Federfarmaroma 10 maggio 2018

Federfarma Roma e Mercedes-Benz insieme per una città sostenibile. «Auto elettriche? Una colonnina di ricarica davanti ad ogni farmacia»

Il fabbisogno di colonnine di ricarica per auto elettriche della città di Roma è circa di 700 unità. Tante quante le farmacie della Capitale, che sono appunto (una in più, una in meno) 700. È questa la proposta uscita dall’incontro a cui hanno preso parte Federfarma Roma e la filiale capitolina di Mercedes-Benz, colosso tedesco […]

Il fabbisogno di colonnine di ricarica per auto elettriche della città di Roma è circa di 700 unità. Tante quante le farmacie della Capitale, che sono appunto (una in più, una in meno) 700. È questa la proposta uscita dall’incontro a cui hanno preso parte Federfarma Roma e la filiale capitolina di Mercedes-Benz, colosso tedesco delle auto.

Da una comune visione sull’importanza del benessere e la salute dei cittadini nell’ecosistema delle grandi città metropolitane, è dunque nata una nuova importante partnership. Due mondi apparentemente distanti che si sono incontrati per condividere un obiettivo unico: sviluppare progetti e soluzioni in grado di generare valore e benessere per i cittadini nella Capitale. Una mobilità sostenibile e uno stile di vita attento alla buona salute rappresentano, infatti, elementi fondanti anche del manifesto dell’Health City Institute, il think tank che favorisce l’incontro di realtà imprenditoriali come Mercedes-Benz Roma e Federfarma, offrendo spunti e progetti di lavoro comuni.

«Quando parliamo di smart city, non possiamo prescindere dal concetto di health city – ha dichiarato Benito De Filippis, CEO di Mercedes-Benz Roma –. La partnership con Federfarma Roma, che ha trovato nell’Health City Institute una piattaforma di sviluppo comune, va proprio in questa direzione. Una responsabilità sociale che sosteniamo attraverso prodotti a zero emissioni come la nuova smart elettrica e soluzioni di mobilità alternative come Car2go. Un impegno che guarda concretamente al futuro con la conversione del marchio smart in full electric entro il 2020, la progressiva ibridizzazione dei nostri modelli, il debutto di una nuova famiglia di prodotti 100% elettrici». Ed è proprio da qui che nasce la proposta fatta a Federfarma Roma, nel corso della serata in Mercedes Benz Roma, di immaginare il posizionamento di colonnine di ricarica per auto elettriche anche davanti le 700 farmacie romane. Ipotesi, questa, raccolta con entusiasmo da Vittorio Contarina.

«Federfarma Roma – ha dichiarato il Presidente Contarina – è convinta che si debba sviluppare un percorso che promuova la salute nelle città, per prendersi cura del cittadino in maniera proattiva, dinamica, viva. Perché no, dunque, l’idea di posizionare le colonnine di ricarica davanti le farmacie della Capitale che avendo anche un sistema di videosorveglianza 24 ore su 24 garantiscono zone di sicurezza nella città».

Fondamentale per Contarina, iniziare ad inserire ambiente e salute nella medesima equazione, lavorando a iniziative e interventi che propongano e diffondano una nuova cultura e idea di salute. «Essere farmacista – aggiunge – non è una semplice professione, ma una vera e propria missione che non può e non deve esaurirsi tra le quattro mura delle nostre farmacie. Non possiamo smettere di essere farmacisti la sera, quando ci togliamo il camice. La nostra missione è dispensare salute, non solo attraverso l’attività che ci è più congeniale, la dispensazione di farmaci, ma anche attraverso iniziative e partnership a servizio dei nostri cittadini. Da questa convinzione nasce la collaborazione con Mercedes-Benz Roma, attore primario nella diffusione di veicoli ecologici e nelle soluzioni intelligenti ai problemi di mobilità: il cittadino ha il diritto di condurre una vita sana nella propria città, e tutti gli attori – pubblici e privati – hanno in misura crescente il dovere di fornire strumenti e soluzioni necessari al raggiungimento di tale benessere».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila