Salute 5 Gennaio 2018 14:14

Sperimentata al Gemelli di Roma mano bionica che restituisce il tatto

Sviluppata in Italia e impiantata sul braccio di una donna, la protesi permette al paziente di percepire la consistenza degli oggetti, trasmettendo le informazioni al cervello tramite elettrodi impiantati nel braccio

Dopo aver perso la mano sinistra in un incidente stradale, la sua vita era drasticamente cambiata. Poi, una nuova speranza. Almerina Mascarello, la prima donna italiana a testare una mano bionica per recuperare il tatto, è tornata dopo un intervento rivoluzionario a fare tutto quel che faceva prima della perdita dell’arto. Ciò è potuto avvenire grazie ad un impianto, in fase sperimentale, eseguito dal dottor Paolo Maria Rossini, Responsabile della Struttura complessa di Neurologia del Policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma: «Abbiamo operato e seguito dal 2009 ad oggi 5 persone e Almerina è stata la prima donna, la prima italiana e la prima a indossare l’impianto per sei mesi, anche al di fuori del laboratorio» ha spiegato il neurologo ad AdnKronos Salute.

Il progetto è stato realizzato e portato avanti da un team di ingegneri, neuroscienziati, chirurghi, esperti di elettronica e robotica di tre diverse nazionalità: Italia, Germania e Svizzera: «In Germania hanno messo a punto gli elettrodi, a Losanna il software e noi ci siamo occupati dell’impianto», ha spiegato ancora il dottor Rossini.

La mano “bionica” è formata da sensori che hanno la capacità di rilevare la consistenza dell’oggetto toccato. Queste informazioni vengono elaborate da un computer (contenuto in uno zaino, per permettere al paziente di poter uscire fuori casa) che li trasforma in segnali che vengono trasmessi direttamente al cervello attraverso elettrodi impiantati all’interno dei nervi del braccio.

«La sensazione è spontanea – ha commentato la donna alla BBC – come se fosse la tua vera mano. Sei finalmente in grado di fare cose che prima erano difficili, come vestirti, indossare scarpe, tutte cose banali ma importanti. Ti senti completo».

Almerina ha indossato la mano bionica per sei mesi, ma ora il prototipo è stato rimosso. La ricerca prosegue: la speranza è quella di arrivare a ulteriori miniaturizzazioni per poi trovare aziende disposte a produrla e garantirne l’assistenza tecnica, sia dal punto di vista meccanico che del software.

Articoli correlati
Un algoritmo è in grado di prevedere le metastasi nel tumore al seno triplo negativo
Ricercatori dell’Università degli studi di Milano diretti dalla professoressa Caterina La Porta hanno messo a punto ARIADNE, una strategia innovativa basata sull’intelligenza artificiale
di Federica Bosco
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...