Salute 27 Maggio 2019 09:50

La Società Oftalmologica Italiana compie 150 anni. Piovella (Presidente SOI): «Garantire a tutti le migliori terapie»

«Il nostro obiettivo è dare le cure migliori a tutti, noi non vogliamo fare scelte o discriminazioni. Per me una persona ha lo stesso valore di un’altra, indipendentemente dall’età o dalla professione che svolge». Queste le parole del Presidente della SOI a Sanità Informazione

La Società Oftalmologica Italiana compie 150 anni. Piovella (Presidente SOI): «Garantire a tutti le migliori terapie»

La Società Oftalmologica Italiana (SOI), da sempre punto di riferimento dei 7mila medici oculisti del paese, compie 150 anni ed è l’associazione medico scientifica specialistica più antica d’Italia. Un anniversario festeggiato con un Congresso internazionale, in programma fino a sabato 25 maggio, nella prestigiosa cornice del Roma Convention Center ‘La Nuvola’. Per l’occasione, il Ministero dello Sviluppo Economico – Mise ha realizzato un francobollo celebrativo, mentre l’Istituto Poligrafico, in collaborazione con la Zecca dello Stato, ha coniato una medaglia commemorativa.

L’evento vede la partecipazione di esperti provenienti da tutto il mondo per una full immersion di quattro giorni dedicata ai temi e alle sfide del settore oftalmologico: dallo stato dell’arte sul glaucoma all’insufficiente diffusione delle terapie per la maculopatia, dalla riabilitazione dell’ipovedente alla terapia antibiotica a tutela della chirurgia, dal trapianto di cornea alla gestione consolidata del paziente strabico, fino alla individuazione della lente a contatto personalizzata sul paziente.

Oggi i 7000 Medici Oculisti salvano la vista ad un milione e trecentomila persone ogni anno e questo impone adeguate risorse per i necessari cambiamenti organizzativi. «L’oculistica è la specialità della medicina in continua evoluzione – spiega il presidente della Soi, Matteo Piovella – quello dell’oftalmologia è un laboratorio al servizio dei Pazienti e del diritto alla cura migliore. Negli ospedali pubblici i medici oculisti operano con competenza e capacità, ma in quanto a disponibilità degli aggiornamenti tecnologici siamo fermi agli anni duemila» ammette Piovella.

Ogni anno – specifica il presidente ai nostri microfoni a margine della conferenza stampa di presentazione del congresso al Senato – effettuiamo 650mila interventi di cataratta, un’impresa straordinaria. Ancor più difficile è la gestione e la cura delle maculopatie, una patologia che interessa una persona su tre dopo i 70 anni: ricordo che ci sono 400 milioni di malati nel mondo e 600mila in Italia. Ogni anno – prosegue – se ne aggiungono altri 80mila. Si tratta di un’emergenza, per questo dobbiamo intervenire. Non vogliamo responsabilizzare nessuno ma quando si manifesta una necessità così urgente dobbiamo rimboccarci le maniche per dare la terapia a tutti. Non possiamo permettere che il 70% di queste persone abbia un’assistenza a livello di terapia che non è la migliore e la più adeguata».

LEGGI: OCCHIO ROSSO, UN SINTOMO DA NON SOTTOVALUTARE. I CONSIGLI DELL’OCULISTA

«Il congresso farà il punto della situazione – continua Piovella – speriamo di riuscire a creare questa sensibilità che per noi è indispensabile. Il nostro obiettivo è dare le cure migliori a tutti, noi non vogliamo fare scelte o discriminazioni. Per me una persona ha lo stesso valore di un’altra, indipendentemente dall’età o dalla professione che svolge. Ho grande rispetto delle persone che hanno avuto successo nella vita ma sono obbligato ad averne altrettanto per le persone più umili che hanno avuto una vita più difficile. Perché io devo evitare di penalizzare un paziente a vantaggio di un altro». E chiude con un appello ai politici: «Lancio una richiesta di attenzione a chi ha la capacità di decidere: noi ci siamo spesi tantissimo in questi ultimi anni per avere ascolto e condivisione dei problemi. L’abbiamo avuto ma, a livello concreto manca sempre qualcosa. Non voglio criticare nessuno – conclude – ma in medicina contano i risultati».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Maculopatie, arriva a Roma la campagna Roche con screening della vista gratuiti
«Il tuo punto di vista conta – non lasciare che le maculopatie ti fermino», la campagna nazionale sulle maculopatie, in particolare la degenerazione maculare legata all’età umida (nAMD) ed edema maculare diabetico (DME), arriva a Roma per la sua seconda tappa con l’obiettivo di far emergere i bisogni non soddisfatti di pazienti e caregiver
Premio Società oftalmologica italiana a Isabella Faggiano di Sanità Informazione
E' prevista per domani la consegna del premio Soi (Società oftalmologica italiana) ad Isabella Faggiano, giornalista medico-scientifica di Sanità Informazione. Si tratta di un prestigioso riconoscimento, rivolto ai professionisti della comunicazione che si sono distinti per il loro lavoro di divulgazione sul tema dell'oftalmologia
di Redazione
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...