Formazione 6 Febbraio 2020 10:10

All’età di 7 anni i primi Tiktoker, lo psichiatra: «Niente psicosi, TikTok aumenta la creatività e i riflessi, ma attenti all’abuso»

I consigli dell’esperto del “Gemelli” David Martinelli nel corso online Ecm di Consulcesi Club sulle dipendenze da internet: «Usate l’app con i vostri figli per evitare la dipendenza. Poi provate ad essere sconnessi per un giorno»

All’età di 7 anni i primi Tiktoker, lo psichiatra: «Niente psicosi, TikTok aumenta la creatività e i riflessi, ma attenti all’abuso»

TikTok è l’app più scaricata del momento, con oltre 500 milioni di utenti attivi in tutto il mondo e un miliardo di registrati, ha battuto in poco tempo Instagram, Facebook e YouTube. I fruitori di TikTok hanno dai 7 ai 16 anni e appartengono alla generazione Z, nati nella seconda metà degli anni ’90 al primo decennio del 2000.

In vista delle prossime giornate di sensibilizzazione sul tema – 7 febbraio, Giornata contro il cyberbullismo e 11 febbraio, Safer Internet DayConsulcesi, realtà di riferimento per la formazione dei professionisti sanitari, affronta il fenomeno della dipendenza digitale con lo psichiatra David Martinelli, esperto di dipendenza da internet presso il Policlinico Gemelli e responsabile scientifico del corso Fad “Internet & Adolescenti: dal cyberbullismo alla web-dipendenza” fruibile anche attraverso la collana e-book messa a disposizione dal provider Sanità in-Formazione. Il progetto formativo, presentato al Ministero della Salute, prevede anche una parte di edutainment rappresentata dal film “Sconnessi” diretto da Christian Marazziti ed in onda stasera su Canale 5. «La metodologia dei Film Formazione, lanciata in occasione della pandemia Ebola, – spiega il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella – è tra le più scelte dai professionisti della sanità per aggiornare le proprie competenze. In particolare, patologie legate a tematiche di grande rilievo sociale e mediatico che generano vere e proprie psicosi collettive, come l’attuale caso del Coronavirus, possono sfruttare la forza comunicativa e narrativa della cinematografia».

LEGGI ANCHE: NUOVE TECNOLOGIE E RISCHIO NOMOFOBIA, LUCIDI (SAPIENZA): «NECESSARIO UTILIZZARLE CON COMPETENZA PER NON DIVENTARNE “PREDA”»

Un adolescente su cinque ha un rapporto problematico con il web, secondo una ricerca della Fondazione Policlinico Universitario Gemelli – Università Cattolica del Sacro Cuore. Il problema è serio e non va sottovalutato, ma affrontato con un mindset diverso, senza pregiudizi. Secondo lo psichiatra, è sbagliato l’approccio negazionista e giudicante, assunto da molti professionisti ed educatori, nei confronti di quella che è una vera e propria digital revolution, ormai parte integrante del nostro presente e che condiziona ogni aspetto della nostra vita, dall’economia alla salute.

«Contrastare o addirittura negare l’uso dei social negli adolescenti e preadolescenti è inutile, se non addirittura controproducente – afferma lo psichiatra David Martinelli -. Partendo dal concetto che per valutare un fenomeno bisogna conoscerlo e non demonizzarlo, occorre prepararsi seriamente e informarsi in maniera approfondita sull’uso di internet».

Anche i genitori devono essere preparati a gestire la rivoluzione digitale, essere capaci di fornire regole chiare ai ragazzi, approcciando i nuovi social in maniera non pregiudiziale e giudicante. Secondo l’esperto, TikTok stimola la creatività, la velocità e il dinamismo dei propri utenti. Il successo dell’app cinese è dovuto alle sue caratteristiche chiare e semplici, risultato di intelligenza artificiale, nella realizzazione di video dalla breve durata (dai 15 ai 60 secondi) accompagnati da musica, effetti sonori e filtri. I risultati sono: balletti, mini-sketch comici e parodie musicali in playback. «Osservate i vostri figli o partecipate attivamente a realizzare un video di 60 secondi su TikTok con una base musicale, – consiglia Martinelli ai genitori – capite cosa attrae del social i vostri figli e imparate a conoscere i loro gusti e le loro attitudini. Uno dei metodi per evitare che i ragazzi diventino dipendenti da internet è eludere la solitudine e il senso di isolamento e accorciare le distanze tra la figura genitoriale e i figli, facendo un passo verso il loro mondo».

Sconnessi per un giorno. Una volta ripristinato il rapporto fiduciario con i ragazzi, arriva il momento di insegnargli a coltivare le relazioni interpersonali, valorizzare il tempo libero, diversificando le attività. Una proposta che funziona, secondo l’esperto, è trascorre un intero giorno offline. L’idea di aderire con tutta la famiglia a un intero giorno senza internet era arrivata dal cast del film “Sconnessi” nella presentazione al Ministero con l’idea di istituire uno #Sconnessiday.

Articoli correlati
Formazione, medici di medicina generale: nuova vittoria di Consulcesi al TAR
Tortorella (Consulcesi): «Risultato contro l’imbuto formativo, ora a lavoro per gli studenti al test di medicina»
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Boom aggressioni in sanità, da Consulcesi counselling per recuperare il rapporto medico-paziente
Da quando è scoppiata la pandemia, e ancor di più con l’inizio della campagna vaccinale anti-Covid, le aggressioni verbali e fisiche contro scienziati e operatori sanitari si sono moltiplicate. Oltre quelle che hanno colpito medici “famosi”, ce ne sono centinaia di altre lontane dai riflettori. Insieme alla sempre più diffusa cultura No Vax, questo è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco