Salute 26 Giugno 2019 15:01

Salute Mentale, oltre 850mila i pazienti curati da meno di 30mila operatori. Grillo: «Dobbiamo investire di più»

Presentato a Roma il Rapporto sul SISM-Sistema informativo salute mentale. Tra gli assistiti il 70% è over 45, mentre oltre la metà sono donne

Salute Mentale, oltre 850mila i pazienti curati da meno di 30mila operatori. Grillo: «Dobbiamo investire di più»

Aumentano gli utenti psichiatrici assistiti dai servizi specialistici nel corso del 2017, la maggior parte ha superato i 45 anni di età e oltre la metà dei pazienti sono donne. Lo si legge nell’ultimo Rapporto sul SISM-Sistema informativo salute mentale presentato oggi al ministero della Salute a Roma. Lo studio fa riferimento ai dati aggiornati al 31 dicembre 2017 e ha registrato un aumento del 5% degli assistiti, passando da 807mila pazienti a 851.189.

Variano i tassi da regione a regione, dal 79,9 per 10mila abitanti adulti in Sardegna fino a 230,1 in Puglia, con un valore totale in Italia di 169,4. I pazienti che sono entrati in contatto per la prima volta durante l’anno con i dipartimenti di Salute Mentale ammontano a 335.794 unità, di cui il 91,7% ha avuto un contatto con i servizi per la prima volta nella vita. Le donne sono la maggioranza con il 53,5% dei casi, mentre in riferimento all’età il numero maggiore di pazienti è al di sopra dei 45 anni.

LEGGI: CONFERENZA PER LA SALUTE MENTALE, PER I PAZIENTI «PIÙ PSICOTERAPIA E MENO FARMACI»

Per le patologie, i dati evidenziano differenze legate al genere. I tassi relativi ai disturbi schizofrenici, ai disturbi di personalità, da abuso di sostanze e al ritardo mentale sono maggiori nel sesso maschile rispetto a quello femminile, mentre l’opposto avviene per i disturbi affettivi, nevrotici e depressivi. In particolare, a soffrire di depressione sono il doppio delle donne rispetto agli uomini.

La dotazione complessiva del personale all’interno delle unità operative psichiatriche pubbliche, nel 2017, risulta pari a 28.692 unità. Tuttavia in un anno si sono persi circa tremila operatori, a fronte però di un aumento degli assistiti di 50 mila unità. Gli operatori prevalenti sono rappresentati da medici (31,6%) e infermieri (45,1%); il 31,2% degli interventi è rappresentato da attività infermieristica al domicilio e nel territorio, il 24,1% da attività psichiatrica, il 15,6% da attività di riabilitazione e risocializzazione territoriale, il 6,5% da attività psicologica psicoterapica e il 6,0% da attività di coordinamento; la quota restante riguarda attività rivolta alla famiglia e attività di supporto. Le giornate di presenza presso strutture residenziali sono pari a 11.549.682 per 32.515 utenti, mentre la durata media del trattamento a livello nazionale è pari a 815,8 giorni. Gli accessi nelle strutture semiresidenziali sono pari a 1.582.966 per 27.600 persone (325,9 accessi per 10mila abitanti). Complessivamente il 78,1% degli interventi è effettuato in sede, il 7,9% a domicilio e il resto in una sede esterna.

Nel 2017, emerge sempre dal Rapporto, il sistema informativo salute mentale ha rilevato dati di attività di 1.481 servizi territoriali, 2.346 strutture residenziali e 908 strutture semiresidenziali che si riferiscono a circa il 92% dei Dsm. Il numero dei Spdc attivi è pari a 318 con complessivi 3.981 posti letto per ricoveri ordinari e 338 posti letto per ricoveri in day hospital; le strutture ospedaliere in convenzione che erogano attività di assistenza psichiatrica sono pari a 22 con un totale di posti letto per degenza ordinaria pari a 1.155 e a 16 posti per day hospital. Per il totale Italia, l’offerta per i posti letto in degenza ordinaria, infine, è di 10,1 ogni 100mila abitanti maggiorenni.

«Dobbiamo assolutamente invertire la rotta, – commenta il ministro della Salute, Giulia Grillo in merito alla spesa prevista dal Fondo sanitario nazionale per le malattie mentali – mi auguro che nel Patto della salute le Regioni accoglieranno la mia idea, che è quella di cercare di investire di più su questo tipo di malati, che sicuramente hanno un impatto importante sul tessuto sociale, ma anche di tipo economico. È quindi interesse di tutti rendere migliore la loro vita, sia dal punto di vista della salute sia da quello sociale».

«Dobbiamo cercare di domiciliarizzare i servizi di cura psichiatrici e di assistenza psicologica il più possibile- ha proseguito quindi Grillo- laddove naturalmente è richiesto e c’è necessità. È lo sforzo più grande che dobbiamo fare. Inoltre, anche i servizi di inclusione sociale e lavorativa per i malati psichiatrici e di assistenza alle famiglie sono ancora abbastanza ridotti come numero e questo è un altro grande sforzo che dobbiamo fare- ha concluso il ministro Grillo- cioè dare un reale sostegno alle famiglie che poi si fanno carico del malato psichiatrico».

Articoli correlati
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Giornata salute mentale. Zanalda (Sip): «No al sovraffollamento dei servizi: i pazienti psichiatrici vanno curati e non custoditi»
“Salute Mentale in un mondo ineguale” è lo slogan della Giornata 2021, il presidente Sip: «In Africa o in alcuni Paesi dell’Asia i servizi di salute mentale non esistono e al malato di mente, emarginato dal resto della società, non è offerta alcuna possibilità di cura»
di Isabella Faggiano
AITERP riconosciuta come ATS, Famulari: «Ancora troppe disparità, ora è il momento del restyling dei Dipartimenti di Salute Mentale»
La Presidente dell’Associazione Italiana Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica spiega: «Presenza dei TeRP sul territorio fondamentale, dobbiamo andare verso una salute mentale di comunità: oggi solo 875 professionisti presenti nei DSM». Il 10 ottobre la Giornata Mondiale della Salute Mentale
di Francesco Torre
Aifa presenta il primo “Atlante delle disuguaglianze sociali”: «Consumo farmaci maggiore in aree disagiate»
Il consumo dei farmaci antidepressivi è maggiore nelle aree del Nord e minore al Sud
Salute mentale, D’Arrando (M5S): «Ministero chiarisca su medici anti Basaglia in Friuli Venezia Giulia»
«Purtroppo, nel 2021 siamo ancora qui a dover difendere una legge, la 180 del 1978, che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità reputa la normativa più rispettosa al mondo dei diritti delle persone con disturbo mentale» commenta la deputata pentastellata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...