Salute 27 Marzo 2019 13:12

La ricetta della longevità? Cacao, nocciole, the verde e miele. Ecco i superfood e il test per calcolare l’età biologica

Intervista al cardiologo Valerio Sanguigni: «L’età anagrafica non sempre corrisponde a quella delle nostre cellule, ma alla longevità si può contribuire con i superfood. Sono alimenti ad alto contenuto di polifenoli, potenti antiossidanti naturali che aiutano a prevenire anche infarto, ictus e tumori»

di Isabella Faggiano
La ricetta della longevità? Cacao, nocciole, the verde e miele. Ecco i superfood e il test per calcolare l’età biologica

Centenari si nasce o si diventa? E, soprattutto, gli anni trascorsi dalla nostra nascita indicano anche la nostra età biologica? Una notizia buona e una cattiva: «Alla longevità si può contribuire, mentre l’età anagrafica non sempre corrisponde a quella delle nostre cellule». A rispondere, ai microfoni di Sanità Informazione, è Valerio Sanguigni, cardiologo e docente di Medicina Interna all’università di Roma Tor Vergata. L’esperto ha dedicato molti anni di studio ai segreti dei centenari, mettendo a punto un test per misurare la differenza tra l’età biologica e quella anagrafica di un individuo e brevettando anche “la ricetta della longevità”, a base di tre superfood per eccellenza: il cacao, le nocciole, il the verde e il miele.

LEGGI ANCHE: ALIMENTAZIONE, IL CASO DEI VELENI “BIANCHI”. FARNETTI (MEDICINA INTERNA): «CERCHIAMO CIBO INTEGRO, NON MALTRATTATO. ZUCCHERO? NESSUNO PUO’ ESSERE ASSOLTO, VA LIMITATO»

Professor Sanguigni, come è possibile verificare se gli anni trascorsi dalla nostra nascita rispecchiano anche l’età delle nostre cellule?

«Esiste un test capace di valutare la percentuale dello stress ossidativo dell’organismo presente nel sangue – una misura della tendenza ad invecchiare basata sulla produzione di radicali liberi di ossigeno – e la quantità di difese antiossidanti che combattono questi stessi radicali liberi, proteggendo l’organismo dall’invecchiamento. A questo esame va poi associato un altro test, di tipo vascolare sulle arterie, che servirà a verificare l’efficacia della vasodilatazione, cioè del flusso di sangue nei vasi che, portando ossigeno, aiuta l’organismo a non invecchiare».

Come si eseguono praticamente questi due test?

«Il primo attraverso una semplice puntura al dito, una goccia di sangue e una macchina che valuta la percentuale di radicali liberi di ossigeno, di stress e di difese antiossidanti. Il secondo richiede l’utilizzo di un macchinario che valuta la vasodilatazione endo digitale, quindi del micro-circolo delle dita. I valori ottenuti da entrambi gli esami verranno poi correlati attraverso un algoritmo. Il risultato finale rivelerà se l’età anagrafica corrisponde a quella biologica e, di conseguenza, se un soggetto ha la tendenza ad invecchiare di più o di meno del normale».

E se l’età biologica risulterà maggiore di quella anagrafica?

«Si può intervenire in maniera specifica valutando anche le caratteristiche dell’individuo, prescrivendo integratori antiossidanti che aiutano a combattere lo stress ossidativo, responsabile di un’età biologica più avanzata. L’obiettivo sarà quello di ristabilire un equilibrio tra difese antiossidanti e stress ossidativo, che aiuti a prevenire un invecchiamento precoce, ma anche numerose malattie. Un soggetto che tende ad invecchiare, infatti, tende pure ad ammalarsi con più facilità».

Studi scientifici hanno dimostrato che anche i cibi possono contribuire a rallentare i processi di invecchiamento, quali?

«Si tratta dei cosiddetti superfood, alimenti consumati prevalentemente dalle popolazioni centenarie, che non solo sopravvivono a lungo, ma vivono anche in salute, senza ammalarsi. Queste persone si alimentano con una grossa quantità di frutta e verdura, soprattutto quelle tipologie che contengono un’alta quantità di polifenoli, potenti antiossidanti naturali che aiutano a prevenire l’invecchiamento e diverse malattie, come infarto, ictus e tumori».

È proprio dalla lista di questi superfood che lei ha preso spunto per la sua “ricetta della longevità”. Quali sono gli ingredienti del suo mix di salute?

«Sulla scorta dei dati resi disponibili da diverse ricerche scientifiche, che hanno dimostrato l’efficacia antiossidante di alcuni cibi, abbiamo ideato e brevettato una miscela, la Powellnux, a base di cacao scuro, crema di nocciola, the verde e miele».

E funziona davvero?

«Certo. Lo abbiamo dimostrato realizzando uno studio ad hoc. Questa miscela è stata somministrata sotto forma di gelato ad un gruppo di soggetti sani, di età compresa tra i 20 e i 38 anni. E i risultati, pubblicati sulla rivista scientifica Nutrition, sono stati straordinari. Questi individui hanno perfezionato la loro performance fisica, ridotto lo stress ossidativo e migliorato anche l’attività cardiaca, con una riduzione dei valori della pressione arteriosa. Insomma, è una dimostrazione scientifica fondata che può esistere un effetto positivo, se non addirittura terapeutico, di alcuni alimenti che fanno davvero bene alla salute».

LEGGI ANCHE: TERAPIA NUTRIZIONALE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO? ANCORA TROPPA CONFUSIONE. SINUC: «NUTRIZIONE È TERAPIA SALVAVITA»

Articoli correlati
Tre tazze di tè al giorno allungano la vita
L'elisir di lunga vita esiste e si cela dentro tre tazze di tè al giorno. A dimostrarlo è uno studio condotto dalla Sichuan University di Chengdu, in Cina, e pubblicato sulla rivista The Lancet Regional Health – Western Pacific. I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 14.000 volontari britannici e cinesi e hanno rilevato che tre tazze di tè al giorno potrebbero rallentare l’invecchiamento biologico, grazie all'azione di diversi potenti composti
Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita
Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health
La neuroscienziata Arianna Di Stadio: “Proteggiamo il cervello con l’alimentazione”
Il nostro cervello può essere protetto dall'invecchiamento grazie all'alimentazione. A spiegarlo è Arianna di Stadio, attualmente docente di Otorinolaringoiatria all’Università di Catania e ricercatore onorario all’UCL Queen Square Neurology di Londra, intervistata da Sanità Informazione
Olimpiadi del Ringiovanimento, l’italiano Gian Marco Belardi entra nella rosa dei candidati. “Oggi il mio corpo è 6 anni più giovane della mia età anagrafica”
Intervista al giovane imprenditore romano Gian Marco Belardi, atleta della longevità, che è entrato nella rosa dei candidati di una particolare competizione in cui vince chi invecchia più lentamente
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...