Salute 22 Giugno 2020 08:50

Un anno per mappare l’Italia e capire gli effetti neurologici del Covid. Avviato uno studio all’istituto Auxologico di Milano

Il 37% dei pazienti con Covid ha reazioni neurologiche di vario tipo: stato confusionale, vertigini, mal di testa, perdita dell’olfatto e del gusto, ma anche afasia e perdita della vista

di Federica Bosco

Stato confusionale, vertigini, mal di testa, perdita dell’olfatto e del gusto: sembrano essere questi i sintomi più comuni che restano in eredità ad alcune persone che hanno contratto il coronavirus. Ma potrebbero aggiungersene altri più complessi, come afasia e perdita della vista. Effetti inizialmente sottostimati, ma ora le conseguenze neurologiche da Covid stanno emergendo, tanto che è stato coniato un nome per identificarli: neurocovid.

Ci sono già i primi dati lombardi, a cui seguirà una mappatura di tutta Italia. Più del 37% dei pazienti ha reazioni neurologiche di vario tipo, secondo quanto emerge da uno studio che l’Unità Operativa di Neurologia e Stroke Unit dell’Auxologico di Milano sta realizzando per mappare i casi neurocovid che durerà un anno e che interesserà tutta l’Italia. Un progetto che alla fine dei dodici mesi di studio chiarirà molti dubbi e aspetti ancora sconosciuti della malattia.

LEGGI ANCHE: LA “NEUROINVASIONE” DEL COVID-19. SILANI (NEUROLOGO): «TRA LE COMPLICANZE PERDITA DI GUSTO E OLFATTO, ICTUS E STATI CONFUSIONALI»

«Di sicuro ciò che emerge dai primi dati è che l’infezione da Covid non colpisce solo il polmone e le vie respiratorie – spiega il professor Vincenzo Silani, ordinario di Neurologia e direttore della scuola di specializzazione in Neurologia dell’Università di Milano, direttore dell’Unità Operativa di Neurologia e Stroke Unit dell’Auxologico di Milano -, ma l’organismo nel suo complesso, tanto che diversi casi di ictus possono essere ricondotti al Covid».

Una conferma arriva anche dagli istituti scientifici clinici Maugeri di Pavia, che stanno affrontando, come molti altri centri nella regione più colpita dal Covid, il tema della riabilitazione, fondamentale dopo traumi che lasciano conseguenze sul sistema nervoso centrale. In questi primi due mesi già 2000 pazienti hanno affrontato un percorso riabilitativo motorio e legato alle altre deficienze causate dal virus come problemi al sistema vascolare, urinario, encefalico e muscolare, indipendentemente dalla gravità con cui si è manifestato il Covid.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...