Salute 5 novembre 2018

“Insieme contro il cancro”, la politica si unisce per i pazienti. Comaroli (Lega): «Al lavoro su accesso alle cure migliori e qualità della vita»

L’intergruppo parlamentare, presieduto dalla deputata della Lega, vede tra i suoi obiettivi quello di attuare un nuovo piano oncologico e di incentivare gli screening molecolari: «Non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia»

Immagine articolo

Tre milioni e trecentomila persone. Tanti in Italia sono i pazienti che convivono con il cancro: ben il 5% della popolazione e ogni anno ben 373mila sono i nuovi casi. Un dato che evidenzia come ormai questa malattia possa spesso essere tenuta ‘sotto controllo’, attraverso un lavoro e un approccio che coinvolge anche il Servizio sanitario nazionale. Una sfida che riguarda da vicino anche la politica: per questo è stato ricostituito l’Intergruppo parlamentare “Insieme per un impegno contro il cancro” che nasce dall’accordo fra le 21 associazioni di pazienti oncologici del progetto “La salute un bene da difendere, un diritto da promuovere” e le forze politiche candidate alle elezioni legislative del 4 marzo. Un intergruppo costituito da parlamentari di tutte le forze politiche e che avrà tra i suoi principali obiettivi quello di azzerare le notevoli disparità di trattamento dovute alle diverse gestioni all’interno delle singole Regioni, che determinano tempi e qualità delle prestazioni profondamente diversi. Tra gli obiettivi quello di lavorare con il Governo nazionale per garantire l’adozione di un nuovo Piano Oncologico basato sulla centralità del paziente, promuovere a livello territoriale l’approccio multidisciplinare e il lavoro di équipe, lavorare per mantenere un adeguato e sostenibile finanziamento del Fondo per i farmaci oncologici innovativi, porre in essere campagne di comunicazione più efficaci per promuovere l’adesione agli screening oncologici garantiti, lavorare per combattere il fenomeno delle fake news. «Siamo politici e non tecnici e per questo abbiamo bisogno di consigli e suggerimenti per adeguare la normativa in materia», spiega a Sanità Informazione Silvana Andreina Comaroli, deputata della Lega e presidente dell’Intergruppo, che vede tra gli altri l’adesione del viceministro all’Economia Massimo Garavaglia. Una presenza, quella di Garavaglia, che certamente potrà favorire quel lavoro di raccordo tra le proposte dell’intergruppo e il lavoro dell’esecutivo.

Onorevole Comaroli, lei è presidente dell’intergruppo parlamentare sui tumori che è stato ricostituito dopo che si era già stato formato nella scorsa Legislatura. Nella giornata di presentazione ha presenziato una personalità autorevole come il viceministro all’Economia Massimo Garavaglia. Quali sono gli obiettivi di questo intergruppo?

«Innanzitutto quello di ascoltare tutte le associazioni dei pazienti e dei medici: noi riteniamo che, essendo politici, abbiamo bisogno di avere dei consigli e dei suggerimenti proprio per adeguare quella che è tutta la normativa e per far sì che migliori la qualità di vita dei cittadini che stanno subendo questa grave malattia. Purtroppo i tumori sono sempre in aumento e abbiamo sottoscritto un protocollo di 15 punti per sostenere il cittadino alle prese con questa malattia. In modo particolare di incentivare e facilitare le reti degli oncologi a livello regionale in modo che possano colloquiare l’un l’altra per far sì che il cittadino abbia il punto di riferimento migliore per la sua tipologia di cancro. Un’altra cosa che ci stiamo riservando di fare è proprio di mettere al centro quello che è il paziente. Il paziente molte volte ha bisogno di far sì che la sua qualità di vita non si deteriori. Sia la sua che quella dei familiari. Molte volte ci dobbiamo ricordare che non è solo il paziente ma tutta la famiglia che subisce il percorso psicologico spesso molto difficile: noi vogliamo facilitare quello che è questo percorso. Un’altra cosa è incentivare la prevenzione con degli screening molecolari, per esempio, e tutte queste cose le vogliamo fare proprio insieme alle associazioni dei medici e dei pazienti per fare in modo di dare delle risposte effettivamente adeguate».

LEGGI ANCHE: REGISTRO TUMORI, LA LEGGE ARRIVA AL SENATO. CASTELLONE (M5S): «AVREMO ARMA FONDAMENTALE PER INDIVIDUARE TUTTE LE TERRE DEI FUOCHI ITALIANE»

Uno dei problemi è la disparità di cure tra una regione e un’altra. Le reti oncologiche potrebbero colmare questa lacuna

«Assolutamente sì. Dobbiamo purtroppo registrare disparità a livello regionale. Pensiamo che nonostante ci si sia impegnati a costituire le Breast unit in tutte le regioni molte volte alcune regioni o province ne sono ancora sguarnite. Anche da questo punto di vista ci siamo impegnati ad incentivare o agevolare la costituzione».

Ecco, nell’intergruppo sono presenti parlamentari di tutti i gruppi politici e di numerose associazioni di pazienti…

«Assolutamente. Questo è bello perché non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia. Ci sono di tutti gli schieramenti politici: Forza Italia, Pd, Cinque Stelle, Lega. Il gruppo infatti si chiama “Insieme per un impegno contro il cancro”. Questo è il nostro obiettivo: lavorare tutti insieme ascoltando. È fondamentale ascoltare chi è più preparato. Io mi ritengo un politico e non un tecnico del settore, quindi abbiamo necessità di questi consigli».

Ci sono già disegni di legge in cantiere?

«Ce ne sono già diversi, vediamo di agevolare l’iter sottoponendo al governo di condividerli e far sì che si arrivi a un risultato di approvazione di questi disegni di legge».

Articoli correlati
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Cancro, il direttore dello IARC Wild: «Grazie a prevenzione, diagnosi precoce e terapia c’è speranza per sconfiggerlo»
Il numero uno dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ai nostri microfoni: «Oggi potremmo prevenire il 50% dei tumori. Fondamentale conoscerne le cause, tra le quali c’è anche il cambiamento climatico»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
SSN, Dario Galli: «Nostri medici i più bravi e i meno pagati». L’identikit del personale sanitario secondo il viceministro del MiSE
L’intervista a Sanità Informazione: «Il progresso tecnologico procede a gamba tesa ma con tempi e modalità differenti rispetto alle zone in cui si sviluppa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano