Mondo 1 Febbraio 2018

Blockchain e Bitcoin, Wired: «Soluzione per migliorare la sanità»

La “Bibbia dell’innovazione” elenca tutti i campi in cui la tecnologia che sta alla base delle criptomonete avrà un effetto positivo in ambito sanitario. Ecco quali sono…

Tracciabilità dei farmaci, Smart-contract, trial clinici, ricerca genomica. Questi sono solo alcuni dei campi individuati da Wired in cui la tecnologia che sta alla base delle criptovalute, ovvero la Blockchain, potrebbe migliorare a dismisura in ambito sanitario. Perché «seppure i principi da cui sono nati Bitcoin e criptovalute siano stati inizialmente sfruttati e sperimentati in campo economico – si può leggere nell’articolo di Wired –, la stessa tecnologia ha il potenziale adatto per rinnovare radicalmente numerosi settori industriali, incluso il mondo della sanità». La Blockchain, ovvero la “catena di blocchi” che garantisce l’esattenza e l’integrità delle informazioni che contiene, potrebbe dunque essere «una soluzione ordinata e di facile gestione», ed è per questo che «molti professionisti stanno seriamente valutando la possibilità di applicare tali principi, così da migliorare diversi aspetti del proprio lavoro». Qualche esempio?

Tracciabilità dei farmaci: «Ogni transazione tra case farmaceutiche, grossisti, farmacisti e pazienti – spiega Wired – potrebbe essere tracciata, così da verificare importanti informazioni sul prodotto, individuare farmaci contraffatti e assicurarsi che i pazienti ricevano realmente le medicine a loro prescritte»; Smart-Contract (ovvero i Contratti Evoluti): «La creazione di una documentazione apposita permetterebbe anche di condividere, in forma anonima e nel rispetto della privacy, i dati di alcuni pazienti con specifiche organizzazioni sanitarie». Trial clinici: «Sistemi più sicuri di quelli attuali garantirebbero l’impossibilità di alterazione e modifica fraudolenta di dati legati a trial clinici»; accuratezza medica: «La collaborazione tra pazienti, ricercatori e medici potrebbe giovarsi della maggiore possibilità di scambi e confronti, portando a percorsi di cura specifici e personalizzati»; ricerca genomica: «L’accesso a dati genetici protetti all’interno della Blockchain risulterebbe molto utile per i medici curanti».

Ma le possibili innovazioni non si fermano qui. Nell’analisi di Wired compaiono anche la gestione delle pratiche assicurative e fatturazione e quella delle cartelle cliniche. In entrambi i casi il protocollo sarebbe fondamentale per garantire l’integrità e la correttezza dei dati dei pazienti, che potranno essere consultati – ed eventualmente modificati – soltanto da tutte quelle figure (operatori sanitari, pazienti, familiari dei pazienti) che sono in possesso dei permessi necessari.

Il mondo economico e finanziario è già cambiato con l’esplosione delle criptovalute (Bitcoin ed Ethereum in testa). La sanità lo farà presto.

Articoli correlati
Salute, Regimenti (Lega): «Programma EU4Health sia inizio di nuova politica sanitaria europea»
«L’impegno della Lega è finalizzato proprio a cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze» spiega l'eurodeputata Luisa Regimenti
Anziani, De Poli (Udc): «Sì a una lista ‘priority’ per over 65 in sanità»
«Oggi in tempo di pandemia, è urgente creare una corsia preferenziale per i cittadini over 65 in sanità.  Analogamente a quanto accade già nei supermercati, si dia la precedenza agli anziani» spiega il senatore UDC
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
Calabria, la Caporetto della sanità. I sindaci in piazza: «I nostri cittadini vogliono essere curati come nel resto d’Italia»
Un centinaio di sindaci si sono radunati in piazza Monte Citorio per chiedere al governo di risolvere il problema della sanità calabrese. Conte riceve i primi cittadini di Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia e assicura: «Lavoreremo per superare fase emergenziale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli