Salute 9 Aprile 2021 15:01

Sindrome long-Covid in 3 pazienti su 4. L’appello: «Ripensare l’assistenza territoriale sulla base di nuovi bisogni»

Una sindrome che colpisce vari apparati, da quello cardiovascolare a quello respiratorio, passando per disturbi oculistici e dermatologici. Inoltre, il 96% dei sopravvissuti al virus soffre di Sindrome Post Traumatica da Stress. La tavola rotonda organizzata dall’Associazione Dossetti – I Valori

Sindrome long-Covid in 3 pazienti su 4. L’appello: «Ripensare l’assistenza territoriale sulla base di nuovi bisogni»

Un esercito di nuovi pazienti cronici, quelli che, guariti dalla forma acuta del Covid, andranno incontro a disturbi di vario di genere dovuti alle sequele della malattia. Si tratta dei pazienti con sindrome long-Covid, che secondo uno studio pubblicato sul Lancet, saranno 3 su 4. Una sindrome che colpisce vari apparati, da quello cardiovascolare a quello respiratorio, passando per disturbi oculistici e dermatologici. Ma non solo, il trauma da pandemia può lasciare sulla psiche disagi importanti, come ansia, depressione e insonnia, soprattutto nelle donne in età fertile, la categoria più colpita dalla sindrome long-Covid. In più, è stato evidenziato che il 96% dei sopravvissuti al virus soffre di Sindrome Post Traumatica da Stress.

Long-Covid, necessari nuovi percorsi assistenziali e formazione

La tavola rotonda organizzata dall’Associazione Dossetti – I Valori ha avuto come obiettivo l’accendere i riflettori proprio sul tema dei long-haulers, con testimonianze ed interventi di società scientifiche, esperti ed istituzioni. Ad emergere, soprattutto, la necessità di ripensare i percorsi assistenziali alla luce di queste nuove esigenze di salute che si affermeranno come predominanti una volta che ci saremo lasciati alle spalle la fase acuta dell’emergenza che stiamo vivendo. Fondamentale, a tal fine, sarà creare Centri di riferimento territoriali e strutture con percorsi ad hoc per i ‘reduci’ da Covid-19, oggi poche e mal distribuite sul territorio, oltre ad investire sulla formazione specifica del personale sanitario per questo tipo di disturbi.

Lopalco: «Puntare su medicina del territorio»

«La pandemia ha rivelato la debolezza del nostro sistema in termini di assistenza territoriale e ci sta insegnando che, dopo l’ondata pandemica, dobbiamo riportare la medicina del territorio a funzionalità, efficienza ed efficacia» afferma Pier Luigi Lopalco, Assessore alla Sanità della Regione Puglia.

Magi: «Includere sindrome post-Covid tra le malattie croniche»

Dello stesso avviso Antonio Magi, presidente OMCeO Roma, che in conferenza ha sottolineato l’opportunità di includere la sindrome post-Covid tra le malattie croniche. «C’è necessità di riorganizzare non solo la medicina territoriale ma l’intero sistema sanitario. In quest’ottica, si dovrà lavorare per implementare sempre più l’efficacia dell’assistenza domiciliare, evitando il più possibile di gravare sul sistema ospedaliero, contemperando così l’esigenza di un sistema salute il più capillare possibile con il contenimento della spesa pubblica».

Anelli: «Necessaria sinergia tra professionisti»

«La politica dei tagli e la carenza di personale ha inciso in maniera profonda sulla nostra capacità di far fronte all’emergenza – dichiara Filippo Anelli, presidente FNOMCeO – ma al di là di questo, la medicina del territorio è stata troppo a lungo trascurata, soprattutto nella parte che riguarda la multidisciplinarietà. Oggi più che mai, e per il futuro, sarà indispensabile favorire le potenzialità dell’approccio in sinergia tra le varie figure professionali».

Lorefice: «Investire su telemedicina e territorio»

La presidente della Commissione Affari Sociali, on. Marialucia Lorefice, pone l’accento sulla possibilità di inserire la telemedicina e la medicina del territorio come focus degli investimenti da pianificare. «È necessario creare le condizioni affinché i pazienti possano avere adeguate risposte, ed in questo si concretizzerà l’impegno del Parlamento attraverso ordini del giorno e interrogazioni, instaurando un tavolo di lavoro con il Ministero della Salute».

Petrini: «Prevenzione anche nelle terapie intensive»

«Sarà fondamentale agire sulla prevenzione anche nelle terapie intensive – afferma Flavia Petrini, Presidente SIAARTI (Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva) – e lavorare alla creazione di un network che coinvolga tutti i livelli di assistenza con condivisione delle competenze e coinvolgimento delle Società Scientifiche. Altro capitolo importante, investire sulla digitalizzazione, attraverso un database organizzato e strutturato dei dati di tutta la rete della sanità italiana».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, esami e terapie gratuiti per guariti da forma grave. Cicchetti (Altems): «50 milioni buon inizio ma non basteranno»
«Il Coronavirus può lasciare, nei pazienti che lo hanno avuto in forma grave, conseguenze anche dopo la guarigione». Così il Ministro Speranza, motivando la sua proposta di stanziare 50 milioni di euro affinché il Ssn prenda in carico gratuitamente, con esami diagnostici e terapie, tutti i pazienti maggiormente colpiti dal virus anche dopo le dimissioni dalla struttura ospedaliera
Long Covid pediatrico: 2 adolescenti su 10 soffrono di disturbi psico-somatici, ansia e depressione
Midulla (pneumologo): «Tra i piccoli pazienti, almeno finora, non sono stati rilevati effetti a lungo termine sulla salute polmonare, cardiaca e neurologica. Follow-up attivo in 30 centri italiani»
di Isabella Faggiano
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Disturbi neurologici da pandemia: transitori o permanenti? Differenze tra Long Covid e Post Covid
Alessandro Padovani, direttore di Clinica Neurologica presso l’università degli Studi di Brescia, in un’intervista a Sanità Informazione, chiarisce le differenze tra il Covid di lunga durata e quei sintomi che compaiono a distanza, anche di sei mesi, dalla guarigione: «Il Post Covid si è manifestato pure in pazienti che hanno contratto il virus in forma lieve»
di Isabella Faggiano
Long Covid, Corsico (pneumologo): «Conseguenze polmonari per un terzo dei pazienti»
«La maggior parte continua ad avere problemi respiratori ma ci possono essere conseguenze neurologiche – spiega il professor Corsico -. Anche in pazienti che hanno gestito la malattia a casa riscontriamo effetti a livello polmonare nonostante l’infezione sia stata superata senza la necessità di un ricovero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...