Salute 6 Febbraio 2019 18:40

Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»

«Il mito dell’integrale va sfatato: la priorità è cercare cibi di qualità». Così la dottoressa Sara Farnetti in esclusiva a Sanità Informazione. E sullo zucchero: «Di per sé va contenuto, meglio un dolcificante naturale». Vediamo perché

Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»

Essere consapevoli di ciò che si mangia è importante per vivere bene oggi e salvaguardare la nostra salute domani. Alimentazione e benessere vanno di pari passo: tutte le evidenze scientifiche dimostrano che una nutrizione sana, varia ed equilibrata ci “protegge” quotidianamente da patologie e disturbi. Cibi “salutari” e cibi “da evitare”, tutti focus di cui si parla moltissimo sui giornali, in televisione e soprattutto sui social media. L’alimentazione è dunque diventato un argomento mediatico ‘alla portata di tutti’ tanto da incappare talvolta in fake news e falsi miti che è bene confutare. Ne parliamo con una voce autorevole come quella di Sara Farnetti, Specialista in Medicina Interna e fisiopatologa del Metabolismo e della Nutrizione che a Sanità Informazione fa chiarezza sui “veleni bianchi” di uso comune, come lo zucchero e la farina. “Lo zucchero bianco fa male?”; “È meglio consumare zucchero di canna?”. Ed ancora: “La farina bianca è nociva?”; “È preferibile quella integrale?”. A svelare se si tratta di bufale o verità un’esperta, anche autrice di numerose pubblicazione sull’alimentazione e il benessere dell’organismo.

LEGGI ANCHE: LO ZUCCHERO DI CANNA FA MALE O È SOLO MARKETING? ECCO LA VERITÀ…

Dottoressa, si parla tanto di farina 00. È vero che fa male, che è meglio utilizzare farina 1 e 2 o integrale?

«In realtà il mito dell’integrale va un pò sfatato. Noi non dobbiamo cercare cibi integrali tout court, ma cercare cibo integro, meno lavorato, dove siamo a conoscenza del produttore, quindi il processo di produzione, da dove viene quell’alimento, come l’hanno trattato. Più che cercare cibo integrale raccomando cibo ‘non maltrattato’. Allora ovviamente un cibo integro presuppone che sia stato poco lavorato, invece una farina bianca è stata molto lavorata; parliamo di grano ma può essere l’avena, l’orzo o il grano saraceno, insomma con o senza glutine. In realtà dovrei prendere un cereale che è stato poco lavorato perché mi offre più proprietà nutrizionali, sicuramente la fibra, ma soprattutto perché è più vicino a come la natura ce l’ha consegnato. In realtà, la quantità di fibra che può essere contenuta in un chicco raffinato rispetto a un chicco che non è raffinato non è così importante per una dose di pasta, perché se associo ad un piatto di pasta bianca un bel piatto di carciofi crudiricchissimi di fibra –  supero di gran lunga un piatto di pasta integrale. Quindi, è più perché la qualità è importante e non per il concetto della fibra. Certamente più fibra consumo al pasto, insieme soprattutto ai carboidrati, più riduco la velocità di assorbimento dei carboidrati, quindi il glucosio che entra nel sangue sarà meno rapido e quindi anche quello che si chiama carico glicemico sarà ridotto, però voglio dire questo non ci legittima a mangiare più pasta, ma dobbiamo invece fare questo tentativo di cercare cibi di qualità».

LEGGI ANCHE: È IL FRUTTOSIO IL KILLER DEI NOSTRI BAMBINI. NOBILI (BAMBINO GESÙ): «DANNI SUL FEGATO. A 2 ANNI RISCHIO OBESITÀ»

Parliamo di zucchero: quello di canna è più salutare dello zucchero bianco?

«Lo zucchero di canna o lo zucchero da barbabietola da zucchero provengono da due piante diverse e basta. In ogni caso, se proprio dobbiamo consumare zucchero, dobbiamo cercare la dicitura zucchero di canna o barbabietola integrale. Poi ci sono delle qualità molto integrali e polverose come la panela, o lo zucchero moscobado che sono delle qualità particolari. Ovviamente in quel caso sto consumando uno zucchero meno raffinato che se controllato – non deve contenere altre sostanze minerali, deve essere almeno biologico – sicuramente è meglio di uno zucchero raffinato. Le aziende devono dare garanzie. Di per sé, lo zucchero va limitato, deve essere un piacere; ovviamente, utilizzando piccole quantità di un dolcificante naturale buono facciamo meno male al nostro corpo che abusare o comunque consumare un dolcificante che è stato anche raffinato dall’industria. Ce ne sono tanti di tipi di zuccheri che non vengono dalla canna o dalla barbietola: zucchero di cocco, sciroppo d’agave, miele, fruttosio. Attenzione, a volte alcuni di questi appena citati possono essere addirittura peggiori dello zucchero per quanto siano naturali, perché bisogna considerare attentamente chi li consuma. Ad esempio, un soggetto iperteso o una persona che ha l’acido urico alto, se proprio deve consumare lo zucchero è meglio quello di canna o di barbabietola e non lo zucchero di cocco che è salutare ma in quel caso peggiora i sintomi sia dell’aumento dell’acido urico sia dell’aumento della steatosi epatica. Ad ogni modo, ognuno deve avere la sua scelta, ma gli zuccheri sono sempre zuccheri e nessuno può essere assolto».

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Tumori: dieta ricca di fibre «potenzia» l’immunoterapia
Una dieta ricca di fibre potrebbe aumentare l'efficacia dell'immunoterapia. L'alimentazione infatti avrebbe un impatto sul microbioma intestinale che, a sua volta, influenza anche l'effetto dei trattamento sui pazienti con tumore
di V.A.
Diabete: dieta sana non basta se a tavola ci sono cibi ultra-processati
Una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che il consumo di cibi ultraprocessati aumenta sensibilmente il rischio di morte per persone con diabete di tipo 2, indipendentemente dalla qualità nutrizionale di una dieta attenta e salutare
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
Cibo sicuro, in Italia 1 allarme al giorno. Nas: sequestrate oltre 8mila tonnellate di alimenti
Il rischio di mangiare cibo non sicuro è molto più alto di quanto si creda. Basta pensare che in Italia, nel 2022, è scoppiato quasi un allarme alimentare al giorno. I Nas riferiscono che, in un anno, sono state sequestrate oltre 8mila tonnellate di alimenti . I dati sono stati diffusi oggi in occasione della Giornata Mondiale della Salubrità Alimentare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...