Salute 26 Settembre 2018

Ricerca biomedica e farmaci innovativi, Rasi (Ema): «Serve approccio olistico per nuove opzioni terapeutiche»

«In questo scenario, compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato» così Guido Rasi, direttore esecutivo dell’EMA

di Lucia Oggianu
Immagine articolo

La tecnologia offre attualmente una grande opportunità per l’avanzamento scientifico in medicina poiché, tra le varie opportunità, permette la raccolta e la gestione di dati significativi e fondamentali per la migliore diagnosi e cura della malattia in una prospettiva di maggiore sostenibilità. In particolare, la ricerca biomedica si è evoluta verso approcci orientati a dipanare la complessità intrinseca alla transizione da uno stato di salute a quello di malattia. Per questo, a livello globale, si assiste a un fenomeno di riorganizzazione strutturale delle attività di ricerca classicamente definita come ‘traslazionale’.

In questo scenario, «compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato». È quanto affermato dal professor Guido Rasi, direttore esecutivo dell’Agenzia Europea del Farmaco in occasione della Giornata per la ricerca 2018 al Policlinico Gemelli di Roma.

Nella promozione di nuovi programmi di accelerazione per lo sviluppo di medicinali innovativi, la tecnologia deve andare incontro al paziente e alle sue comorbilità. «Tradizionalmente la gestione dei dati, degli aspetti diagnostici e dei cosiddetti device terapeutici e la gestione dei farmaci – spiega il professor Rasi – sono compartimentalizzati in diversi settori. Come abbiamo visto le nuove tecnologie non consentono più questo, ci vuole una visione olistica. Quello che ho chiamato technology convergence significa che non solo devono convergere nello sviluppare un prodotto, devono convergere in tutto il processo decisionale quindi nella sostenibilità del sistema, nella validazione dei dati, nella utilizzazione di questi dati e nella finale valutazione del valore clinico aggiunto di una nuova opzione terapeutica».

LEGGI ANCHE: LONG-TERM CARE, NICOLETTA LUPPI (MSD): «PUNTARE SULL’IMPATTO DELL’INNOVAZIONE NELLA GESTIONE DELLA CRONICITÀ»

Articoli correlati
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»
Laureato in farmacia e messinese, con un passato come amministratore locale eletto attraverso una lista civica. Il candidato al Parlamento europeo sotto il simbolo di +Europa auspica l’introduzione di un «ministero della Salute europeo»
Ema, il governo presenta nuovo ricorso a Corte UE contro sede ad Amsterdam
Il direttore dell’Agenzia europea del farmaco Guido Rasi: «Il trasloco è un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse, che impedisce il corretto funzionamento dell’ente»
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Lombardia, parla l’assessore al Welfare Giulio Gallera: «Serve più autonomia per le regioni virtuose. Piano cronicità è modello che salverà Ssn»
«La centralizzazione del sistema sanitario è stata bocciata dagli italiani con l’ultimo referendum. Basta pagare per le inefficienze di altri», spiega il forzista riconfermato nella Giunta Fontana. Poi aggiunge: «Servirebbero presìdi della polizia nei pronto soccorso contro le aggressioni al personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...