Salute 21 Aprile 2022 15:52

Spunta una nuova «sorella» di Omicron, è già il 20% dei casi negli Usa

I Centers for Disease Control and Prevention degli Usa hanno individuato un’altra versione della variante Omicron, che potrebbe rappresentare una nuova minaccia

Spunta una nuova «sorella» di Omicron, è già il 20% dei casi negli Usa

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Usa hanno individuato un’altra versione della variante Omicron, che potrebbe rappresentare una nuova minaccia. Si tratta di BA.2.12.1 e la scorsa settimana costituiva già il 19% dei nuovi casi in America, quando la settimana prima costituiva l’11 per cento e la settimana prima ancora il 7 per cento. La velocità con cui BA.2.12.1 sta superando BA.2, la cosiddetta Omicron 2, è all’incirca simile a quella con la quale BA.2 ha superato il suo «cugino» BA.1, secondo Trevor Bedford, epidemiologo e scienziato genomico presso la School of Public Health dell’Università di Washington.

Insieme a Omicron 2, la nuova sottovariante rappresenta il 93% dei nuovi casi negli Usa

Sebbene BA.2 sia ancora molto in circolazione, ha perso terreno. La scorsa settimana, secondo i dati dei CDC, ha causato circa il 74% dei casi di Covid-19, in calo rispetto a quasi il 76% della settimana prima. Insieme a BA.2, BA.2.12.1 hanno costituito circa il 93% dei nuovi casi di Covid-19 negli Stati Uniti la scorsa settimana. «BA.2.12.1 è aumentato rapidamente in proporzione negli Stati Uniti rispetto ad altri sottolinee BA.2», specialmente nella regione che include New York e New Jersey, ha affermato la portavoce dei CDC Kristen Nordlund.

A New York le autorità invitano la popolazione a considerare tutte le misure preventive

La scorsa settimana, il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha allertato i residenti delle nuove varianti «sorelle» di Omicron, avvertendo che si stavano diffondendo circa il 25 per cento più velocemente di BA.2 e stavano causando un aumento dei casi di Covid-19 e dei ricoveri, in particolare nella parte centrale dello Stato. Le autorità ha esortato i newyorkesi ad «agire rapidamente» per prendere in considerazione l’uso delle mascherine, la somministrazione di un vaccino di richiamo, di sottoporsi a test se presentavano i sintomi e per cercare cure se infetti.

Preoccupazioni per le mutazioni delle «sorelle» di Omicron

I funzionari sono preoccupati per le «propaggini» di BA.2 perché hanno scambiato pezzi delle loro proteine ​​​​spike in posizioni chiave chiamate L452Q e S704L. I virologi hanno già visto mutazioni in quelle posizioni. La variante Delta aveva un «interruttore» a 452 e questo ha aiutato il virus a legarsi più strettamente ai recettori ACE2 sulle nostre cellule. «E quelle mutazioni consentono al virus di entrare nelle cellule più velocemente e contribuiscono anche a eludere le risposte anticorpali generate dalla vaccinazione o dall’infezione», ha affermato Andy Pekosz della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Allo studio le mutazioni che potrebbero aumentare la diffusione del virus

«Quello che in realtà non sappiamo in questo momento è quanto queste mutazioni contribuiranno all’aumento della diffusione o all’aumento della gravità della malattia», ha detto Pekosz. «È qualcosa che ci vorrà del tempo per capire», ha aggiunto. Anche il fatto che i casi stiano aumentando a New York è un po’ preoccupante. Significa che questi virus sono bravi a superare le nostre difese immunitarie. «La stragrande maggioranza delle persone a New York è stata vaccinata o infettata o entrambi. E quindi quello che stiamo vedendo sono reinfezioni. Stiamo assistendo a questa evasività immunitaria», ha affermato Daniel Griffin, medico e ricercatore della Columbia University.

Il virus sembra captare mutazioni che lo rendono più trasmissibili

Altre due sottovarianti di Omicron, BA.4 e BA.5, hanno iniziato a circolare a livelli bassi in altre parti del mondo, tra cui Sud Africa, Botswana, Germania e Danimarca. Hanno anche mutazioni a 452, tra le altre. «Penso che sia interessante il fatto che ci stessimo spostando verso un diverso tipo di regime nell’evoluzione di SARS-CoV-2, in quanto il virus è in grado di captare mutazioni che sono più trasmissibili, almeno le abbiamo viste tre volte con Omicron. Quindi penso che da un punto di vista scientifico sia interessante», ha affermato Shishi Luo, direttore associato di bioinformatica e malattie infettive presso Helix, un’azienda che sta monitorando le varianti del coronavirus.

Al momenti i vaccini anti-Covid mantengono la loro protezione da esiti gravi

Cosa potrebbero significare queste sottovarianti per la salute pubblica è ancora una questione aperta. Luo dice che è troppo presto per sapere quanto bene gli attuali vaccini Covid-19 difendano dalle sottovarianti, ma spera che, poiché sono correlati a BA.2, la protezione contro esiti gravi come il ricovero e la morte reggerà. Lo scienziato, inoltre, osserva che gli esperti non hanno visto che le nuove sottovarianti aumentano i ricoveri per Covid-19 in paesi come il Sud Africa. Quindi spera che anche se i casi cominceranno ad aumentare negli Usa, i ricoveri continueranno a rimanere bassi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...