Salute 28 novembre 2017

Borse di studio ai farmacisti, la “crociata” del Senatore D’Ambrosio Lettieri (FOFI): «Ingiustizia che va sanata»

Il Vicepresidente della Federazione Ordini dei Farmacisti Italiani conferma ai nostri microfoni la volontà di equiparare il trattamento economico dei farmacisti ospedalieri a quello dei medici: «O si approva legge o ci rivolgeremo ai ricorsi alla magistratura»

Fare in modo che agli specializzandi in Farmacia Ospedaliera venga corrisposta una borsa di studio paragonabile a quella dei medici. È questa la crociata lanciata già da alcuni anni – ma ribadita nel corso del 38esimo convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera) che ha avuto luogo lo scorso 23 novembre a Roma – dal Senatore GAL e Vicepresidente FOFI Luigi D’Ambrosio Lettieri. «È un’ingiustizia che va sanata», ha spiegato dal palco nel corso del suo intervento. Concetto ribadito ai nostri microfoni: «È arrivato il momento di risarcire tutti quei giovani farmacisti che svolgono il loro percorso formativo durante gli anni di specializzazione con un’adeguata borsa di studio».

Il Senatore ricorda ai nostri microfoni la battaglia fatta dai medici proprio per ottenere la borsa di studio garantita da specifiche direttive europee ma non elargita dallo Stato italiano tra gli anni 1978 e 2006: «Dopo 20 anni i camici bianchi italiani hanno vinto finalmente la loro battaglia», e mentre ora i medici specializzandi ricevono correttamente la borsa di studio che spetta loro, chi non l’ha ricevuta in passato «lotta ancora oggi per vedersi riconosciuto un vecchio diritto».

LEGGI ANCHE: SPECIALIZZAZIONI E BORSE DI STUDIO DEI FARMACISTI: «VOGLIAMO EQUIPARAZIONE CON MEDICI»

«Sto portando avanti questa crociata – continua D’Ambrosio Lettieri – insieme ad altri colleghi in Parlamento già dalla scorsa legislatura. Lo scopo è quello di dare ai farmacisti quel che è semplicemente un diritto: essere riconosciuti come operatori specializzandi dell’area sanitaria non medica. Attraverso la borsa di studio i nostri giovani potranno avere legittimazione in un percorso che li porterà a diventare figure rilevanti e importanti del nostro Sistema sanitario nazionale». Tutto sta, però, nell’approvare la proposta di legge che equipara i due trattamenti: «Nel caso in cui questa legge non dovesse passare – avverte il Senatore – evidentemente non avremo alternativa se non quella di rivolgerci a chi in questi anni ha battagliato nelle sedi nazionali ed europee, presso i Tribunali e la Corte di Giustizia, per fare in modo che siano i giudici a fare quel che non fanno i legislatori».

Articoli correlati
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Scotti (FIMMG): «Formula 1+2. Ecco come cambiare la formazione in medicina generale»
Dopo la proposta FNOMCeO, il segretario della Federazione declina la possibile evoluzione: «Un anno di 'master' in collaborazione con l’università propedeutico al bando, alla medicina d'emergenza e a quella penitenziaria in cui c’è grave carenza organica»
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Ridurre corso MMG da tre a due anni. La proposta FNOMCeO per fronteggiare carenza medici
«Abbreviare tempo di formazione post laurea diminuirebbe il costo della formazione stessa permettendo così di aumentare il numero delle borse» così Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila