Salute 28 Luglio 2014 15:07

Staminali cordonali, un’altra storia di speranza grazie al trapianto autologo

Risultati positivi dopo due interventi su una bambina italiana di 5 anni

Staminali cordonali, un’altra storia di speranza grazie al trapianto autologo

L’utilizzo a fini terapeutici delle cellule staminali cordonali non smette di regalare speranze ai pazienti e alla comunità scientifica. Proprio negli ultimi giorni, infatti, sono stati divulgati gli incoraggianti risultati dei due trapianti autologhi effettuati su una bambina italiana di 5 anni, affetta da paralisi cerebrale fin dalla nascita.

La risonanza magnetica, cui è stata sottoposta la piccola, ha riscontrato un’evidenza pressoché nulla nelle aree della corteccia cerebrale precedentemente molto alterate. Il corpo calloso sottile evidenziato a febbraio 2010 ha recuperato dimensioni definite normo-conformi. A distanza di un anno dal primo trapianto e sette mesi dal secondo, insomma, la bimba sta reagendo in modo molto positivo: ha raggiunto uno sviluppo cognitivo totale ed è in grado di parlare, oltre a registrare un netto miglioramento delle condizioni distoniche.

La bambina, prima italiana ad essere sottoposta ad un trapianto di staminali autologhe cordonali, è stata inserita all’inizio dello scorso anno nel protocollo scientifico coordinato dalla pediatra Joanne Kurtzberg al Medical Center della Duke University (Durham, North Carolina – USA). Un trial clinico controllato dalla FDA basato proprio sull’utilizzo delle staminali autologhe e condotto a livello mondiale su 60 bambini affetti da paralisi cerebrale, e che avevano a disposizione le cellule staminali del proprio cordone ombelicale, grazie alla scelta dei genitori di crioconservarle presso una banca privata.

Tra prospettive, normative, implicazioni etiche e terapeutiche, il tema della donazione e della conservazione delle cellule staminali cordonali non lascia indifferenti le istituzioni. La materia necessita di una regolamentazione ulteriore, che tenga conto dei benefici e dei progressi riscontrati in campo scientifico e che, al tempo stesso, promuova una corretta informazione. Sono questi gli obiettivi che animano un disegno di legge ad hoc attualmente in corso di approvazione al Senato, con relatrice Manuela Granaiola (PD), per incentivare la donazione, qualificare il sistema di raccolta nazionale e razionalizzare le banche adibite a tale scopo.

Articoli correlati
Covid-19, la speranza arriva dalle staminali cordonali. Il nuovo studio
La ricerca, pubblicata sulla rivista Stem Cells Translational Medicine, è stata coordinata dallo scienziato italiano Camillo Ricordi: «Le cellule staminali mesenchimali possono rappresentare un valido strumento contro la pandemia»
Cellule Staminali Cordonali salvano un paziente con leucemia a Vicenza
Un paziente affetto da leucemia, in gravi condizioni dopo il trapianto di midollo osseo, è stato salvato grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale. Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale salvano ancora vite. L’Italia si sta aprendo a queste nuove terapie. Lo sta facendo in quelle Cell Factory che possono produrre farmaci a base di cellule staminali. […]
di Dott.ssa Pierangela Totta, Responsabile Scientifica Futura Stem Cells
Covid-19, l’arma terapeutica potrebbe arrivare dalle cellule staminali del cordone
Studi clinici dimostrano l’efficacia delle cellule staminali prelevate da cordone ombelicale: infuse per endovena riducono l’infiammazione dovuta alla tempesta citochinica e consentono un miglioramento delle condizioni dei pazienti. Totta (Futura Stem Cells): «Legge italiana andrebbe rivista, terapia cellulare nuova frontiera»
Ricerca, dalle staminali speranza importante per la talassemia. Negli USA il primo trapianto del sangue in utero
Di Pierangela Totta, Direttore Scientifico Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Autologa solidale, differenze in Ue sulla conservazione delle staminali del cordone. Totta (Futura): «Modello ibrido pubblico-privato il migliore, Italia colga occasione»
Nel nostro paese soltanto nel 4% dei parti viene raccolto il sangue cordonale mentre nel mondo vengono effettuati migliaia di trapianti di cellule staminali del sangue per combattere numerose malattie. Del tema si è parlato nel convegno "La scelta di essere mamma" presso la Sala Isma del Senato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...