Lavoro 23 Settembre 2020

Gli anestesisti in tour da Torino a Bari. Petrini (Siaarti): «Contro il Covid siamo stati brillanti»

Un’iniziativa per raccontare una professione in prima linea ed incontrare medici e istituzioni. La presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva: «Suggerimenti positivi per il governo su organizzazione e follow up»

di Federica Bosco

Dialogo e idee per rivedere l’organizzazione degli ospedali ed essere in grado di gestire al meglio il follow up dei pazienti guariti dal Covid. Con questo intento è partito lo scorso 21 settembre da Torino il tour “in viaggio con I Care” organizzato dalla Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva. 8 appuntamenti che si concluderanno a Bari il prossimo 4 ottobre. La casa viaggiante di animatori e anestesisti ha fatto tappa ieri a Milano presso l’Ospedale Niguarda, dove si sono confrontati in un talk show i professionisti della società lombarda stimolati in un vivace dibattito dalla presidente di Siaarti Flavia Petrini.

SEMPRE PIÙ DONNE IN PRIMA LINEA

«La società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva raccoglie 9000 specialisti che durante questa epidemia sono stati in prima linea insieme ad infermieri e specialisti per rispondere all’emergenza Covid. Con il senno di poi riteniamo di essere stati brillanti e quindi con molto orgoglio non abbiamo voluto ridurre il congresso di ottobre ad un evento virtuale, ma abbiamo deciso di affrontare un tour in sette delle regioni messe più duramente alla prova, con una struttura da concerto rock che ci consente di mantenere le distanze di sicurezza, di toglierci la mascherina e di trasmettere ai cittadini i valori della nostra disciplina – spiega la presidente -. Sono molto orgogliosa di essere alla guida di questa società, di essere una donna e di dire che più del 50% dei nostri professionisti sono donne per un futuro più bilanciato dal punto di vista del genere».

RIMODELLARE IL SISTEMA OSPEDALIERO E DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

«Sono emerse dalle prime due tappe, Torino e Milano, messaggi positivi in tema di stress che questi protagonisti hanno vissuto sulla propria pelle, ma anche suggerimenti organizzativi in vista di una possibile seconda ondata – riprende Flavia Petrini -. Stiamo cercando di capire come, oltre curare bene i pazienti Covid, la nostra disciplina possa continuare a sopportare la risposta dei bisogni di salute della popolazione. Siamo specialisti in questo, ma dobbiamo riorganizzare il sistema. E noi dal basso possiamo farlo – ammette – perché siamo ben inseriti nei contesti locali e nazionali e con questo tour siamo in grado di raccogliere informazioni e tenere confronti utili. Siamo la popolazione più anziana del pianeta con una lunga aspettativa di vita che vogliamo mantenere, ma non solo gli ospedali devono essere rimodellati, forse è il sistema della continuità assistenziale che va cambiato».

IL SISTEMA NIGUARDA

Suggerimenti che sono arrivati dai protagonisti: il professor Roberto Fumagalli, direttore del dipartimento di anestesia e rianimazione 1 dell’Ospedale Niguarda ha portato al tavolo l’esperienza di un sistema che è riuscito a reggere l’onda d’urto del Covid con una riorganizzazione interna.

«I numeri dei posti letto di Niguarda erano 70 suddivisi in neuro, cardio e generale. Sono diventati cento dove abbiamo ricoverato pazienti con insufficienza respiratoria acuta da Covid. Tutte le altre attività sono state sospese, il personale delle degenze e delle sale operatorie è stato reclutato per poter istituire nuove terapie intensive; in questa maniera siamo sempre riusciti a ricoverare tutti i pazienti che si presentavano nel nostro pronto soccorso ed abbiamo dato una mano agli altri ospedali che non potevano ospitare pazienti con insufficienza respiratoria acuta. Abbiamo fatto uno sforzo enorme – prosegue il direttore del dipartimento di anestesia del Niguarda – ed abbiamo avuto degli ottimi risultati. Il nostro ospedale è pronto per attivare altri 30 posti da dedicare ai pazienti affetti da infezione da coronavirus».

NUMERI IN AUMENTO, LA GUERRA NON È FINITA

«Ciò che è mancato in alcune circostanze – ammette con un pizzico di rammarico – è che poteva esserci più solidarietà tra ospedali e Regioni. Nulla da recriminare a Regione Lombardia, però, che ha sempre dato una risposta positiva. Ora la situazione sta peggiorando, il giorno 17 in Lombardia c’erano 32 pazienti ricoverati, il giorno 20 erano già 39. I comportamenti possono avere contribuito, ma ritengo, dando uno sguardo anche agli altri paesi, che questa possa essere considerata la naturale evoluzione della malattia che raggiunge un picco e poi va in quiescenza per poi ripartire. Questo è quanto sta accadendo. Le cause? Non credo dipenda solo dal comportamento, certo sono fondamentali e per questo noi stiamo andando meglio di altri paesi, ma non è finita la guerra».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Viaggio nelle terapie intensive d’Italia, i racconti degli anestesisti: «Non sappiamo se reggeremo»
I letti in terapia intensiva tornano a riempirsi e anestesisti e rianimatori temono di non riuscire a sostenere il colpo, anche da un punto di vista emotivo. Chi lotta per salvare i casi gravi descrive ciò che sta avvenendo in Lombardia, Lazio, Campania, Puglia e Calabria
Posti in più in terapia intensiva, ma mancano gli anestesisti. La denuncia di Vergallo (Aaroi-Emac)
Il presidente di Aaroi-Emac in un'intervista sul Messagero parla di tremila professionisti vacanti, mentre le persone in terapia intensiva aumentano ancora
«Gli anestesisti-rianimatori siano centrali nella scuola di specializzazione in cure palliative»
L'appello congiunto di Flavia Petrini (SIAARTI), Alessandro Vergallo (AAROI-EMAC) e Paolo Pelosi (CPAR) ai ministri Manfredi e Speranza
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
Gli anestesisti rianimatori: «La formazione essenziale per la qualità dei servizi ai cittadini»
La società scientifica di riferimento dei 21.000 Anestesisti Rianimatori Intensivisti e Terapisti del Dolore Italiani – SIAARTI – ha sviluppato una peculiare vocazione alla formazione, alla ricerca ed all’assistenza, assumendo negli anni una posizione sempre più solida di riferimento internazionale. In questo senso la visione sul futuro che vogliamo esprimere parte dalla fase della drammatica […]
di Antonello Giarratano, Vice Presidente SIAARTI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...