Salute 26 Settembre 2018 10:38

Ricerca biomedica e farmaci innovativi, Rasi (Ema): «Serve approccio olistico per nuove opzioni terapeutiche»

«In questo scenario, compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato» così Guido Rasi, direttore esecutivo dell’EMA

di Lucia Oggianu
Ricerca biomedica e farmaci innovativi, Rasi (Ema): «Serve approccio olistico per nuove opzioni terapeutiche»

La tecnologia offre attualmente una grande opportunità per l’avanzamento scientifico in medicina poiché, tra le varie opportunità, permette la raccolta e la gestione di dati significativi e fondamentali per la migliore diagnosi e cura della malattia in una prospettiva di maggiore sostenibilità. In particolare, la ricerca biomedica si è evoluta verso approcci orientati a dipanare la complessità intrinseca alla transizione da uno stato di salute a quello di malattia. Per questo, a livello globale, si assiste a un fenomeno di riorganizzazione strutturale delle attività di ricerca classicamente definita come ‘traslazionale’.

In questo scenario, «compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato». È quanto affermato dal professor Guido Rasi, direttore esecutivo dell’Agenzia Europea del Farmaco in occasione della Giornata per la ricerca 2018 al Policlinico Gemelli di Roma.

Nella promozione di nuovi programmi di accelerazione per lo sviluppo di medicinali innovativi, la tecnologia deve andare incontro al paziente e alle sue comorbilità. «Tradizionalmente la gestione dei dati, degli aspetti diagnostici e dei cosiddetti device terapeutici e la gestione dei farmaci – spiega il professor Rasi – sono compartimentalizzati in diversi settori. Come abbiamo visto le nuove tecnologie non consentono più questo, ci vuole una visione olistica. Quello che ho chiamato technology convergence significa che non solo devono convergere nello sviluppare un prodotto, devono convergere in tutto il processo decisionale quindi nella sostenibilità del sistema, nella validazione dei dati, nella utilizzazione di questi dati e nella finale valutazione del valore clinico aggiunto di una nuova opzione terapeutica».

LEGGI ANCHE: LONG-TERM CARE, NICOLETTA LUPPI (MSD): «PUNTARE SULL’IMPATTO DELL’INNOVAZIONE NELLA GESTIONE DELLA CRONICITÀ»

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
Da Ema via libera ai vaccini «aggiornati» per Omicron
Il comitato per i medicinali umani dell'Agenzia europea del farmaco ha raccomandato di autorizzare due vaccini aggiornati per fornire una protezione più ampia contro Covid-19. Si tratta delle due versioni di Pfizer/BioNTech e Moderna adattati contro la variante Omicron 1
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
EMA: allo studio effetti avversi dei vaccini e nuove varianti del Covid per definire la campagna d’autunno
Alla presentazione dell’accordo quadro tra Istituto Ortopedico Galeazzi e Fondazione Fadoi per la Ricerca, Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici dell’Agenzia Europea dei Medicinali, dà le linee di indirizzo sulla quarta dose e anticipa quelli che saranno i virus da affrontare in futuro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi