Salute 30 Novembre 2020 09:45

Sclerosi multipla, un trattamento in compresse per 20 giorni in 2 anni è il più efficace per le forme recidivanti

Le terapie innovative per la sclerosi multipla tra i temi portanti del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia. De Stefano: «Migliorare non solo l’instabilità fisica dei nostri pazienti, ma anche quella cognitiva»

di Isabella Faggiano

«È il primo trattamento per la sclerosi multipla recidivante che permette di raggiungere fino a 4 anni di controllo della malattia, a fronte di un massimo di 20 giorni di trattamento orale somministrato nell’arco dei primi 2 anni». Nicola De Stefano, MD PhD professore ordinario di Neurologia e direttore della clinica Neurologica e Malattie Neurometaboliche dell’università degli studi di Siena, descrive l’efficacia di cladribina compresse, anticipando a Sanità Informazione uno degli argomenti conclusivi del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia (SIN) L’appuntamento virtuale ha coinvolto, dal 28 al 30 novembre, circa 2.500 specialisti di tutta Italia.

Il 51° Congresso SIN

Tra gli altri temi portanti del Congresso la digitalizzazione della neurologia, le innovazioni nell’ambito della ricerca sui disturbi della coscienza, le ultime scoperte sui fattori di rischio dell’Alzheimer, l’impatto della pandemia sul sonno e il rapporto tra Covid e malattie neurologiche. Una relazione, quest’ultima, non sempre pericolosa: l’analisi di 46 casi confermati o sospetti di Covid-19 (rispettivamente 18 e 28) di pazienti trattati con cladribina, ha dimostrato che i pazienti colpiti da Covid-19 a cui è stato somministrato questo farmaco non hanno avuto un rischio maggiore di esiti gravi. Un successo che si aggiunge all’efficacia già accertata di cladribina.

Lo studio

A fare la differenza è la rapidità di azione: l’ultimo studio presentato sugli effetti della terapia nei pazienti con sclerosi  multipla recidivante, ha indagato proprio la velocità di azione. La ricerca ha messo a confronto, attraverso risonanza magnetica, le lesioni iniziali con quelle dei 3 periodi di trattamento (mesi 1-6, 2-6 e 3-6). I dati mostrano gli effetti del trattamento già alla fine del mese 1: le lesioni cerebrali appaiono ridotte del 61% tra i primi 30 giorni e il sesto mese, del 77% nei mesi 2-6 e  dell’87% dal terzo al sesto mese. «Risultati molto incoraggianti per la comunità scientifica della sclerosi multipla – aggiunge De Stefano -, che ci permettono di offrire ai pazienti un’opzione di trattamento in grado non solo di  mostrare i suoi effetti rapidamente, ma anche di mantenere l’efficacia nel lungo termine. Tutto ciò senza la necessità di un trattamento aggiuntivo o di un monitoraggio frequente».

Il futuro della ricerca

E sono proprio gli ottimi esiti già ottenuti a spingere i ricercatori ad andare avanti per questa strada. «Uno studio internazionale, attualmente in corso, sta valutando come questa terapia possa migliorare non solo l’instabilità fisica ma anche quella cognitiva. La sclerosi multipla – dice il neurologo – non causa demenza, ma un rallentamento, fino anche alla degenerazione, delle funzioni cognitive. Per questo – conclude De Stefano – la ricerca si concentrerà ora su un’osservazione, a medio e lungo termine, dell’assunzione del farmaco per verificare la sua capacità di rallentare o addirittura fermare il declino cognitivo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
La ricerca non può avere confini amministrativi, intervenga l’Autorità Garante
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
La ricerca scientifica dopo il Covid, Rasi (Consulcesi): «Frammentazione è il male, ora puntare sui ricercatori»
Nell’incontro a Palazzo Zuccari “Chi ricerca Trova” anche l’intervento della ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Con il Covid abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all'applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti». Per Parente (Com.. Sanità del Senato) «occorre un piano industriale e attivare una vera sinergia tra pubblico e privato»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa