Salute 27 Ottobre 2020 14:04

Seconda ondata, quali errori sul territorio? La risposta di FIMMG

La riorganizzazione della medicina generale, la gestione della domiciliarità e le Usca. Il quadro tracciato dal Vicesegretario FIMMG, Domenico Crisarà

La seconda ondata sarebbe arrivata, era una certezza quasi matematica. Un mantra che ha accompagnato l’estate degli italiani come uno spettro lontano e al tempo stesso incombente, mentre il Paese intero riprendeva fiato, letteralmente, con un calo (quasi azzeramento) di casi di Covid-19 e un contestuale allentamento delle misure di sicurezza. Quello che non si poteva prevedere, della seconda ondata, era quanto forte avrebbe colpito, quanto velocemente e, soprattutto, quando.

«Oggi – spiega Domenico Crisarà, Vicesegretario della FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia) –, nel bel mezzo dell’autunno, la situazione è già critica. Gli ospedali sono di nuovo in affanno, la curva dei contagi è “esponenziale”, come sottolineano i virologi, e l’imminente arrivo della stagione influenzale non aiuterà».

Ma riorganizzare efficacemente l’assistenza territoriale, il fattore X che nel corso della prima ondata avrebbe fatto la differenza consentendo di trattare efficacemente un gran numero di pazienti senza arrivare all’ospedalizzazione e al relativo sovraffollamento delle terapie intensive, è ancora possibile? Quanto si è fatto tesoro degli errori gestionali, frutto dello tsunami che ci travolse a marzo, e quanto invece è stato lasciato in standby, compromettendo il margine d’azione per reggere a questa seconda tornata del virus?

«Che in questi mesi siano mancati provvedimenti in favore della medicina generale è un dato di fatto – è il j’accuse di Crisarà, che rincara la dose –. Sono anni che chiediamo investimenti sul territorio, sulla medicina generale in termini di personale e di attrezzature diagnostiche. Noi medici di medicina generale stiamo facendo il possibile, nei limiti delle nostre possibilità. Fatte queste premesse – prosegue Crisarà – ad oggi la parola chiave per trattare i casi sul territorio è ‘sorveglianza’, sul modello veneto nella gestione della primissima fase dell’epidemia, che si traduce nell’essere costantemente in contatto telefonico con i pazienti a casa e fornendo pulsossimetri al bisogno».

«Il problema infatti – precisa Crisarà – comincia a sorgere nel momento in cui il paziente dovesse accusare la cosiddetta fame d’aria. Se non ci sono problemi respiratori ma solo una sintomatologia di tipo influenzale, quindi febbre e dolori muscolari o talvolta diarrea, il paziente può essere gestito a casa, monitorandolo costantemente proprio perché, come sappiamo, non si tratta di una normale influenza. Questo vale – prosegue il vicesegretario Fimmg – soprattutto per i pazienti “a rischio”, quindi con patologie pregresse, ma oggi sappiamo che l’età media dei contagiati si è abbassata e si tratta quindi di pazienti con meno probabilità di sviluppare complicanze».

Un discorso a parte meritano le USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), una “creazione” che sulla carta sarebbe potuta essere un baluardo nella lotta al virus nella fase 1. Sono mai state davvero attive? Che ruolo avranno in questa seconda ondata? «Attive lo sono – afferma Crisarà –, il problema è che vengono utilizzate in mille modi diversi rispetto agli scopi per cui erano state istituite. Tanto per cominciare, le USCA dovevano essere a disposizione dei medici di famiglia per la gestione della domiciliarità, mentre nella maggior parte dei casi sono a disposizione dei distretti. Insomma – conclude il Vicesegretario FIMMG – non sono mai state amalgamate all’assistenza territoriale, viceversa sono, nella pratica, un’ulteriore figura sanitaria senza alcun coordinamento con l’assistenza primaria, spesso rappresentando solo una spesa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Green pass dai medici di famiglia, la FIMMG boccia l’idea del governo
Green pass dai medici di famiglia, è sonora bocciatura dalla FIMMG. Silvestro Scotti: «Non si può comprimere il diritto all’assistenza e mortificare così la professionalità. Siamo medici non stampanti»
Case di Comunità, da Nord a Sud la rivolta dei medici di famiglia: «Piccoli e medi centri penalizzati, guai a perdere la prossimità»
Da Palestrina a Castelfidardo, da Valle Cavallina a Borgofranco D'Ivrea, viaggio nelle realtà lontane dai grandi centri urbani dove la riforma prevista dal PNRR preoccupa
di Giovanni Cedrone, Federica Bosco e Chiara Stella Scarano
Con la FitnessWalk il benessere dopo il Covid si ritrova camminando a ritmo di musica
Per la dottoressa Marisa Gualea (medico di medicina dello sport Università di Pavia) è importante camminare e praticare attività aerobica personalizzata. Per provare la FitnessWalk e sostenere il progetto di ricerca per sconfiggere il tumore al seno con le nanosfere d’oro intelligenti, appuntamento con la Yac FitnessWalk il 24 giugno a Pavia
di Federica Bosco
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
Vaccino anti-Covid. Le risposte del professor Lanzone su gravidanza, allattamento e fertilità
Il direttore di Ostetricia del Gemelli: «Il vaccino anti-Covid non è sconsigliato né in gravidanza, né in allattamento. Non c’è nessuna correlazione validata scientificamente con alterazioni del ciclo mestruale o interazioni con la pillola anticoncezionale»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM