Salute 26 Giugno 2019

Salute Mentale, oltre 850mila i pazienti curati da meno di 30mila operatori. Grillo: «Dobbiamo investire di più»

Presentato a Roma il Rapporto sul SISM-Sistema informativo salute mentale. Tra gli assistiti il 70% è over 45, mentre oltre la metà sono donne

Immagine articolo

Aumentano gli utenti psichiatrici assistiti dai servizi specialistici nel corso del 2017, la maggior parte ha superato i 45 anni di età e oltre la metà dei pazienti sono donne. Lo si legge nell’ultimo Rapporto sul SISM-Sistema informativo salute mentale presentato oggi al ministero della Salute a Roma. Lo studio fa riferimento ai dati aggiornati al 31 dicembre 2017 e ha registrato un aumento del 5% degli assistiti, passando da 807mila pazienti a 851.189.

Variano i tassi da regione a regione, dal 79,9 per 10mila abitanti adulti in Sardegna fino a 230,1 in Puglia, con un valore totale in Italia di 169,4. I pazienti che sono entrati in contatto per la prima volta durante l’anno con i dipartimenti di Salute Mentale ammontano a 335.794 unità, di cui il 91,7% ha avuto un contatto con i servizi per la prima volta nella vita. Le donne sono la maggioranza con il 53,5% dei casi, mentre in riferimento all’età il numero maggiore di pazienti è al di sopra dei 45 anni.

LEGGI: CONFERENZA PER LA SALUTE MENTALE, PER I PAZIENTI «PIÙ PSICOTERAPIA E MENO FARMACI»

Per le patologie, i dati evidenziano differenze legate al genere. I tassi relativi ai disturbi schizofrenici, ai disturbi di personalità, da abuso di sostanze e al ritardo mentale sono maggiori nel sesso maschile rispetto a quello femminile, mentre l’opposto avviene per i disturbi affettivi, nevrotici e depressivi. In particolare, a soffrire di depressione sono il doppio delle donne rispetto agli uomini.

La dotazione complessiva del personale all’interno delle unità operative psichiatriche pubbliche, nel 2017, risulta pari a 28.692 unità. Tuttavia in un anno si sono persi circa tremila operatori, a fronte però di un aumento degli assistiti di 50 mila unità. Gli operatori prevalenti sono rappresentati da medici (31,6%) e infermieri (45,1%); il 31,2% degli interventi è rappresentato da attività infermieristica al domicilio e nel territorio, il 24,1% da attività psichiatrica, il 15,6% da attività di riabilitazione e risocializzazione territoriale, il 6,5% da attività psicologica psicoterapica e il 6,0% da attività di coordinamento; la quota restante riguarda attività rivolta alla famiglia e attività di supporto. Le giornate di presenza presso strutture residenziali sono pari a 11.549.682 per 32.515 utenti, mentre la durata media del trattamento a livello nazionale è pari a 815,8 giorni. Gli accessi nelle strutture semiresidenziali sono pari a 1.582.966 per 27.600 persone (325,9 accessi per 10mila abitanti). Complessivamente il 78,1% degli interventi è effettuato in sede, il 7,9% a domicilio e il resto in una sede esterna.

Nel 2017, emerge sempre dal Rapporto, il sistema informativo salute mentale ha rilevato dati di attività di 1.481 servizi territoriali, 2.346 strutture residenziali e 908 strutture semiresidenziali che si riferiscono a circa il 92% dei Dsm. Il numero dei Spdc attivi è pari a 318 con complessivi 3.981 posti letto per ricoveri ordinari e 338 posti letto per ricoveri in day hospital; le strutture ospedaliere in convenzione che erogano attività di assistenza psichiatrica sono pari a 22 con un totale di posti letto per degenza ordinaria pari a 1.155 e a 16 posti per day hospital. Per il totale Italia, l’offerta per i posti letto in degenza ordinaria, infine, è di 10,1 ogni 100mila abitanti maggiorenni.

«Dobbiamo assolutamente invertire la rotta, – commenta il ministro della Salute, Giulia Grillo in merito alla spesa prevista dal Fondo sanitario nazionale per le malattie mentali – mi auguro che nel Patto della salute le Regioni accoglieranno la mia idea, che è quella di cercare di investire di più su questo tipo di malati, che sicuramente hanno un impatto importante sul tessuto sociale, ma anche di tipo economico. È quindi interesse di tutti rendere migliore la loro vita, sia dal punto di vista della salute sia da quello sociale».

«Dobbiamo cercare di domiciliarizzare i servizi di cura psichiatrici e di assistenza psicologica il più possibile- ha proseguito quindi Grillo- laddove naturalmente è richiesto e c’è necessità. È lo sforzo più grande che dobbiamo fare. Inoltre, anche i servizi di inclusione sociale e lavorativa per i malati psichiatrici e di assistenza alle famiglie sono ancora abbastanza ridotti come numero e questo è un altro grande sforzo che dobbiamo fare- ha concluso il ministro Grillo- cioè dare un reale sostegno alle famiglie che poi si fanno carico del malato psichiatrico».

Articoli correlati
Sanità, De Poli (Udc): «Italia fanalino di coda su cure disturbi mentali, serve Piano nazionale straordinario»
«Nella cura dei disturbi mentali l’Italia spende il 3,5 % contro il 10% del resto d’Europa» sottolinea il senatore dell'Unione di Centro intervenendo al convegno “Evoluzione e futuro della cura dei disturbi mentali”,
Salute mentale, fatti e cifre contro lo stigma. Nel 2017 oltre 851mila persone in cura
“Non c’è salute senza salute mentale” afferma l’Organizzazione mondiale della sanità. La salute mentale è infatti parte integrante della salute e del benessere e ad essa è dedicata la Giornata mondiale che si celebra ogni anno il 10 ottobre. L’obiettivo è sensibilizzare la popolazione sull’importanza della diagnosi precoce e favorire l’accesso alle cure, aiutando a […]
Medici di famiglia, ex Ministro Grillo alle Regioni: «Meno borse di formazione di quelle previste»
«Dovevano essere 2000 da distribuire in tutta Italia, ma le Regioni hanno deciso incredibilmente di formarne solo 666», specifica l'ex Ministro della Salute, Giulia Grillo riferendosi alle borse di studio previste dal decreto Calabria
Napoli, al Santobono padre rompe un dito a infermiere. L’ex ministro Grillo: «Approvare legge, non aspettiamo il morto»
L’aggressore è il genitore di una bambina giunta al Pronto soccorso con un attacco di asma, un codice verde. La direttrice del nosocomio: «Chiederò un tavolo in Prefettura al fine di contenere questo fenomeno»
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...