Salute 3 Dicembre 2018

SSN, Dario Galli: «Nostri medici i più bravi e i meno pagati». L’identikit del personale sanitario secondo il viceministro del MiSE

L’intervista a Sanità Informazione: «Il progresso tecnologico procede a gamba tesa ma con tempi e modalità differenti rispetto alle zone in cui si sviluppa»

Immagine articolo

«L’innovazione tecnologica è una parte fondante del sistema sanitario e ne caratterizza la qualità e l’efficienza», lo dichiara Dario Galli, viceministro allo Sviluppo economico in un’intervista esclusiva a Sanità Informazione in cui racconta la sua idea di futuro della sanità. In un Paese in perenne conflitto fra maggioranze e opposizioni «almeno sull’utilità della tecnologia in campo sanitario siamo tutti d’accordo – aggiunge Galli -, una sanità che riesce a trovare al proprio interno le risorse e gli stimoli, le energie per andare avanti nella ricerca ed essere sempre più all’avanguardia è garanzia di qualità per tutto il sistema sanitario».

La nota dolente del processo tecnologico in Italia è che si differenzia da Regione a Regione, infatti «bisognerebbe sicuramente riequilibrare il sistema perché in alcune zone del Paese la qualità è decisamente diversa rispetto ad altre – spiega il viceministro leghista -. Questa differenza si evince ad esempio nel settore farmaceutico, nella ricerca, ma anche nella modalità di gestione degli ospedali». Basta pensare a quanto sia fondamentale il progresso tecnologico «nelle sale operatorie, nella capacità di diagnosi il più possibile anticipate, in tutta la strumentazione dei medici nel loro lavoro. Qualcosa di assolutamente determinante dove, devo dire, almeno nelle nostre zone siamo assolutamente ben messi, ma è una spinta che non deve essere lasciata ferma ma deve proseguire il più possibile verso il futuro».

Sul fronte politico, Galli mette l’accento sul mancato rinnovo del contratto della dirigenza medica che definisce «un problema endemico del Paese» di difficile risoluzione. Un’incognita che coinvolge anche «le figure più indispensabili, quelle più professionalizzate. Tutti gli attori del sistema – prosegue – subiscono questa situazione determinata da mancanza di risorse che devono essere distribuite equamente. Per cui questa è una situazione che credo si risolverà solo nel tempo se avremo la forza e la capacità di riordinare e riassettare in maniera più efficiente il sistema della struttura pubblica nel suo complesso».

LEGGI ANCHE: FARMACI E INNOVAZIONE, L’HEALTH TECH SPOSA IL PHARMA E MIGLIORA L’ADERENZA TERAPEUTICA DEI MALATI CRONICI

«D’altra parte – continua il viceministro -, io credo che i medici, come tutto il personale del settore sanitario, facciano bene a far valere le proprie esigenze, le proprie necessità sindacali e contrattuali. Però credo che, anche se viene distribuito di più o di meno a livello contrattuale, va ricordato che il personale sanitario italiano in genere è tra i più qualificati al mondo ed è altrettanto il meno pagato tra le nazioni del mondo più sviluppato».

«Al di là del contratto, questa è l’occasione per ringraziare queste persone che lavorano tanto accontentandosi di poco, perlomeno di meno di quanto guadagnerebbero nella vicina Svizzera dove la maggior parte di loro potrebbe avere uno stipendio doppio o triplo. Tuttavia – conclude -, l’attaccamento al lavoro, l’amore che hanno nei confronti dei cittadini che curano e quasi sempre guariscono, è comunque da sottolineare come una caratteristica assolutamente positiva del nostro sistema sanitario che ribadisco, al di là dell’organizzazione dei mezzi e dei soldi, è basato soprattutto sulla volontà e sulla capacità professionale dei suoi operatori».

Articoli correlati
“Insieme contro il cancro”, la politica si unisce per i pazienti. Comaroli (Lega): «Al lavoro su accesso alle cure migliori e qualità della vita»
L’intergruppo parlamentare, presieduto dalla deputata della Lega, vede tra i suoi obiettivi quello di attuare un nuovo piano oncologico e di incentivare gli screening molecolari: «Non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia»
RIA, indennità di esclusività, aumenti: intersindacale chiede incontro a Garavaglia per sbloccare rinnovo contratto
Tra le richieste che i sindacati avanzeranno al viceministro dell’Economia quello dell’aumento del 3,48% che per il 2018 non sarebbe garantito dal finanziamento del CCNL
Governo, nominati i sottosegretari: alla Salute il medico Bartolazzi (M5S) e il leghista Fugatti
L’anatomo patologo del Sant’Andrea era già nella squadra di governo M5S indicata da Luigi Di Maio prima delle elezioni. Tra le nomine anche quella di Vincenzo Zoccano, presidente del Forum italiano per la disabilità e di Massimo Garavaglia al MEF
Sanità, i consigli dell’ex Ministro Sirchia al nuovo governo: «Senza prevenzione salta Ssn. Medici emarginati, fermare concezione aziendalistica»
L’immunoematologo, per quattro anni alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa, chiede di tornare allo spirito originario del Ssn: «È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. Necessario rivedere intramoenia»
Governo, Magi (Sumai) – Scotti (Fimmg) – Biasci (Fimp): «Fare presto per rinnovi contrattuali e aumento fondo sanitario». E lanciano Garavaglia ministro
In una nota congiunta i tre sottolineano che «investimenti e responsabilità di governo per la sanità e per il futuro produttivo del Paese non possono più attendere». Il leghista, già presidente del Comitato di settore delle Regioni, «sarebbe la giusta sintesi per esperienza e competenze»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone