Salute 22 Giugno 2020

Un anno per mappare l’Italia e capire gli effetti neurologici del Covid. Avviato uno studio all’istituto Auxologico di Milano

Il 37% dei pazienti con Covid ha reazioni neurologiche di vario tipo: stato confusionale, vertigini, mal di testa, perdita dell’olfatto e del gusto, ma anche afasia e perdita della vista

di Federica Bosco

Stato confusionale, vertigini, mal di testa, perdita dell’olfatto e del gusto: sembrano essere questi i sintomi più comuni che restano in eredità ad alcune persone che hanno contratto il coronavirus. Ma potrebbero aggiungersene altri più complessi, come afasia e perdita della vista. Effetti inizialmente sottostimati, ma ora le conseguenze neurologiche da Covid stanno emergendo, tanto che è stato coniato un nome per identificarli: neurocovid.

Ci sono già i primi dati lombardi, a cui seguirà una mappatura di tutta Italia. Più del 37% dei pazienti ha reazioni neurologiche di vario tipo, secondo quanto emerge da uno studio che l’Unità Operativa di Neurologia e Stroke Unit dell’Auxologico di Milano sta realizzando per mappare i casi neurocovid che durerà un anno e che interesserà tutta l’Italia. Un progetto che alla fine dei dodici mesi di studio chiarirà molti dubbi e aspetti ancora sconosciuti della malattia.

LEGGI ANCHE: LA “NEUROINVASIONE” DEL COVID-19. SILANI (NEUROLOGO): «TRA LE COMPLICANZE PERDITA DI GUSTO E OLFATTO, ICTUS E STATI CONFUSIONALI»

«Di sicuro ciò che emerge dai primi dati è che l’infezione da Covid non colpisce solo il polmone e le vie respiratorie – spiega il professor Vincenzo Silani, ordinario di Neurologia e direttore della scuola di specializzazione in Neurologia dell’Università di Milano, direttore dell’Unità Operativa di Neurologia e Stroke Unit dell’Auxologico di Milano -, ma l’organismo nel suo complesso, tanto che diversi casi di ictus possono essere ricondotti al Covid».

Una conferma arriva anche dagli istituti scientifici clinici Maugeri di Pavia, che stanno affrontando, come molti altri centri nella regione più colpita dal Covid, il tema della riabilitazione, fondamentale dopo traumi che lasciano conseguenze sul sistema nervoso centrale. In questi primi due mesi già 2000 pazienti hanno affrontato un percorso riabilitativo motorio e legato alle altre deficienze causate dal virus come problemi al sistema vascolare, urinario, encefalico e muscolare, indipendentemente dalla gravità con cui si è manifestato il Covid.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
«Per il coronavirus serve una risposta planetaria. E la Global Health può aiutarci»
Intervista a Emanuele Montomoli (Università di Siena): «Oggi la pandemia viene gestita addirittura a livello di ASL, serve sovranazionalità»
di Tommaso Caldarelli
Covid, la Gran Bretagna ha approvato l’uso del vaccino Pfizer: distribuzione tra 7 giorni
L'Mhra, autorità del farmaco inglese, ha dato l'ok. La Gran Bretagna ha approvato il vaccino Pfizer per la distribuzione. I primi, tra una settimana, saranno personale sanitario e anziani
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli