Lavoro 27 Ottobre 2020 10:49

Sistema 118, Balzanelli: «Centrali subissate e code di 6-7 ore davanti agli ospedali. Governo rafforzi il 118 o si rischia il crack»

Il Presidente della Società Italiana Sistema 118 traccia un quadro preoccupante: «I nostri mezzi devono essere sanificati completamente e gli equipaggi si devono svestire e rivestire. Servono 45 minuti e in quel frangente i territori rischiano di rimanere scoperti». Sotto pressione tutte le aree metropolitane

Sistema 118, Balzanelli: «Centrali subissate e code di 6-7 ore davanti agli ospedali. Governo rafforzi il 118 o si rischia il crack»

Lunghe code di ambulanze davanti agli ospedali con attese che arrivano fino a sei-sette ore, centralini oberati di chiamate, personale sempre più sotto pressione. Con la consueta schiettezza che lo contraddistingue, Mario Balzanelli, Presidente della Società Italiana Sistema 118, traccia un quadro desolante della situazione che sta affrontando il sistema di emergenza. E lancia il suo appello all’esecutivo nei giorni più difficili per l’Italia dopo il primo picco pandemico: «O si rafforza il 118 o si rischia un “crack di sistema”» è il suo grido di allarme.

CHIAMATE MOLTIPLICATE DAI CASI COVID

Balzanelli racconta a Sanità Informazione cosa ha determinato il sovraccarico degli ultimi giorni: «Una settimana dopo l’apertura delle scuole, un numero enorme di persone con febbre che non rispondeva ai comuni trattamenti e che non passava con la tachipirina e con tosse persistente e secca che non passava con l’antibiotico, ha iniziato a chiamare il numero di emergenza. Abbiamo dovuto inviare mezzi e far fronte a tutti i casi inquadrati come sospetti Covid che poi in buona parte si sono dimostrati Covid conclamati e sintomatici. Come è salita la curva dei ricoveri, ancor più è salita la curva degli interventi del 118».

Ma non si tratta solo di eccesso di richieste: a complicare il lavoro degli operatori ci sono tutti gli interventi di sanificazione dei mezzi, oltre alle lunghe attese perché i Pronto soccorso non avevano gli spazi per poter gestire una così grande massa di casi ‘sospetti Covid’.

«Dopo questi interventi – continua Balzanelli – i nostri mezzi devono essere sanificati completamente e gli equipaggi si devono svestire e rivestire: per fare ciò servono circa 45 minuti e in questi 45 minuti tutta l’area geografica di cui quel mezzo di soccorso è tributario per l’emergenza-urgenza dev’essere servita da un altro mezzo che a sua volta potrebbe essere bloccato per sanificazione e così via. A questo problema se ne aggiunge un altro: la fila interminabile di ambulanze in coda indiana davanti alle strutture ospedaliere dove i pazienti non trovano spazi di accoglienza che invece dovevano essere predisposti durante l’estate. Ci si doveva organizzare per le aree Covid, per un eventuale riempimento massivo improvviso che di fatto si sta verificando».

L’APPELLO AL GOVERNO: «FONDI AL 118 O SI RISCHIA»

La gravità della situazione spinge il Presidente della SIS 118 a lanciare un appello al governo: «Il 118 chiede conto del perché le misure governative di finanziamento della sanità che assommano a quasi 7 miliardi di euro non hanno visto rinforzare, sostenere e potenziare il 118 che è allo stremo delle forze. Chiediamo di aumentare gli operatori nelle centrali operative, i canali di flusso primario per evitare le code telefoniche, i mezzi di soccorso per assicurare che sulle prestazioni tempo-dipendenti non ci siano ritardi: non ci dimentichiamo che non esiste solo il Covid».

Balzanelli ricorda come il tempo per prepararci a una seconda ondata, prevista da molti esperti, non sia stato utilizzato al meglio. «La fase 1 ci ha fornito degli insegnamenti importantissimi: per certi aspetti ci ha preso alla sprovvista quando non dovevamo esserlo perché siamo stati costretti a gestire una pandemia privi di un piano pandemico nazionale per la maxiemergenza non convenzionale da minaccia biologica. Dopo la fase 1, forti degli insegnamenti ricevuti, dovevamo organizzarci per prevedere una fase 2 che potesse far fronte all’avvicendarsi della stagione invernale».

«Era necessario – continua Balzanelli – predisporre un fronte di risposta organizzato che sanasse quelle criticità in primis relativamente ai sistemi di emergenza territoriale 118. Il fatto è che ora, ai ricoveri per Covid, si sommano esigenze ordinarie correlate alle varie problematiche acute mediche e chirurgiche incomprimibili come gli infarti, gli ictus cerebrali, i traumi. A questa quota incomprimibile si associa una quota di richieste di soccorso da parte dell’utenza che vengono molte volte presentate agli operatori delle centrali operative neanche troppo fedelmente pur di avere una valutazione sul posto. Allora le centrali sono state subissate da un numero enorme di richieste di consigli telefonici, spiegazioni, stati ansiosi, quadri interpretativi».

«Tutte le aree metropolitane sono in affanno e le attese davanti gli ospedali arrivano fino a sei-sette ore – continua Balzanelli -. C’è gente che ci è morta in quell’attesa, come riferisce la cronaca nazionale. Chiediamo aiuto del governo affinché il 118 venga rinforzato urgentemente con provvedimenti normativi adeguati altrimenti rischiamo di essere subottimali o addirittura non appropriati nelle risposte essenziali. Non possiamo continuare ad essere dimenticati e a rischiare, per la mancanza dei dispositivi di protezione individuale, di essere noi stessi contagiati, ammalati e seppelliti».

Sulle USCA, le Unità Speciali di Continuità Assistenziali, che garantendo assistenza a domicilio avrebbero dovuto in qualche modo alleggerire il lavoro dell’emergenza-urgenza, Balzanelli è lapidario: «Non giudichiamo nessuno, non ci permettiamo di entrare nel campo dei colleghi ma una cosa è certa: stanno chiamando tutti il 118 perché siamo quelli che rispondono e arrivano sempre».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici d’emergenza in piazza: «Pronto soccorso a rischio»
I Pronto soccorso italiani sono al collasso per la grave carenza di personale. Mancano 5mila unità. Si temono situazioni di crisi soprattutto durante le festività natalizie. Domani prevista una manifestazione della Simeu davanti al Ministero della Salute
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni