
Autologa solidale, differenze in Ue sulla conservazione delle staminali del cordone. Totta (Futura): «Modello ibrido pubblico-privato il migliore, Italia colga occasione»
Nel nostro paese soltanto nel 4% dei parti viene raccolto il sangue cordonale mentre nel mondo vengono effettuati migliaia di trapianti di cellule staminali del sangue per combattere numerose malattie. Del tema si è parlato nel convegno "La scelta di essere mamma" presso la Sala Isma del Senato
Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»
«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione
Salute della donna: neuropelveologia, staminali e diagnosi prenatale le novità dal congresso Sigo-Aogoi-Agui
«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali, argomenti sui quali è necessaria grande accortezza» ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico e già vicepresidente nazionale Aogoi
di Lucia Oggianu
Staminali: Futura SA al passo con la ricerca allargando gli orizzonti
Il Consigliere d'Amministrazione Massimo Miraglia: “Il mercato internazionale della crioconservazione rappresenta una grandissima opportunità”
Arriva Holoclar, il primo farmaco a base di staminali. Ed è made in Italy
Ok dalla Commissione europea per il prodotto che cura le lesioni della cornea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone