Contributi e Opinioni 24 Aprile 2020

Fiducia decreto Cura Italia, spazzati via emendamenti importanti come il riconoscimento del lavoro usurante

di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC

di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC

La decisione di porre la “fiducia” parlamentare al cosiddetto “Decreto Cura-Italia“, che il Governo ha preso d’imperio blindando in tal modo la propria chiusura ad ogni possibile compromesso sulle possibili modifiche, ha chiuso le porte agli emendamenti presentati, tra questi anche alcuni di particolare interesse per i Medici Anestesisti Rianimatori e dell’Emergenza-Urgenza, che l’AAROI-EMAC elettivamente rappresenta con oltre 11.000 Soci. Nello specifico i due emendamenti presentanti a firma dell’On. Tartaglione (FI):

Art. 2-octies.
(Contribuzione aggiuntiva per medici e personale sanitario ospedaliero)
Al personale sanitario ospedaliero impiegato nei reparti di terapia intensiva a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 sono riconosciuti ai fini pensionistici dodici mesi di contribuzione figurativa aggiuntiva della gestione separata di cui all’articolo 2 della legge 8 agosto 1995, n. 335, nel limite di spesa di 1.000 milioni di euro per l’anno 2020.
Art. 2-octies.
(Disposizioni in materia di lavoro usurante)
1. All’articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67, dopo la lettera d) è aggiunta la seguente:
«d-bis) personale medico e sanitario impiegato presso i reparti di pronto soccorso delle strutture del Servizio Sanitario nazionale».

«Entrambi gli emendamenti – afferma Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC -, a favore dei quali esprimiamo il più grande apprezzamento per l’On. Tartaglione che ha avuto la sensibilità di presentarli, affrontavano questioni di grande importanza per i Medici rappresentati dall’AAROI-EMAC, protagonisti di questa emergenza sanitaria senza precedenti. Quello sul riconoscimento di “lavoro usurante“, in particolare, riguarda un tema su cui la nostra Associazione già in passato si è ampiamente battuta. E’ infatti innegabile che l’attività svolta da tutti gli Operatori Sanitari nelle Unità Operative Ospedaliere di Anestesia e Rianimazione e di Pronto Soccorso sia altamente usurante, a prescindere dall’immane impatto che soprattutto in queste due Aree, rivelatesi vere e proprie trincee di guerra contro il Coronavirus, è stato provocato dalla Pandemia Covid-19».

LEGGI ANCHE: EMERGENZA CORONAVIRUS, LE RICHIESTE DEI SINDACATI: «SCUDO GIUDIZIARIO, FONDO PER GLI INDENNIZZI E REVISIONE DELLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE»

«Riteniamo – prosegue Vergallo – che sia arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti: ai cosiddetti “Eroi” – che peraltro non amano quest’appellativo che ormai rischia di suonare come una beffa – occorre dare un riconoscimento concreto e da tempo richiesto, il riconoscimento di lavoro usurante. L’AAROI-EMAC proseguirà in questa battaglia a tutela di tutti i suoi iscritti, auspicando che la questione possa essere oggetto di uno dei prossimi provvedimenti con allargamento dell’ipotesi proposta nel Cura Italia a tutti gli Anestesisti Rianimatori e Medici di Emergenza-Urgenza».

«Il suggerimento che diamo a tutte le Forze Politiche, considerato il rischio che chiedere entrambe le cose (Contribuzione figurativa aggiuntiva di 12 mesi e Lavoro Usurante) per entrambi i settori di Anestesia e Rianimazione e di Pronto Soccorso porterebbe a duplice bocciatura parlamentare, causa probabili levate di scudi governative basate sugli eccessivi costi (come se il non aver saputo affrontare in anticipo proteggendo il Paese dalla Pandemia da Covid-19 non avesse già prodotto un costo sociale nazionale esorbitante!) è quello di lasciar perdere il 1° emendamento (1 anno di contribuzione figurativa per gli AR) e di puntare sul 2° (lavoro usurante) sia per Medici di PS sia per gli Anestesisti Rianimatori alla prima discussione parlamentare finalizzata all’emanazione – al più presto – di una prossima norma di legge a valenza nazionale. Ed è bene che questo Governo ci ascolti – conclude il Presidente AAROI-EMAC -, se non intende ritrovarsi, ad Emergenza Pandemia rientrata appena sotto il livello di guardia, con i cosiddetti “Eroi” pronti a sguainare la spada di scioperi a raffica. Governo avvisato, mezzo salvato”».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 434.449 (10.874 in più rispetto a ieri). 144.373 i […]
Viaggio nelle terapie intensive d’Italia, i racconti degli anestesisti: «Non sappiamo se reggeremo»
I letti in terapia intensiva tornano a riempirsi e anestesisti e rianimatori temono di non riuscire a sostenere il colpo, anche da un punto di vista emotivo. Chi lotta per salvare i casi gravi descrive ciò che sta avvenendo in Lombardia, Lazio, Campania, Puglia e Calabria
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”
Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...