Salute 11 giugno 2018

Mandelli (Forza Italia): «Sostenibilità SSN a rischio. Conciliare innovazione, aumento aspettativa di vita e qualità assistenza»

Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti rivendica il ruolo delle farmacie: «Dobbiamo prendere in carico il cronico sollevando gli Ospedali in un Paese che è vecchio e che ha pochi giovani che sostengono la spesa sanitaria»

Immagine articolo

Lui è il Presidente della FOFI, la Federazione degli Ordini dei Farmacisti, ma ormai ha un ruolo sempre più importante nella vita politica italiana. Andrea Mandelli, deputato di Forza Italia, in questa legislatura è già stato vicepresidente della Commissione speciale che, in attesa del nuovo Governo, ha esaminato gli atti urgenti e il Def. In realtà già dalla scorsa legislatura in Senato, da vicepresidente della Commissione Bilancio, aveva svolto un ruolo importante nelle istituzioni, senza dimenticare l’attenzione per il mondo della sanità che da sempre lo contraddistingue. Al centro del suo ragionamento la sostenibilità del Sistema sanitario nazionale, messa sempre più in crisi dall’aumento dell’aspettativa di vita e, di conseguenza, dei malati cronici.

LEGGI ANCHE: GOVERNANCE FARMACEUTICA, PROVE DI DIALOGO GRILLO-REGIONI. IL MINISTRO: «PRONTA AD INCONTRARE SAITTA»

Onorevole, di cosa si occuperà in questa legislatura?

Io, come nell’altra legislatura, mi occuperò di temi più attinenti al Bilancio.

Cosa pensa del programma di governo?

«Bisogna porre attenzione alla parte economica perché è un discorso fondamentale per approcciare la salute. La sanità è la posta di bilancio più importante delle regioni. Il Sistema Sanitario nazionale è oggettivamente una risorsa per i cittadini perché anche in questi anni in cui la rabbia montava (lo abbiamo visto con le elezioni), avere una certezza sotto il profilo della salute dei nostri cari è stata, se vogliamo, quasi un ‘ammortizzatore sociale’. Ha garantito in un momento di crisi una stabilità non indifferente per il Paese. Ora sta cambiando tutto: sta arrivando una grande innovazione di molecole nuove e risolutive, in alcuni casi non si pensa più alla cronicità ma alla guarigione, ci sono delle tecnologie diagnostiche importantissime che anticipano la diagnosi: ci mettono di fronte oltre al costo dell’intervento anche al tema della presa in carico del paziente per curarlo. Quindi c’è il tema della cronicità e della necessità di prendere in carico il cronico, non dimentichiamo che l’Italia è il secondo paese più vecchio nel mondo, abbiamo pochi giovani che possono sostenere la spesa del welfare e quindi anche della sanità. La sanità è dunque un momento centrale dal punto di vista economico del Paese e di benessere per i cittadini. Io credo che, considerato il trend del momento, noi avremo difficoltà a mantenere un Sistema sanitario universale: non perché non me lo auguri ma perché effettivamente sta arrivando tanto e tutto. Quindi bisogna incominciare a ragionare su temi che permettano la sostenibilità: secondo me sarà ineludibile se davvero vogliamo fare il cambiamento».

LEGGI ANCHE: FEDERFARMA ROMA E MERCEDES-BENZ INSIEME PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE. «AUTO ELETTRICHE? UNA COLONNINA DI RICARICA DAVANTI AD OGNI FARMACIA»

In questo senso anche le farmacie possono giocare un ruolo importante…

«Le farmacie ce l’hanno già un ruolo. Noi già nel 2006 abbiamo incominciato a pensare a come reinventarci il ruolo del farmacista proprio partendo dal concetto che un’Italia troppo ospedalocentrica ha bisogno di più territorio per diminuire la spesa, per essere più vicini al cittadino e per dare più servizio sotto il profilo di salute. La farmacia nasce già inserita nel processo di digitalizzazione con un fascicolo elettronico farmaceutico all’interno del sanitario, abbiamo progetti di servizi volti alla gestione globale del paziente. È anche protagonista dell’aderenza terapeutica, cioè la capacità quindi di rendere veramente efficace la cura del medico che troppo spesso finisce in un cassetto del paziente e quindi abbiamo il compito di controllare che il paziente si curi evitando che vada in acuto sia per il suo benessere sia per evitare che lo Stato si trovi inutilmente a spendere soldi per cure e diagnosi. È un percorso tra digitalizzazione della sanità, farmacia dei servizi, una forte capacità di essere proattivi nel Servizio sanitario nazionale cercando di mettere a frutto cure che il Ssn stesso eroga. Il nostro ruolo è importante proprio perché dobbiamo prenderci in carico il cronico sollevando l’ospedale in un Paese che è vecchio e che ha pochi giovani che sostengono la spesa sanitaria».

Forse il programma del Governo M5S – Lega è troppo ambizioso dal punto di vista della sanità, anche in relazione ai vincoli di bilancio?

«Non voglio entrare in quello che faranno, in questo momento è normale che un governo che parte abbia la volontà di dire tutto e il contrario di tutto. Noi lo vedremo sulla prova dei fatti. Io dico che il problema economico del Ssn è un tema su cui porre rilievo e accento perché la spesa sanitaria regionale è la parte del bilancio più importante, quindi la necessità di conciliare l’innovazione, l’aumento dell’aspettativa di vita e la qualità dell’assistenza credo sia uno dei temi su cui andrà fatto un ragionamento».

Articoli correlati
Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, partono i lavori: obiettivo riduzione diseguaglianze geografiche e sociali
Riduzione delle principali disuguaglianze sociali e geografiche che si osservano nel Paese, definizione di indicatori omogenei, misurabili e robusti collegati al monitoraggio dei Lea, azione proattiva mirata a intercettare i bisogni di salute. Sono queste alcune delle linee prioritarie per il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, frutto di un primo incontro che si è tenuto […]
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Beppe Grillo: «Camici bianchi come agenti di turismo». FNOMCeO: «Noi medici del cittadino, non dello Stato». E sull’autismo è bufera
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici replica alle parole del fondatore M5S: «Per noi nessun paziente è numero». Grillo ironizza su malati di Asperger e autismo, la replica delle associazioni: «Ingeneroso suscitare risata su questa malattia»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
Sanità in Italia, presentato rapporto TDM-Cittadinanzattiva: «Troppe diseguaglianze, serve confronto su ‘autonomia differenziata’»
Tonino Aceti, Coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, avverte: «Si stanno liquidando i principi di solidarietà, equità e unitarietà del nostro Ssn. Siamo preoccupati e chiediamo al Ministro Grillo l’immediata costituzione di un tavolo di confronto sulle proposte di autonomia differenziata, prima che il Consiglio dei Ministri le approvi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...