Salute 4 Febbraio 2022 12:06

Rt a 0,93 e tre Regioni a rischio alto. Speranza: «91% di italiani over 12 ha avuto prima dose»

Scendono i tassi di occupazione in area medica e terapia intensiva. Il ministro sulle liste d’attesa promette un miliardo di euro per recuperare il terreno perduto ed evitare che si paghi un prezzo alto per le patologie che possono aggravarsi

Rt a 0,93 e tre Regioni a rischio alto. Speranza: «91% di italiani over 12 ha avuto prima dose»

L’incidenza scende a livello nazionale e in maniera sostanziale anche questa settimana: 1.362 ogni 100mila abitanti (28 gennaio – 3 febbraio) contro 1.823 ogni 100mila abitanti (21-27 gennaio). Lo sottolinea il report dell’Istituto superiore di sanità (Iss) con i dati principali del monitoraggio della Cabina di regia. L’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,93 in diminuzione rispetto alla settimana precedente e al di sotto della soglia epidemica. Lo stesso andamento si registra per l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt=0,89 al 25 gennaio contro Rt=0,96 al 18 gennaio).

I dati

Tre Regioni e province autonome sono classificate a rischio alto, a causa dell’impossibilità di valutazione per incompletezza dei dati inviati, tre Regioni risultano classificate a rischio Moderato. Scendono ancora i tassi di occupazione delle terapie intensive e dei ricoveri in area medica. Il primo «è al 14,8% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 3 febbraio) contro il 16,7% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 gennaio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale è al 29,5% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 3 febbraio) contro il 30,4% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 gennaio)».

Diminuisce il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (553.860 contro 652.401 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in leggera diminuzione (17% contro 18% la scorsa settimana). È stabile invece la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (38% contro 38%) ed anche la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (45% contro 45%).

Speranza parla di una nuova fase

«Siamo finalmente in una fase che appare essere diversa rispetto ai mesi precedenti, dobbiamo tenere ancora i piedi per terra e avere ancora massima prudenza ma per la prima volta dopo molte settimane guardiamo a numeri che stanno finalmente migliorando. I casi sono ancora altissimi e serve attenzione e cautela. Ma grazie ai vaccini e ai comportamenti corretti delle persone stiamo registrando un abbassamento del numero dei contagi e riduzione delle ospedalizzazioni. Speriamo che questi numeri continuino a scendere. E questo ci potrà far aprire una fase nuova», ha commentato così il ministro della Salute Roberto Speranza in un videomessaggio all’evento di Aiom “Le sfide globali e il cancro”.

500 milioni per recuperare le liste di attesa

Poi ha aggiunto un dettaglio sulle vaccinazioni. «Siamo al 91% di italiani over 12 che hanno avuto la prima dose – ha detto – l’88% di persone che hanno avuto due dosi di vaccino e oltre 34mln di persone che hanno avuto il booster o il richiamo. Possiamo aprire fase diversa di lotta al Covid». Il ministro ha aperto anche la discussione per il recupero di visite e screening saltati. «Non vi è alcun dubbio che nei mesi più duri della pandemia in cui i nostri ospedali, le strutture sanitarie, i medici e gli infermieri, sono stati impegnati quotidianamente nella lotta al Covid, abbiamo accumulato ritardi nelle visite mediche, negli screening, negli interventi che dobbiamo assolutamente recuperare. Abbiamo dato delle risposte nel “Decreto agosto”, dove sono stati approvati stanziamenti di 500 milioni per recuperare le liste d’attesa e i ritardi per il Covid. E anche nell’ultima Legge di bilancio abbiamo approvato ancora uno stanziamento di 500 mln che è rivolto al recupero di interventi e screening. Un miliardo di euro per recuperare il terreno perduto ed evitare che si paghi un prezzo alto per le patologie che possono aggravarsi. E l’ambito oncologico è quello dove più dobbiamo investire risorse».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Speranza: «Risorse in sanità senza precedenti, serve analisi performance»
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha parlato della nuova sanità, con i relativi investimenti, all'evento di presentazione dei risultati del sistema di valutazione della performance dei sistemi sanitari di Province autonome e Regioni
Più sanità pubblica e valorizzazione dei professionisti. Speranza: «Necessario grande “patto Paese”»
Idee e obiettivi per il Ssn emersi durante l’agorà “la Sanità pubblica è sostenibile. Assicurare le risorse, proteggere e valorizzare i professionisti”, organizzata dal Partito Democratico. Bonaccini: «Con Pnrr grande opportunità ma attenzione a non perdere le risorse. Rivedere numero chiuso in Medicina»
Paziente esperto nei comitati etici, Van Doorne (AdPEE): «Ne sanno più dei medici stessi»
L’Accademia del Paziente Esperto Eupati chiede a Speranza l’inserimento dei rappresentanti dei pazienti all’interno dei comitati etici. «La sua visione è differente perché ha vissuto la malattia - spiega la presidente AdPEE a Sanità Informazione - e il suo parere è fondamentale»
Sanità del futuro, Speranza ai dg: «Management ruolo chiave, PNRR occasione per rafforzare SSN»
Direttori generali a confronto nel webinar a Roma per discutere la sanità di domani. Tanese (Asl Roma 1): «Il mondo della sanità ha bisogno di un management competente, responsabile e capace di gestire i cambiamenti». Frittelli (Federsanità): «Siamo alla vigilia di una grande rivoluzione del SSN»
Covid, ISS: «Sale l’incidenza, RT stabile. Tre regioni a rischio alto, undici moderato»
L'incidenza settimanale cresce a 699 ogni 100.000 abitanti. L'indice di trasmissibilità si mantiene stabile, in calo l'occupazione delle terapie intensive. I dati principali emersi dalla Cabina di Regia ISS-ministero della salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali