Salute 11 novembre 2014

Ricerca, in tre anni i primi vaccini contro il cancro

Lo ha annunciato il numero uno di AIFA, Luca Pani, evidenziando i progressi della tecnologia. Resta da superare lo scoglio dei costi.

Immagine articolo

Mentre il tema dei vaccini è tornato di forte attualità a causa dell’epidemia di Ebola, una buona notizia arriva dal convegno organizzato dal Ministero della Salute e dedicato proprio al tema delle vaccinazioni.

Luca Pani, Direttore Generale dell’ Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), ha infatti dichiarato che entro i prossimi tre anni potrebbero essere immessi sul mercato farmaceutico i primi vaccini terapeutici per contrastare il cancro. Gli studi in questo ambito sarebbero infatti ad un livello estremamente avanzato e potrebbero portare, in un periodo di tempo che va dai cinque ai dieci anni, a vaccini contro Alzheimer e consumo di sostanze che creano dipendenza, come le droghe.

Oltre alle vaccinazioni che Pani definisce “classiche”, molto presto potrebbero dunque essere venduti prodotti “per tutte le età della vita. La tecnologia sta progredendo – aggiunge il numero uno di AIFA – e siamo giunti alla conoscenza del genoma informatizzata”, la quale consente la scoperta di “meccanismi vaccinali” che rappresentano “un’arma fondamentale contro i virus” e permettono di “conoscere gli attacchi che il sistema immunitario rivolge a se stesso, che sono alla base di molte malattie”. C’è lieve preoccupazione, però, per il problema relativo ai costi dei nuovi vaccini, troppo elevati secondo il ministro Lorenzin, che auspica una politica coordinata a livello europeo per riuscire a sostenerli.

A prescindere da quel che succederà in futuro, comunque, la priorità odierna è quella di non abbassare la guardia e non dare credito alle campagne “pseudoscientifiche” che, negli ultimi tempi, hanno avuto sempre maggior seguito, in particolar modo su internet. Il consiglio del ministro della Salute è dunque quello di non ascoltare chi getta discredito su questa pratica e continuare a vaccinare sia i bambini che le persone anziane: i primi contro le malattie infettive, i secondi contro l’influenza stagionale.

Articoli correlati
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Ue e sanità, Castaldo (M5S): «Al lavoro per ottenere la certificazione europea dei chirurghi. Per ogni medico che va all’estero perdiamo fino a 500mila euro»
Il vicepresidente del Parlamento europeo sottolinea: «Occorre investire nelle scuole di specializzazione. Professione medica sempre meno attrattiva nel nostro paese per la responsabilità e per l’offerta economica». Sui vaccini: «Polemica surreale, abbiamo sempre sostenuto la volontà di passare dall’obbligatorietà alla raccomandazione proprio per evitare quella contrapposizione tra medico e paziente»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
Vaccini, I Rapporto OSV. Il coordinatore: «Ogni Regione con sua strategia. Anagrafe vaccinale lontana da aspettative»
Presentato il report dell’Osservatorio Strategie Vaccinali che fa il punto sulla situazione della profilassi in Italia. «Il Piano nazionale vaccini ha appianato le disparità in termini di offerta sul territorio, ma a livello operativo le Regioni camminano su propri binari», così Michele Conversano, coordinatore dell’Osservatorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...