Salute 8 Giugno 2018

Sostenibilità SSN, Brunetta (Forza Italia): «Sanità in crisi, puntare su welfare aziendale e semplificazione fiscale»

L’ex ministro ha commentato il rapporto Censis-Rbm che ha certificato l’aumento della spesa sanitaria privata e l’insoddisfazione degli italiani per la sanità pubblica. La proposta: «Lasciamo libertà ai cittadini dopo aver ovviamente assicurato uno zoccolo universalistico proprio per garantire il benessere sanitario a tutti, come quello pensionistico»

La sostenibilità del Servizio sanitario nazionale è uno dei temi al centro del dibattito pubblico. Il Rapporto Gimbe pubblicato pochi giorni fa ha ricordato che ormai il definanziamento dell’Ssn è un dato di fatto: la percentuale di spesa sanitaria pubblica rispetto al Pil diminuisce costantemente, e anche le previsioni dell’ultimo Def non sono incoraggianti. Inevitabilmente aumenta la spesa sanitaria privata che, come ha sottolineato il Rapporto Censis-Rbm, quest’anno raggiungerà la cifra di 40 miliardi di euro. Sul tema è intervenuto anche l’ex Ministro della Pubblica amministrazione e deputato di Forza Italia Renato Brunetta che ai microfoni di Sanità Informazione ha sottolineato come i fondi sanitari integrativi potrebbero giocare un ruolo importante in futuro: «La Sanità pubblica universalistica è in crisi, quella privata deve ancora trovare la propria strada – ha spiegato Brunetta – Il risultato è diseguaglianza, rancore, rabbia perché gli italiani sono costretti a pagare due volte: per la sanità pubblica con i contributi obbligatori e di tasca propria per integrare e rispondere ai loro bisogni, alle loro esigenze. A questo punto occorre puntare molto di più sul welfare aziendale, ai piani di assicurazione mirati in base alla posizione lavorativa. E poi bisogna puntare alle forme di altruismo che sono legate al dono, alle charity, agli investimenti individuali per il benessere collettivo, tornando quasi alle origini del welfare, vale a dire al welfare caritatevole ma nel senso moderno del termine, cioè investimenti privati non per fini egoistici ma per il benessere collettivo».

Di fronte alla crisi di sostenibilità del Sistema sanitario nazionale, per Brunetta, la politica ha l’obbligo di provare a fornire soluzioni: «Di tutto questo se ne parla poco – afferma l’ex ministro – La cosa che il politico può fare è liberare risorse dalle forme di tassazione, quindi serve flat tax, semplificazione fiscale, semplificazione contributiva. Lasciamo libertà ai cittadini dopo aver ovviamente assicurato uno zoccolo universalistico proprio per garantire il benessere sanitario a tutti, come quello pensionistico. Ma per il resto torniamo alla persona».

Articoli correlati
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Regionalismo differenziato, incontro FNOMCeO – Regioni. Filippo Anelli: «Garantire le stesse chance di cura a tutti i cittadini»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Istituito un gruppo di lavoro per studiare le diseguaglianze regionali. Dai risultati elaboreremo proposte concrete da sottoporre ai vari Governatori»
di Isabella Faggiano
Salute e migrazioni, al via convegno a Palermo. AME: «Arrivano sani, si ammalano qui»
L’Associazione Medici Endocrinologi si riunisce a Palermo: «Nessuna minaccia per la salute pubblica»
Copenaghen vuole raggiungere la migliore qualità di vita al mondo e offrire maggiore salute a tutti i cittadini
Katrine Schjonning, Health Manager della capitale danese, spiega a Sanità Informazione in che modo prevenzione e formazione consentono di ottenere l’ambizioso risultato
Osteoporosi, nel mondo causa una frattura ogni 3 secondi. In Italia ne soffrono 4,5 milioni di persone
Fabio Vescini (endocrinolgo): «Non tutte le persone con una bassa massa ossea devono essere trattate con i farmaci. Terapie solo per i pazienti con un elevato rischio di frattura»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone