Salute 27 Agosto 2020

«RSA a rischio senza screening a tappeto e linee guida per ospiti e personale»

Degani (UNEBA): «I contagiati sono più giovani perché si fanno tamponi a chi rientra dalle vacanze, ma attenzione alla popolazione anziana, che resta la più fragile»

di Federica Bosco
«RSA a rischio senza screening a tappeto e linee guida per ospiti e personale»

Durante la pandemia sono stati tra i luoghi più colpiti, con migliaia di contagi e decessi. Oggi le RSA, ancora in ginocchio per effetto dello tsunami Covid, temono un autunno caldo, e chiedono alle istituzioni screening a tappeto e linee guida per la gestione della popolazione anziana ospite nelle strutture. A confermarlo ai nostri microfoni è l’avvocato Luca Degani, presidente di UNEBA (Unione Nazionale Istituzioni E Iniziative Di Assistenza Sociale).

AUTUNNO CALDO SE SI DIMENTICANO GLI ANZIANI NELLE RSA

«Siamo in una situazione in cui il mondo delle RSA ha oggettivamente una grande preoccupazione da un punto di vista economico, perché non siamo ancora riusciti a rientrare dalla crisi che ha colpito l’attività per la chiusura di molte strutture costrette al mantenimento di ospiti inappropriati; e al tempo stesso paura di ripiombare nella situazione di emergenza da Covid da cui ancora molte RSA non si sono riprese». Esordisce con toni decisi l’avvocato, che sta cercando di ricostruire un settore fortemente compromesso, mentre osserva i numeri dei contagi crescere di giorno in giorno con il timore che tutto possa precipitare da un giorno all’altro.

«Oggi c’è la preoccupazione per cosa è stato e per cosa sarà se dovesse esserci una nuova ondata di infezioni – prosegue Degani -, perché c’è la percezione che non sia stato fatto tutto fino in fondo e che non siano stati appresi nel modo corretto gli insegnamenti che ci hanno dato i primi mesi di pandemia. Noi abbiamo avuto la chiara percezione di un virus altamente infettivo su tutta la popolazione, al di là di qualsiasi età e patologia. Il virus però poi aveva una capacità quasi millimetrica di colpire letalmente soggetti anziani con più patologie, quindi in situazioni di immunodepressione. Questo aspetto non deve essere dimenticato, altrimenti si rischia di essere nuovamente travolti».

RSA AL CENTRO DI UN SISTEMA DI TUTELA DELLA SALUTE CON SPECIALISTI OSPEDALIERI 

«Le RSA restano e sono il mondo di queste persone e tali devono restare – riprende Degani –. Quindi adesso devono essere al centro del sistema di tutela della salute, con una attenzione non solo economica, ma anche con un percorso di screening per gli ospiti e per il personale affinché qualsiasi evenienza che determini uno stato infettivo venga presa in carica immediatamente».

«Vorremmo avere la certezza, laddove ci fosse una seconda fase, che venissero garantiti da parte dell’autorità pubblica strumenti di protezione, percorsi di cure e prese in carico. Ad esempio, non abbiamo visto quasi in nessuna parte d’Italia un modello che garantisca un corretto rapporto tra azienda ospedaliera e mondo delle RSA, che faccia sì che gli specialisti possano entrare nelle RSA anche solo con le loro competenze attraverso il web per poter garantire un inizio di presa in carico clinica immediata. Facciamo un’azione di screening e di prevenzione, come ci è stato detto strada facendo. Questo probabilmente è un livello di coscienza e di tutela che un poco ancora manca».

APPELLO ALLE ISTITUZIONI

Il presidente di UNEBA rivolge quindi un appello a Regione Lombardia affinché anticipi con un’azione preventiva e una organizzazione capillare il ritorno dirompente del virus: «È evidente che un sistema di tamponi da eseguire all’intera popolazione darebbe una percezione del virus diversa rispetto a quella che si sta facendo nei confronti di chi arriva dall’estero».

«Apparentemente oggi i tamponi ci dicono che si stanno infettando persone più giovani – analizza il presidente di UNEBA -; non possiamo dimenticare però che ci sono persone anziane o con pluri patologie che necessitano di essere nuovamente al centro dell’attenzione, questa volta a livello preventivo e non per vedere i danni che determina l’essere stati infettati. Si dovrebbe vedere qual è l’età dei decessi e magari ci si renderebbe conto, come è stato nella prima fase, che a morire sono gli anziani con comorbidità».

«PRESTARE ATTENZIONE ALL’ETÀ DEI DECESSI»

«Mi aspetto un procedimento che differenzi l’azione di screening sulla popolazione, che crei un rapporto costante tra realtà ospedaliere e mondo delle RSA. E soprattutto la certezza che questa volta i dispositivi di protezione individuale non siano carenti. Questo è un compito dello Stato, ma non nego che molte regioni hanno dato indicazioni al riguardo, come ha fatto la Lombardia che da questo punto di vista deve ancora lavorare. Lo dico senza polemica, ma oggi stiamo molto attenti ai numeri delle infezioni, meno all’interpretazione e stiamo pochissimo attenti a quello che ci hanno insegnato l’età dei decessi e il rapporto tra acuzie, cronicità e territorio».

LA CONFUSIONE DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO E PRIVATO

«È importante la domiciliarità, e altrettanto che ci siano unità che operino direttamente sul territorio, per supportare eventuali situazioni infettive. Così come serve ricordare che questo servizio è fornito dal privato sociale, mentre vengono fatte normative che finanziano il sistema sanitario nazionale pubblico. Se non si possono finanziare questi soggetti, l’ampliamento di questa attività non si può realizzare – chiosa Degani -. Ecco, stiamo ragionando come se fossimo in un sistema tutto a erogazione pubblica quando è notorio che in Italia così non è. Spero che Regione Lombardia abbia nella sua visione di attivarsi direttamente, sperando sempre che garantisca anche un recupero dell’economia di queste realtà che altrimenti risulteranno indebolite davanti ad una eventuale seconda fase di contagio».

Articoli correlati
Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus
L’Istituto Superiore di Sanità spiega quali sono i criteri secondo cui vengono classificati i decessi per Covid-19
Covid-19, l’uso dell’aspirina potrebbe essere associato a un minore rischio di ricovero in terapia intensiva e mortalità
I risultati di due analisi condotte a Yale e all'università del Maryland sembrano essere promettenti, ma devono essere confermati da studi randomizzati controllati
di Peter D'Angelo
Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica
La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti
di Isabella Faggiano
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
«Ospedali sovraccarichi, non allentare le restrizioni». L’appello di medici e dirigenti sanitari
L’Intersindacale Medica, Sanitaria e Veterinaria prende posizione nel dibattito sulle possibili riaperture, in particolare in prossimità delle festività natalizie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli