Politica 5 Novembre 2018 13:55

“Insieme contro il cancro”, la politica si unisce per i pazienti. Comaroli (Lega): «Al lavoro su accesso alle cure migliori e qualità della vita»

L’intergruppo parlamentare, presieduto dalla deputata della Lega, vede tra i suoi obiettivi quello di attuare un nuovo piano oncologico e di incentivare gli screening molecolari: «Non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia»

“Insieme contro il cancro”, la politica si unisce per i pazienti. Comaroli (Lega): «Al lavoro su accesso alle cure migliori e qualità della vita»

Tre milioni e trecentomila persone. Tanti in Italia sono i pazienti che convivono con il cancro: ben il 5% della popolazione e ogni anno ben 373mila sono i nuovi casi. Un dato che evidenzia come ormai questa malattia possa spesso essere tenuta ‘sotto controllo’, attraverso un lavoro e un approccio che coinvolge anche il Servizio sanitario nazionale. Una sfida che riguarda da vicino anche la politica: per questo è stato ricostituito l’Intergruppo parlamentare “Insieme per un impegno contro il cancro” che nasce dall’accordo fra le 21 associazioni di pazienti oncologici del progetto “La salute un bene da difendere, un diritto da promuovere” e le forze politiche candidate alle elezioni legislative del 4 marzo. Un intergruppo costituito da parlamentari di tutte le forze politiche e che avrà tra i suoi principali obiettivi quello di azzerare le notevoli disparità di trattamento dovute alle diverse gestioni all’interno delle singole Regioni, che determinano tempi e qualità delle prestazioni profondamente diversi. Tra gli obiettivi quello di lavorare con il Governo nazionale per garantire l’adozione di un nuovo Piano Oncologico basato sulla centralità del paziente, promuovere a livello territoriale l’approccio multidisciplinare e il lavoro di équipe, lavorare per mantenere un adeguato e sostenibile finanziamento del Fondo per i farmaci oncologici innovativi, porre in essere campagne di comunicazione più efficaci per promuovere l’adesione agli screening oncologici garantiti, lavorare per combattere il fenomeno delle fake news. «Siamo politici e non tecnici e per questo abbiamo bisogno di consigli e suggerimenti per adeguare la normativa in materia», spiega a Sanità Informazione Silvana Andreina Comaroli, deputata della Lega e presidente dell’Intergruppo, che vede tra gli altri l’adesione del viceministro all’Economia Massimo Garavaglia. Una presenza, quella di Garavaglia, che certamente potrà favorire quel lavoro di raccordo tra le proposte dell’intergruppo e il lavoro dell’esecutivo.

Onorevole Comaroli, lei è presidente dell’intergruppo parlamentare sui tumori che è stato ricostituito dopo che si era già stato formato nella scorsa Legislatura. Nella giornata di presentazione ha presenziato una personalità autorevole come il viceministro all’Economia Massimo Garavaglia. Quali sono gli obiettivi di questo intergruppo?

«Innanzitutto quello di ascoltare tutte le associazioni dei pazienti e dei medici: noi riteniamo che, essendo politici, abbiamo bisogno di avere dei consigli e dei suggerimenti proprio per adeguare quella che è tutta la normativa e per far sì che migliori la qualità di vita dei cittadini che stanno subendo questa grave malattia. Purtroppo i tumori sono sempre in aumento e abbiamo sottoscritto un protocollo di 15 punti per sostenere il cittadino alle prese con questa malattia. In modo particolare di incentivare e facilitare le reti degli oncologi a livello regionale in modo che possano colloquiare l’un l’altra per far sì che il cittadino abbia il punto di riferimento migliore per la sua tipologia di cancro. Un’altra cosa che ci stiamo riservando di fare è proprio di mettere al centro quello che è il paziente. Il paziente molte volte ha bisogno di far sì che la sua qualità di vita non si deteriori. Sia la sua che quella dei familiari. Molte volte ci dobbiamo ricordare che non è solo il paziente ma tutta la famiglia che subisce il percorso psicologico spesso molto difficile: noi vogliamo facilitare quello che è questo percorso. Un’altra cosa è incentivare la prevenzione con degli screening molecolari, per esempio, e tutte queste cose le vogliamo fare proprio insieme alle associazioni dei medici e dei pazienti per fare in modo di dare delle risposte effettivamente adeguate».

LEGGI ANCHE: REGISTRO TUMORI, LA LEGGE ARRIVA AL SENATO. CASTELLONE (M5S): «AVREMO ARMA FONDAMENTALE PER INDIVIDUARE TUTTE LE TERRE DEI FUOCHI ITALIANE»

Uno dei problemi è la disparità di cure tra una regione e un’altra. Le reti oncologiche potrebbero colmare questa lacuna

«Assolutamente sì. Dobbiamo purtroppo registrare disparità a livello regionale. Pensiamo che nonostante ci si sia impegnati a costituire le Breast unit in tutte le regioni molte volte alcune regioni o province ne sono ancora sguarnite. Anche da questo punto di vista ci siamo impegnati ad incentivare o agevolare la costituzione».

Ecco, nell’intergruppo sono presenti parlamentari di tutti i gruppi politici e di numerose associazioni di pazienti…

«Assolutamente. Questo è bello perché non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia. Ci sono di tutti gli schieramenti politici: Forza Italia, Pd, Cinque Stelle, Lega. Il gruppo infatti si chiama “Insieme per un impegno contro il cancro”. Questo è il nostro obiettivo: lavorare tutti insieme ascoltando. È fondamentale ascoltare chi è più preparato. Io mi ritengo un politico e non un tecnico del settore, quindi abbiamo necessità di questi consigli».

Ci sono già disegni di legge in cantiere?

«Ce ne sono già diversi, vediamo di agevolare l’iter sottoponendo al governo di condividerli e far sì che si arrivi a un risultato di approvazione di questi disegni di legge».

Articoli correlati
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Tumori cutanei non melanoma, al via il progetto SKINConnecting
I tumori della cute cosiddetti non melanoma skin cancer (NMSC) sono tra le patologie oncologiche più diffuse. Con incidenza in continua crescita, possono colpire soggetti di qualsiasi età, soprattutto avanzata, spesso affetti da altre patologie concomitanti e sono causa di decine di migliaia di interventi chirurgici e decessi ogni anno. In Italia, i non melanoma […]
Piano europeo contro il cancro, Costa: «Paesi siano coordinati e usino budget comune»
Il co-fondatore di Onda e già segretario della scuola europea di Oncologia di Veronesi sarà special adviser della commissaria alla salute per l’attuazione del piano Beating Cancer a cui sono stati destinati 4 miliardi di euro di finanziamento
di Federica Bosco
In Europa un milione di diagnosi di cancro in meno a causa della pandemia. Foce e Aiom: «È tempo di agire»
L’appello della Federazione che riunisce Oncologi, Cardiologi ed Ematologi e della Società Scientifica degli oncologi: «Alla sanità italiana servono maggiori investimenti e risorse»
Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è
Sono 5 i centri in tutto il mondo, in Italia si trova a Pavia. 1185 pazienti con tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie sono stati trattati con protoni e ioni di carbonio
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.944.127 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.236.600 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva