Salute 22 Giugno 2020

Un anno per mappare l’Italia e capire gli effetti neurologici del Covid. Avviato uno studio all’istituto Auxologico di Milano

Il 37% dei pazienti con Covid ha reazioni neurologiche di vario tipo: stato confusionale, vertigini, mal di testa, perdita dell’olfatto e del gusto, ma anche afasia e perdita della vista

di Federica Bosco

Stato confusionale, vertigini, mal di testa, perdita dell’olfatto e del gusto: sembrano essere questi i sintomi più comuni che restano in eredità ad alcune persone che hanno contratto il coronavirus. Ma potrebbero aggiungersene altri più complessi, come afasia e perdita della vista. Effetti inizialmente sottostimati, ma ora le conseguenze neurologiche da Covid stanno emergendo, tanto che è stato coniato un nome per identificarli: neurocovid.

Ci sono già i primi dati lombardi, a cui seguirà una mappatura di tutta Italia. Più del 37% dei pazienti ha reazioni neurologiche di vario tipo, secondo quanto emerge da uno studio che l’Unità Operativa di Neurologia e Stroke Unit dell’Auxologico di Milano sta realizzando per mappare i casi neurocovid che durerà un anno e che interesserà tutta l’Italia. Un progetto che alla fine dei dodici mesi di studio chiarirà molti dubbi e aspetti ancora sconosciuti della malattia.

LEGGI ANCHE: LA “NEUROINVASIONE” DEL COVID-19. SILANI (NEUROLOGO): «TRA LE COMPLICANZE PERDITA DI GUSTO E OLFATTO, ICTUS E STATI CONFUSIONALI»

«Di sicuro ciò che emerge dai primi dati è che l’infezione da Covid non colpisce solo il polmone e le vie respiratorie – spiega il professor Vincenzo Silani, ordinario di Neurologia e direttore della scuola di specializzazione in Neurologia dell’Università di Milano, direttore dell’Unità Operativa di Neurologia e Stroke Unit dell’Auxologico di Milano -, ma l’organismo nel suo complesso, tanto che diversi casi di ictus possono essere ricondotti al Covid».

Una conferma arriva anche dagli istituti scientifici clinici Maugeri di Pavia, che stanno affrontando, come molti altri centri nella regione più colpita dal Covid, il tema della riabilitazione, fondamentale dopo traumi che lasciano conseguenze sul sistema nervoso centrale. In questi primi due mesi già 2000 pazienti hanno affrontato un percorso riabilitativo motorio e legato alle altre deficienze causate dal virus come problemi al sistema vascolare, urinario, encefalico e muscolare, indipendentemente dalla gravità con cui si è manifestato il Covid.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...