Salute 28 Novembre 2017

Specializzazioni e borse di studio dei farmacisti: «Vogliamo equiparazione con medici»

Parlano i giovani farmacisti in occasione del 38esimo convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera). Ecco i motivi della protesta: «Differenza ingiustificabile, serve contratto di formazione come in Medicina»

Lavorano fianco a fianco negli ospedali ma hanno un trattamento economico molto diverso. Parliamo degli specializzandi in Medicina e in Farmacia Ospedaliera. Se da diversi decenni i medici che frequentano un corso di specializzazione portano a casa una borsa di studio che gli permette di mantenersi (fatta esclusione per gli anni 1978-2006, ma questa è un’altra questione), ciò non accade per i farmacisti, ed è per questo che si sta facendo sempre più forte la voce di chi vuole mettere sullo stesso livello i due tipi di professione.

«Penso sia corretto paragonare la nostra borsa di studio a quella che ricevono i medici – ci dice una giovane specializzanda che ha preso parte al Convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera) che ha avuto luogo il 23 novembre scorso a Roma –: noi lavoriamo a tutti gli effetti da dipendenti dell’ospedale, e lì passiamo la maggior parte del nostro tempo da specializzandi, insieme ai medici. Per questo motivo senza dubbio è giusto che anche a noi venga concesso lo stesso trattamento economico».

LEGGI ANCHE: BORSE DI STUDIO AI FARMACISTI, LA “CROCIATA” DEL SENATORE D’AMBROSIO LETTIERI (FOFI): «INGIUSTIZIA CHE VA SANATA»

«Quella delle borse di studio – ci spiega invece Roberto, anche lui giovane farmacista ospedaliero all’ultimo anno di scuola post-laurea – è una battaglia che stiamo portando avanti su più fronti e da più anni: nonostante nel marzo del 2015 sia stato pubblicato un decreto ministeriale che va proprio nella direzione dell’equiparazione tra le scuole di specializzazione di Farmacia Ospedaliera e Medicina, purtroppo, allo stato dei fatti, questa equiparazione non c’è mai stata».

La battaglia che questi giovani combattono però va oltre il concetto di borsa di studio: «Noi non vogliamo – spiega ancora Roberto – una borsa di studio intesa come quella che tendono ad elargire alcune Università italiane per fare in modo che lo studente possa sostenersi. Noi vogliamo il contratto di formazione, come quello applicato ai medici specializzandi, che prevede una retribuzione che proviene dal Ministero della Salute, e non dalle Università. È vero – continua – siamo inquadrati in un percorso di studio universitario, ma siamo a tutti gli effetti operatori sanitari che lavorano in ospedale. Per questo tutto quel che chiediamo è che ci venga riconosciuto quanto viene dato ai medici. Né più né meno».

 

 

Articoli correlati
Nomine in sanità, Castellone (M5S): «Primo punto contratto governo è stop all’influenza della politica»
Presentato il disegno di legge per le nomine della dirigenza sanitaria che, secondo il vicepremier Di Maio, «Va approvato entro l'anno». La proposta M5S prevede che i direttori generali siano scelti dall'elenco di soggetti idonei istituito presso il Ministero della Salute
Biotestamento, Grillo: «Nessuna inerzia sull’avvio del registro Dat»
«Contestualmente il ministero è riuscito ad ottenere specifiche risorse, - chiarisce Grillo - pari a 400mila euro all’anno, per avviare la realizzazione informatica della banca dati»
Farmacie, al Capri Pharma si sciolgono i nodi su lavoro e previdenza
Al termine della tre giorni tenutasi nell’incantevole cornice dell’isola azzurra l’Enpaf annuncia importanti novità sul futuro della professione
Caserta, sacche di sangue infette contagiano due coniugi. Tar condanna il Ministero della Salute
Il Ministero della Salute è stato condannato dal Tribunale di Napoli Nord per non aver controllato le sacche di sangue infette che hanno procurato l’epatite C a due coniugi originari di San Cipriano di Aversa (Caserta). La settimana scorsa la sentenza dopo otto anni di battaglie giudiziarie. In particolare, l’uomo ha scoperto nel 2011 che […]
Come usare abbreviazioni, acronimi e sigle nella prescrizione di un farmaco: arriva la raccomandazione del Ministero
L’uso di abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli, sebbene sia prassi comune durante la gestione del farmaco in ospedale e sul territorio, può causare errori e danni ai pazienti. Scrivere, ad esempio, il nome del principio attivo abbreviato invece che per esteso può portare a scambiare farmaco, oppure “1,0 mg” (invece che “1 mg”) può essere […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...