Salute 30 Novembre 2020 09:45

Sclerosi multipla, un trattamento in compresse per 20 giorni in 2 anni è il più efficace per le forme recidivanti

Le terapie innovative per la sclerosi multipla tra i temi portanti del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia. De Stefano: «Migliorare non solo l’instabilità fisica dei nostri pazienti, ma anche quella cognitiva»

di Isabella Faggiano

«È il primo trattamento per la sclerosi multipla recidivante che permette di raggiungere fino a 4 anni di controllo della malattia, a fronte di un massimo di 20 giorni di trattamento orale somministrato nell’arco dei primi 2 anni». Nicola De Stefano, MD PhD professore ordinario di Neurologia e direttore della clinica Neurologica e Malattie Neurometaboliche dell’università degli studi di Siena, descrive l’efficacia di cladribina compresse, anticipando a Sanità Informazione uno degli argomenti conclusivi del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia (SIN) L’appuntamento virtuale ha coinvolto, dal 28 al 30 novembre, circa 2.500 specialisti di tutta Italia.

Il 51° Congresso SIN

Tra gli altri temi portanti del Congresso la digitalizzazione della neurologia, le innovazioni nell’ambito della ricerca sui disturbi della coscienza, le ultime scoperte sui fattori di rischio dell’Alzheimer, l’impatto della pandemia sul sonno e il rapporto tra Covid e malattie neurologiche. Una relazione, quest’ultima, non sempre pericolosa: l’analisi di 46 casi confermati o sospetti di Covid-19 (rispettivamente 18 e 28) di pazienti trattati con cladribina, ha dimostrato che i pazienti colpiti da Covid-19 a cui è stato somministrato questo farmaco non hanno avuto un rischio maggiore di esiti gravi. Un successo che si aggiunge all’efficacia già accertata di cladribina.

Lo studio

A fare la differenza è la rapidità di azione: l’ultimo studio presentato sugli effetti della terapia nei pazienti con sclerosi  multipla recidivante, ha indagato proprio la velocità di azione. La ricerca ha messo a confronto, attraverso risonanza magnetica, le lesioni iniziali con quelle dei 3 periodi di trattamento (mesi 1-6, 2-6 e 3-6). I dati mostrano gli effetti del trattamento già alla fine del mese 1: le lesioni cerebrali appaiono ridotte del 61% tra i primi 30 giorni e il sesto mese, del 77% nei mesi 2-6 e  dell’87% dal terzo al sesto mese. «Risultati molto incoraggianti per la comunità scientifica della sclerosi multipla – aggiunge De Stefano -, che ci permettono di offrire ai pazienti un’opzione di trattamento in grado non solo di  mostrare i suoi effetti rapidamente, ma anche di mantenere l’efficacia nel lungo termine. Tutto ciò senza la necessità di un trattamento aggiuntivo o di un monitoraggio frequente».

Il futuro della ricerca

E sono proprio gli ottimi esiti già ottenuti a spingere i ricercatori ad andare avanti per questa strada. «Uno studio internazionale, attualmente in corso, sta valutando come questa terapia possa migliorare non solo l’instabilità fisica ma anche quella cognitiva. La sclerosi multipla – dice il neurologo – non causa demenza, ma un rallentamento, fino anche alla degenerazione, delle funzioni cognitive. Per questo – conclude De Stefano – la ricerca si concentrerà ora su un’osservazione, a medio e lungo termine, dell’assunzione del farmaco per verificare la sua capacità di rallentare o addirittura fermare il declino cognitivo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sclerosi Multipla: identificate cellule retiniche in grado di contrastare fenomeni di neurodegenerazione
Lo studio congiunto dell’IRCCS Fondazione Bietti, in collaborazione con l’IRCCS Neuromed e la Clinica Neurologica dell’Università di Tor Vergata
Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?
Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia
di Peter D'Angelo
C’è un legame tra dislessia e la mancanza di ritmo: musica e danza possono aiutare i ragazzi con DSA
Uno studio dell’Università Bicocca e dell’Istituto Besta apre nuove ipotesi sul disturbo dell’apprendimento più diffuso. I ricercatori: «Abbiamo rilevato che nei dislessici il tempo che intercorre tra sguardo e azione è di circa mezzo secondo. Ma per avere ritmo servono sincronizzazione e tempo di intervento»
di Federica Bosco
Una molecola potrebbe inibire l’ingresso del Covid nel corpo umano: la scoperta di una 14enne texana
Anika Chebrolu ha vinto il primo premio della 3M Young Scientist Challenge 2020 e si racconta a Sanità Informazione: «Ho intenzione di utilizzare parte del denaro del concorso per promuovere la mia ricerca e per finanziare il mio progetto no-profit AcademyAid, dedicato ai bambini svantaggiati»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...