Salute 7 Giugno 2018

Rapporto Censis – Rbm, record spesa sanitaria privata: nel 2018 toccherà 40 miliardi. Il Ministro Grillo: «Lotta a diseguaglianze è priorità»

Secondo lo studio nel 2017 sette milioni di italiani si sono indebitati e 2,8 milioni hanno dovuto usare il ricavato della vendita di una casa o svincolare risparmi. Il 37,8% degli intervistati prova rabbia verso il Servizio sanitario per liste d’attese troppo lunghe o per i casi di malasanità

Il Servizio sanitario nazionale in Italia compie 40 anni ma negli ultimi anni corre nel nostro Paese la spesa sanitaria privata: secondo il Rapporto Censis-Rbm Assicurazione Salute presentato al Welfare Day 2018 a fine anno la spesa sanitaria privata arriverà al valore record di 40 miliardi di euro (era di 37,3 miliardi lo scorso anno), aumentando del 9,6% in termini reali, più dei consumi complessivi. Un costo che incide di più sui redditi bassi e che comunque ha coinvolto nell’ultimo anno 44 milioni di italiani. Per gli operai l’intera tredicesima se ne va per pagare cure sanitarie familiari: quasi 1.100 euro all’anno. Per 7 famiglie a basso reddito su 10 la spesa privata per la salute incide pesantemente sulle risorse familiari. Purtroppo, c’è anche chi si indebita per pagare la sanità. Nell’ultimo anno, per pagare le spese per la salute 7 milioni di italiani si sono indebitati e 2,8 milioni hanno dovuto usare il ricavato della vendita di una casa o svincolare risparmi. Solo il 41% degli italiani copre le spese sanitarie esclusivamente con il proprio reddito: il 23,3% deve integrarlo attingendo ai risparmi, mentre il 35,6% deve usare i risparmi o fare debiti (in questo caso la percentuale sale al 41% tra le famiglie a basso reddito). Il 47% degli italiani taglia le altre spese per pagarsi la sanità.

Ne consegue che la percezione degli italiani è quella di una sanità ingiusta: il 54,7% è convinto che non si hanno più opportunità di diagnosi e cura uguali per tutti e il 37,8% prova rabbia verso il Servizio sanitario a causa delle liste d’attese troppo lunghe o i casi di malasanità.

LEGGI ANCHE: PRESENTATO RAPPORTO GIMBE. CARTABELLOTTA: «LOTTA SPRECHI, REVISIONI LEA, RIFINANZIAMENTO SSN: ECCO DOVE PUO’ INTERVENIRE IL NUOVO MINISTRO»

Sono dati che preoccupano il neo Ministro della Salute Giulia Grillo che ha annunciato tra le sue priorità la lotta alle diseguaglianze e la necessaria equità nell’accesso alle cure. Su Facebook il Ministro ha poi spiegato: «In questi anni- prosegue- abbiamo assistito a una crescita delle disuguaglianze socioeconomiche che ha portato tanti, troppi, nostri cittadini a indebitarsi per accedere alle prestazioni sanitarie o a dovervi rinunciare. Invertire questa tendenza è una priorità ineludibile e il Ministero che rappresento nei prossimi mesi elaborerà soluzioni che garantiscano su tutto il territorio nazionale adeguati livelli di assistenza. Certamente sarà indispensabile il supporto di tutti gli attori presenti all’interno del nostro Sistema ma, sono certa, tutti insieme potremo dare ai cittadini nel nostro Paese la sanità che meritano».

Articoli correlati
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...