Salute 27 Ottobre 2020 14:04

Seconda ondata, quali errori sul territorio? La risposta di FIMMG

La riorganizzazione della medicina generale, la gestione della domiciliarità e le Usca. Il quadro tracciato dal Vicesegretario FIMMG, Domenico Crisarà

La seconda ondata sarebbe arrivata, era una certezza quasi matematica. Un mantra che ha accompagnato l’estate degli italiani come uno spettro lontano e al tempo stesso incombente, mentre il Paese intero riprendeva fiato, letteralmente, con un calo (quasi azzeramento) di casi di Covid-19 e un contestuale allentamento delle misure di sicurezza. Quello che non si poteva prevedere, della seconda ondata, era quanto forte avrebbe colpito, quanto velocemente e, soprattutto, quando.

«Oggi – spiega Domenico Crisarà, Vicesegretario della FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia) –, nel bel mezzo dell’autunno, la situazione è già critica. Gli ospedali sono di nuovo in affanno, la curva dei contagi è “esponenziale”, come sottolineano i virologi, e l’imminente arrivo della stagione influenzale non aiuterà».

Ma riorganizzare efficacemente l’assistenza territoriale, il fattore X che nel corso della prima ondata avrebbe fatto la differenza consentendo di trattare efficacemente un gran numero di pazienti senza arrivare all’ospedalizzazione e al relativo sovraffollamento delle terapie intensive, è ancora possibile? Quanto si è fatto tesoro degli errori gestionali, frutto dello tsunami che ci travolse a marzo, e quanto invece è stato lasciato in standby, compromettendo il margine d’azione per reggere a questa seconda tornata del virus?

«Che in questi mesi siano mancati provvedimenti in favore della medicina generale è un dato di fatto – è il j’accuse di Crisarà, che rincara la dose –. Sono anni che chiediamo investimenti sul territorio, sulla medicina generale in termini di personale e di attrezzature diagnostiche. Noi medici di medicina generale stiamo facendo il possibile, nei limiti delle nostre possibilità. Fatte queste premesse – prosegue Crisarà – ad oggi la parola chiave per trattare i casi sul territorio è ‘sorveglianza’, sul modello veneto nella gestione della primissima fase dell’epidemia, che si traduce nell’essere costantemente in contatto telefonico con i pazienti a casa e fornendo pulsossimetri al bisogno».

«Il problema infatti – precisa Crisarà – comincia a sorgere nel momento in cui il paziente dovesse accusare la cosiddetta fame d’aria. Se non ci sono problemi respiratori ma solo una sintomatologia di tipo influenzale, quindi febbre e dolori muscolari o talvolta diarrea, il paziente può essere gestito a casa, monitorandolo costantemente proprio perché, come sappiamo, non si tratta di una normale influenza. Questo vale – prosegue il vicesegretario Fimmg – soprattutto per i pazienti “a rischio”, quindi con patologie pregresse, ma oggi sappiamo che l’età media dei contagiati si è abbassata e si tratta quindi di pazienti con meno probabilità di sviluppare complicanze».

Un discorso a parte meritano le USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), una “creazione” che sulla carta sarebbe potuta essere un baluardo nella lotta al virus nella fase 1. Sono mai state davvero attive? Che ruolo avranno in questa seconda ondata? «Attive lo sono – afferma Crisarà –, il problema è che vengono utilizzate in mille modi diversi rispetto agli scopi per cui erano state istituite. Tanto per cominciare, le USCA dovevano essere a disposizione dei medici di famiglia per la gestione della domiciliarità, mentre nella maggior parte dei casi sono a disposizione dei distretti. Insomma – conclude il Vicesegretario FIMMG – non sono mai state amalgamate all’assistenza territoriale, viceversa sono, nella pratica, un’ulteriore figura sanitaria senza alcun coordinamento con l’assistenza primaria, spesso rappresentando solo una spesa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti
Tommasa Maio (Fimmg): «Una verità che denunciamo da anni, chiediamo un incontro urgente con il ministro Speranza»
Medici di Emergenza, Borgese (SMI): «No alla sospensione della prestazione aggiuntiva»
La protesta di Maurizio Borgese, Responsabile Nazionale SMI Settore Emergenza 118
Covid, Senior Italia FederAnziani: «Da inizio anno quasi 20mila morti»
Il Presidente Messina: «Chiediamo cambio di passo su campagna vaccinale per arrivare a immunità di gregge e salvare migliaia di vite dei nostri anziani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano