Salute 12 Febbraio 2020 11:00

Safer Internet Day, allarme smartphone: uso eccessivo possibile causa di DSA

Un progetto di ICS Maugeri rivela che «l’80% delle informazioni possono essere una concausa dei deficit di attenzione e di concentrazione legati a problemi di apprendimento»

di Federica Bosco
Safer Internet Day, allarme smartphone: uso eccessivo possibile causa di DSA

In occasione del Safer Internet day, Milano è scesa in piazza contro il bullismo e il cyberbullismo. Nella giornata mondiale per la sicurezza in rete, istituita e promossa dalla Commissione Europea e celebrata in oltre 100 nazioni, la città lo scorso 11 febbraio ha risposto con un momento di incontro, sport, aggregazione e dibattito nel segno di “Together for a better Internet”, organizzato da Casa Pediatrica del Fatebenefratelli Sacco, Regione Lombardia, Ministero dell’Istruzione e Comune di Milano. Gli oltre mille ragazzi presenti hanno fatto domande, si sono raccontati e hanno provato, grazie ad un progetto degli istituti clinici scientifici Maugeri, patrocinato dal Provveditorato, quanto, un uso eccessivo degli strumenti elettronici, possa causare danni alla vista e al cervello. Ne abbiamo parlato con Idor De Simone, Optometrista di ICS Maugeri.

Dottor De Simone andate nelle scuole con quale compito?

«Andiamo a valutare tre aree fondamentali del sistema visivo: i difetti visivi, l’area motoria ovvero gli strabismi manifesti e latenti, e l’area dei colori. Abbiamo rilevato in questi primi due anni un 70 percento di difetti visivi e disturbi oculo motori non corretti. Questi sono generati principalmente dall’utilizzo massiccio dei dispositivi digitali, soprattutto a distanza ravvicinata. Ma tutto questo, poiché l’80 percento delle informazioni passano dal canale visivo, possono essere una concausa dei deficit di attenzione e di concentrazione legati a problemi di apprendimento».

LEGGI ANCHE: ALL’ETA’ DI 7 ANNI I PRIMI  TIKTOKER, LO PSICHIATRA: «NIENTE PSICOSI, TIKTOK AUMENTA LA CREATIVITA’ E I RIFLESSI, MA ATTENTI ALL’ABUSO»

Con quali conseguenze?

«Principalmente si riscontrano miopie non corrette e strabismi latenti divergenti non manifesti, ovvero non è uno strabismo che si vede ma si manifesta con alcuni test o in alcune direzioni di sguardo. questa è l’area più importante perché significa che durante la lettura uno dei due occhi devia verso l’esterno, non rientra in convergenza e il ragazzo deve tornare a capo e perde il filo quindi ha un ritardo nella lettura e un affaticamento maggiore».

Diamo dei consigli ai ragazzi per correggere questi difetti, dovuti al troppo utilizzo degli strumenti digitali.

«Innanzitutto, distanza d’uso che deve andare dall’avanbraccio al polso, quindi tra mano e spalla, un’inclinazione di circa 20 gradi dallo strumento digitale, un’illuminazione dell’ambiente omogenea e diffusa e soprattutto non abusare col tempo. Attenzione all’uso notturno degli strumenti digitali, perché a causa della luce blu emessa dagli schermi abbiamo un’alterazione del ritmo sonno veglia, quindi il consiglio fondamentale due ore prime di andare a letto spegnere i dispositivi digitali».

Per vincere contro bullismo, cyberbullismo e un utilizzo eccessivo e scorretto dei dispositivi digitali è sceso in campo anche il mondo dello sport con il CSI, il Coni e i giovani della primavera del Milan accompagnati dall’ex campione, oggi allenatore, Nelson Dida.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sanitari sempre più social. Da Facebook a Tik Tok, benefici e insidie della comunicazione online
Comunello (Sapienza): «Fare attenzione nel citare casi clinici per non imbarazzare i pazienti». E i contenuti web falsi o scorretti possono essere rimossi facendo ricorso al “diritto all’oblio”
di Isabella Faggiano
Internet: una risorsa o un rischio per i nostri figli?
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
“Sirio e i tetrabondi”, il racconto social di un percorso rivoluzionario verso l’autonomia e la felicità
Sirio è un bambino di 7 anni tetraplegico. La sua mamma, Valentina, da due anni ha deciso di condividere la quotidianità della sua famiglia, sconvolta da una disabilità gravissima, sui social con un racconto ironico e provocatorio. Ora sogna di istituire una Fondazione
di Isabella Faggiano
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Gli smartphone possono capire quando sei ubriaco da come cammini
Uno studio dell'Università di Pittsburgh ipotizza l'uso degli smartphone per ricevere un avviso quando si è troppo ubriachi per guidare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?