Salute 21 Aprile 2022 15:52

Spunta una nuova «sorella» di Omicron, è già il 20% dei casi negli Usa

I Centers for Disease Control and Prevention degli Usa hanno individuato un’altra versione della variante Omicron, che potrebbe rappresentare una nuova minaccia

Spunta una nuova «sorella» di Omicron, è già il 20% dei casi negli Usa

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Usa hanno individuato un’altra versione della variante Omicron, che potrebbe rappresentare una nuova minaccia. Si tratta di BA.2.12.1 e la scorsa settimana costituiva già il 19% dei nuovi casi in America, quando la settimana prima costituiva l’11 per cento e la settimana prima ancora il 7 per cento. La velocità con cui BA.2.12.1 sta superando BA.2, la cosiddetta Omicron 2, è all’incirca simile a quella con la quale BA.2 ha superato il suo «cugino» BA.1, secondo Trevor Bedford, epidemiologo e scienziato genomico presso la School of Public Health dell’Università di Washington.

Insieme a Omicron 2, la nuova sottovariante rappresenta il 93% dei nuovi casi negli Usa

Sebbene BA.2 sia ancora molto in circolazione, ha perso terreno. La scorsa settimana, secondo i dati dei CDC, ha causato circa il 74% dei casi di Covid-19, in calo rispetto a quasi il 76% della settimana prima. Insieme a BA.2, BA.2.12.1 hanno costituito circa il 93% dei nuovi casi di Covid-19 negli Stati Uniti la scorsa settimana. «BA.2.12.1 è aumentato rapidamente in proporzione negli Stati Uniti rispetto ad altri sottolinee BA.2», specialmente nella regione che include New York e New Jersey, ha affermato la portavoce dei CDC Kristen Nordlund.

A New York le autorità invitano la popolazione a considerare tutte le misure preventive

La scorsa settimana, il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha allertato i residenti delle nuove varianti «sorelle» di Omicron, avvertendo che si stavano diffondendo circa il 25 per cento più velocemente di BA.2 e stavano causando un aumento dei casi di Covid-19 e dei ricoveri, in particolare nella parte centrale dello Stato. Le autorità ha esortato i newyorkesi ad «agire rapidamente» per prendere in considerazione l’uso delle mascherine, la somministrazione di un vaccino di richiamo, di sottoporsi a test se presentavano i sintomi e per cercare cure se infetti.

Preoccupazioni per le mutazioni delle «sorelle» di Omicron

I funzionari sono preoccupati per le «propaggini» di BA.2 perché hanno scambiato pezzi delle loro proteine ​​​​spike in posizioni chiave chiamate L452Q e S704L. I virologi hanno già visto mutazioni in quelle posizioni. La variante Delta aveva un «interruttore» a 452 e questo ha aiutato il virus a legarsi più strettamente ai recettori ACE2 sulle nostre cellule. «E quelle mutazioni consentono al virus di entrare nelle cellule più velocemente e contribuiscono anche a eludere le risposte anticorpali generate dalla vaccinazione o dall’infezione», ha affermato Andy Pekosz della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Allo studio le mutazioni che potrebbero aumentare la diffusione del virus

«Quello che in realtà non sappiamo in questo momento è quanto queste mutazioni contribuiranno all’aumento della diffusione o all’aumento della gravità della malattia», ha detto Pekosz. «È qualcosa che ci vorrà del tempo per capire», ha aggiunto. Anche il fatto che i casi stiano aumentando a New York è un po’ preoccupante. Significa che questi virus sono bravi a superare le nostre difese immunitarie. «La stragrande maggioranza delle persone a New York è stata vaccinata o infettata o entrambi. E quindi quello che stiamo vedendo sono reinfezioni. Stiamo assistendo a questa evasività immunitaria», ha affermato Daniel Griffin, medico e ricercatore della Columbia University.

Il virus sembra captare mutazioni che lo rendono più trasmissibili

Altre due sottovarianti di Omicron, BA.4 e BA.5, hanno iniziato a circolare a livelli bassi in altre parti del mondo, tra cui Sud Africa, Botswana, Germania e Danimarca. Hanno anche mutazioni a 452, tra le altre. «Penso che sia interessante il fatto che ci stessimo spostando verso un diverso tipo di regime nell’evoluzione di SARS-CoV-2, in quanto il virus è in grado di captare mutazioni che sono più trasmissibili, almeno le abbiamo viste tre volte con Omicron. Quindi penso che da un punto di vista scientifico sia interessante», ha affermato Shishi Luo, direttore associato di bioinformatica e malattie infettive presso Helix, un’azienda che sta monitorando le varianti del coronavirus.

Al momenti i vaccini anti-Covid mantengono la loro protezione da esiti gravi

Cosa potrebbero significare queste sottovarianti per la salute pubblica è ancora una questione aperta. Luo dice che è troppo presto per sapere quanto bene gli attuali vaccini Covid-19 difendano dalle sottovarianti, ma spera che, poiché sono correlati a BA.2, la protezione contro esiti gravi come il ricovero e la morte reggerà. Lo scienziato, inoltre, osserva che gli esperti non hanno visto che le nuove sottovarianti aumentano i ricoveri per Covid-19 in paesi come il Sud Africa. Quindi spera che anche se i casi cominceranno ad aumentare negli Usa, i ricoveri continueranno a rimanere bassi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...