Contributi e Opinioni 24 Aprile 2020

Fiducia decreto Cura Italia, spazzati via emendamenti importanti come il riconoscimento del lavoro usurante

di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC

di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC

La decisione di porre la “fiducia” parlamentare al cosiddetto “Decreto Cura-Italia“, che il Governo ha preso d’imperio blindando in tal modo la propria chiusura ad ogni possibile compromesso sulle possibili modifiche, ha chiuso le porte agli emendamenti presentati, tra questi anche alcuni di particolare interesse per i Medici Anestesisti Rianimatori e dell’Emergenza-Urgenza, che l’AAROI-EMAC elettivamente rappresenta con oltre 11.000 Soci. Nello specifico i due emendamenti presentanti a firma dell’On. Tartaglione (FI):

Art. 2-octies.
(Contribuzione aggiuntiva per medici e personale sanitario ospedaliero)
Al personale sanitario ospedaliero impiegato nei reparti di terapia intensiva a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 sono riconosciuti ai fini pensionistici dodici mesi di contribuzione figurativa aggiuntiva della gestione separata di cui all’articolo 2 della legge 8 agosto 1995, n. 335, nel limite di spesa di 1.000 milioni di euro per l’anno 2020.
Art. 2-octies.
(Disposizioni in materia di lavoro usurante)
1. All’articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67, dopo la lettera d) è aggiunta la seguente:
«d-bis) personale medico e sanitario impiegato presso i reparti di pronto soccorso delle strutture del Servizio Sanitario nazionale».

«Entrambi gli emendamenti – afferma Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC -, a favore dei quali esprimiamo il più grande apprezzamento per l’On. Tartaglione che ha avuto la sensibilità di presentarli, affrontavano questioni di grande importanza per i Medici rappresentati dall’AAROI-EMAC, protagonisti di questa emergenza sanitaria senza precedenti. Quello sul riconoscimento di “lavoro usurante“, in particolare, riguarda un tema su cui la nostra Associazione già in passato si è ampiamente battuta. E’ infatti innegabile che l’attività svolta da tutti gli Operatori Sanitari nelle Unità Operative Ospedaliere di Anestesia e Rianimazione e di Pronto Soccorso sia altamente usurante, a prescindere dall’immane impatto che soprattutto in queste due Aree, rivelatesi vere e proprie trincee di guerra contro il Coronavirus, è stato provocato dalla Pandemia Covid-19».

LEGGI ANCHE: EMERGENZA CORONAVIRUS, LE RICHIESTE DEI SINDACATI: «SCUDO GIUDIZIARIO, FONDO PER GLI INDENNIZZI E REVISIONE DELLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE»

«Riteniamo – prosegue Vergallo – che sia arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti: ai cosiddetti “Eroi” – che peraltro non amano quest’appellativo che ormai rischia di suonare come una beffa – occorre dare un riconoscimento concreto e da tempo richiesto, il riconoscimento di lavoro usurante. L’AAROI-EMAC proseguirà in questa battaglia a tutela di tutti i suoi iscritti, auspicando che la questione possa essere oggetto di uno dei prossimi provvedimenti con allargamento dell’ipotesi proposta nel Cura Italia a tutti gli Anestesisti Rianimatori e Medici di Emergenza-Urgenza».

«Il suggerimento che diamo a tutte le Forze Politiche, considerato il rischio che chiedere entrambe le cose (Contribuzione figurativa aggiuntiva di 12 mesi e Lavoro Usurante) per entrambi i settori di Anestesia e Rianimazione e di Pronto Soccorso porterebbe a duplice bocciatura parlamentare, causa probabili levate di scudi governative basate sugli eccessivi costi (come se il non aver saputo affrontare in anticipo proteggendo il Paese dalla Pandemia da Covid-19 non avesse già prodotto un costo sociale nazionale esorbitante!) è quello di lasciar perdere il 1° emendamento (1 anno di contribuzione figurativa per gli AR) e di puntare sul 2° (lavoro usurante) sia per Medici di PS sia per gli Anestesisti Rianimatori alla prima discussione parlamentare finalizzata all’emanazione – al più presto – di una prossima norma di legge a valenza nazionale. Ed è bene che questo Governo ci ascolti – conclude il Presidente AAROI-EMAC -, se non intende ritrovarsi, ad Emergenza Pandemia rientrata appena sotto il livello di guardia, con i cosiddetti “Eroi” pronti a sguainare la spada di scioperi a raffica. Governo avvisato, mezzo salvato”».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 8 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il virus […]
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
La vita dei medici youtuber nei giorni del Covid-19
Tanti professionisti sanitari hanno aperto o potenziato i propri canali social durante l’emergenza coronavirus: ne parla un’autorevole rivista scientifica
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)