Salute 6 Febbraio 2019 18:40

Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»

«Il mito dell’integrale va sfatato: la priorità è cercare cibi di qualità». Così la dottoressa Sara Farnetti in esclusiva a Sanità Informazione. E sullo zucchero: «Di per sé va contenuto, meglio un dolcificante naturale». Vediamo perché

Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»

Essere consapevoli di ciò che si mangia è importante per vivere bene oggi e salvaguardare la nostra salute domani. Alimentazione e benessere vanno di pari passo: tutte le evidenze scientifiche dimostrano che una nutrizione sana, varia ed equilibrata ci “protegge” quotidianamente da patologie e disturbi. Cibi “salutari” e cibi “da evitare”, tutti focus di cui si parla moltissimo sui giornali, in televisione e soprattutto sui social media. L’alimentazione è dunque diventato un argomento mediatico ‘alla portata di tutti’ tanto da incappare talvolta in fake news e falsi miti che è bene confutare. Ne parliamo con una voce autorevole come quella di Sara Farnetti, Specialista in Medicina Interna e fisiopatologa del Metabolismo e della Nutrizione che a Sanità Informazione fa chiarezza sui “veleni bianchi” di uso comune, come lo zucchero e la farina. “Lo zucchero bianco fa male?”; “È meglio consumare zucchero di canna?”. Ed ancora: “La farina bianca è nociva?”; “È preferibile quella integrale?”. A svelare se si tratta di bufale o verità un’esperta, anche autrice di numerose pubblicazione sull’alimentazione e il benessere dell’organismo.

LEGGI ANCHE: LO ZUCCHERO DI CANNA FA MALE O È SOLO MARKETING? ECCO LA VERITÀ…

Dottoressa, si parla tanto di farina 00. È vero che fa male, che è meglio utilizzare farina 1 e 2 o integrale?

«In realtà il mito dell’integrale va un pò sfatato. Noi non dobbiamo cercare cibi integrali tout court, ma cercare cibo integro, meno lavorato, dove siamo a conoscenza del produttore, quindi il processo di produzione, da dove viene quell’alimento, come l’hanno trattato. Più che cercare cibo integrale raccomando cibo ‘non maltrattato’. Allora ovviamente un cibo integro presuppone che sia stato poco lavorato, invece una farina bianca è stata molto lavorata; parliamo di grano ma può essere l’avena, l’orzo o il grano saraceno, insomma con o senza glutine. In realtà dovrei prendere un cereale che è stato poco lavorato perché mi offre più proprietà nutrizionali, sicuramente la fibra, ma soprattutto perché è più vicino a come la natura ce l’ha consegnato. In realtà, la quantità di fibra che può essere contenuta in un chicco raffinato rispetto a un chicco che non è raffinato non è così importante per una dose di pasta, perché se associo ad un piatto di pasta bianca un bel piatto di carciofi crudiricchissimi di fibra –  supero di gran lunga un piatto di pasta integrale. Quindi, è più perché la qualità è importante e non per il concetto della fibra. Certamente più fibra consumo al pasto, insieme soprattutto ai carboidrati, più riduco la velocità di assorbimento dei carboidrati, quindi il glucosio che entra nel sangue sarà meno rapido e quindi anche quello che si chiama carico glicemico sarà ridotto, però voglio dire questo non ci legittima a mangiare più pasta, ma dobbiamo invece fare questo tentativo di cercare cibi di qualità».

LEGGI ANCHE: È IL FRUTTOSIO IL KILLER DEI NOSTRI BAMBINI. NOBILI (BAMBINO GESÙ): «DANNI SUL FEGATO. A 2 ANNI RISCHIO OBESITÀ»

Parliamo di zucchero: quello di canna è più salutare dello zucchero bianco?

«Lo zucchero di canna o lo zucchero da barbabietola da zucchero provengono da due piante diverse e basta. In ogni caso, se proprio dobbiamo consumare zucchero, dobbiamo cercare la dicitura zucchero di canna o barbabietola integrale. Poi ci sono delle qualità molto integrali e polverose come la panela, o lo zucchero moscobado che sono delle qualità particolari. Ovviamente in quel caso sto consumando uno zucchero meno raffinato che se controllato – non deve contenere altre sostanze minerali, deve essere almeno biologico – sicuramente è meglio di uno zucchero raffinato. Le aziende devono dare garanzie. Di per sé, lo zucchero va limitato, deve essere un piacere; ovviamente, utilizzando piccole quantità di un dolcificante naturale buono facciamo meno male al nostro corpo che abusare o comunque consumare un dolcificante che è stato anche raffinato dall’industria. Ce ne sono tanti di tipi di zuccheri che non vengono dalla canna o dalla barbietola: zucchero di cocco, sciroppo d’agave, miele, fruttosio. Attenzione, a volte alcuni di questi appena citati possono essere addirittura peggiori dello zucchero per quanto siano naturali, perché bisogna considerare attentamente chi li consuma. Ad esempio, un soggetto iperteso o una persona che ha l’acido urico alto, se proprio deve consumare lo zucchero è meglio quello di canna o di barbabietola e non lo zucchero di cocco che è salutare ma in quel caso peggiora i sintomi sia dell’aumento dell’acido urico sia dell’aumento della steatosi epatica. Ad ogni modo, ognuno deve avere la sua scelta, ma gli zuccheri sono sempre zuccheri e nessuno può essere assolto».

Articoli correlati
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
KetApp di Unimore rivoluziona la vita dei bambini affetti da epilessia che seguono la dieta chetogenica
Marchiò (dietista e ricercatrice): «La App assicura ai pazienti in trattamento con dieta chetogenica una maggiore autonomia quotidiana e ai curanti un facile strumento di monitoraggio»
di Federica Bosco
Covid-19, Morrone: «La pandemia ha colpito di più le persone impoverite. Ora tornare a un Ssn fondato sul territorio e sul sociale»
Il Direttore dell’IRCSS San Gallicano di Roma, ex direttore dell’INMP, è in libreria con il volume “Covid-19 tra mito e realtà” in cui sottolinea le conseguenze sociali della pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco