Salute 5 Novembre 2018

“Insieme contro il cancro”, la politica si unisce per i pazienti. Comaroli (Lega): «Al lavoro su accesso alle cure migliori e qualità della vita»

L’intergruppo parlamentare, presieduto dalla deputata della Lega, vede tra i suoi obiettivi quello di attuare un nuovo piano oncologico e di incentivare gli screening molecolari: «Non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia»

Immagine articolo

Tre milioni e trecentomila persone. Tanti in Italia sono i pazienti che convivono con il cancro: ben il 5% della popolazione e ogni anno ben 373mila sono i nuovi casi. Un dato che evidenzia come ormai questa malattia possa spesso essere tenuta ‘sotto controllo’, attraverso un lavoro e un approccio che coinvolge anche il Servizio sanitario nazionale. Una sfida che riguarda da vicino anche la politica: per questo è stato ricostituito l’Intergruppo parlamentare “Insieme per un impegno contro il cancro” che nasce dall’accordo fra le 21 associazioni di pazienti oncologici del progetto “La salute un bene da difendere, un diritto da promuovere” e le forze politiche candidate alle elezioni legislative del 4 marzo. Un intergruppo costituito da parlamentari di tutte le forze politiche e che avrà tra i suoi principali obiettivi quello di azzerare le notevoli disparità di trattamento dovute alle diverse gestioni all’interno delle singole Regioni, che determinano tempi e qualità delle prestazioni profondamente diversi. Tra gli obiettivi quello di lavorare con il Governo nazionale per garantire l’adozione di un nuovo Piano Oncologico basato sulla centralità del paziente, promuovere a livello territoriale l’approccio multidisciplinare e il lavoro di équipe, lavorare per mantenere un adeguato e sostenibile finanziamento del Fondo per i farmaci oncologici innovativi, porre in essere campagne di comunicazione più efficaci per promuovere l’adesione agli screening oncologici garantiti, lavorare per combattere il fenomeno delle fake news. «Siamo politici e non tecnici e per questo abbiamo bisogno di consigli e suggerimenti per adeguare la normativa in materia», spiega a Sanità Informazione Silvana Andreina Comaroli, deputata della Lega e presidente dell’Intergruppo, che vede tra gli altri l’adesione del viceministro all’Economia Massimo Garavaglia. Una presenza, quella di Garavaglia, che certamente potrà favorire quel lavoro di raccordo tra le proposte dell’intergruppo e il lavoro dell’esecutivo.

Onorevole Comaroli, lei è presidente dell’intergruppo parlamentare sui tumori che è stato ricostituito dopo che si era già stato formato nella scorsa Legislatura. Nella giornata di presentazione ha presenziato una personalità autorevole come il viceministro all’Economia Massimo Garavaglia. Quali sono gli obiettivi di questo intergruppo?

«Innanzitutto quello di ascoltare tutte le associazioni dei pazienti e dei medici: noi riteniamo che, essendo politici, abbiamo bisogno di avere dei consigli e dei suggerimenti proprio per adeguare quella che è tutta la normativa e per far sì che migliori la qualità di vita dei cittadini che stanno subendo questa grave malattia. Purtroppo i tumori sono sempre in aumento e abbiamo sottoscritto un protocollo di 15 punti per sostenere il cittadino alle prese con questa malattia. In modo particolare di incentivare e facilitare le reti degli oncologi a livello regionale in modo che possano colloquiare l’un l’altra per far sì che il cittadino abbia il punto di riferimento migliore per la sua tipologia di cancro. Un’altra cosa che ci stiamo riservando di fare è proprio di mettere al centro quello che è il paziente. Il paziente molte volte ha bisogno di far sì che la sua qualità di vita non si deteriori. Sia la sua che quella dei familiari. Molte volte ci dobbiamo ricordare che non è solo il paziente ma tutta la famiglia che subisce il percorso psicologico spesso molto difficile: noi vogliamo facilitare quello che è questo percorso. Un’altra cosa è incentivare la prevenzione con degli screening molecolari, per esempio, e tutte queste cose le vogliamo fare proprio insieme alle associazioni dei medici e dei pazienti per fare in modo di dare delle risposte effettivamente adeguate».

LEGGI ANCHE: REGISTRO TUMORI, LA LEGGE ARRIVA AL SENATO. CASTELLONE (M5S): «AVREMO ARMA FONDAMENTALE PER INDIVIDUARE TUTTE LE TERRE DEI FUOCHI ITALIANE»

Uno dei problemi è la disparità di cure tra una regione e un’altra. Le reti oncologiche potrebbero colmare questa lacuna

«Assolutamente sì. Dobbiamo purtroppo registrare disparità a livello regionale. Pensiamo che nonostante ci si sia impegnati a costituire le Breast unit in tutte le regioni molte volte alcune regioni o province ne sono ancora sguarnite. Anche da questo punto di vista ci siamo impegnati ad incentivare o agevolare la costituzione».

Ecco, nell’intergruppo sono presenti parlamentari di tutti i gruppi politici e di numerose associazioni di pazienti…

«Assolutamente. Questo è bello perché non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia. Ci sono di tutti gli schieramenti politici: Forza Italia, Pd, Cinque Stelle, Lega. Il gruppo infatti si chiama “Insieme per un impegno contro il cancro”. Questo è il nostro obiettivo: lavorare tutti insieme ascoltando. È fondamentale ascoltare chi è più preparato. Io mi ritengo un politico e non un tecnico del settore, quindi abbiamo necessità di questi consigli».

Ci sono già disegni di legge in cantiere?

«Ce ne sono già diversi, vediamo di agevolare l’iter sottoponendo al governo di condividerli e far sì che si arrivi a un risultato di approvazione di questi disegni di legge».

Articoli correlati
Tumori, alla Camera passa mozione per cure e assistenza a pazienti oncologici. Lazzarini (Lega): «Grande soddisfazione»
«Esprimiamo soddisfazione per l’approvazione all’unanimità della mozione, depositata nel marzo scorso a mia prima firma, che impegna il Governo ad assumere iniziative a favore della cura e dell’assistenza dei pazienti oncologici». Così Arianna Lazzarini, deputata della Lega e Segretario della Commissione Affari sociali di Montecitorio, e prima firmataria della mozione, approvata dalla Camera, che impegna […]
Oncologia, al Fatebenefratelli laboratori di bellezza gratuiti per donare un sorriso alle donne in terapia
Parte al Fatebenefratelli-Isola Tiberina di Roma il servizio gratuito dei laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico, promosso da La forza e il sorriso Onlus presso l’Ospedale. L’iniziativa, che non interferisce con le cure mediche né intende in alcun modo sostituirsi a esse, si propone attraverso i laboratori gratuiti di offrire alle donne in […]
“Apolide”, l’amicizia tra un oncologo e un migrante diventa un cortometraggio
Presentato in apertura degli Stati generali della professione medica di FNOMCeO, il cortometraggio racconta il legame di amicizia instaurato tra il dottor Gallera e Dabo, un migrante nato in Guinea
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
«Io, il cancro e il Trono di Spade…»
«Quando mi hanno diagnosticato un cancro incurabile, ho pensato che avrei potuto non scoprire come finisce la saga»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...