Salute 23 Aprile 2021 17:51

Nuovo report Cabina di Regia: Rt a 0,81. Sardegna in zona rossa

Brusaferro (ISS): «Ricoveri area medica sotto soglia critica. Calano anche terapie intensive». Rezza (Ministero Salute): «Non si può escludere aumento casi. No al liberi tutti»

Nuovo report Cabina di Regia: Rt a 0,81. Sardegna in zona rossa

Anche questa settimana confermata una decrescita lenta ma progressiva, in Italia ma anche in Europa, della circolazione del virus. Calano anche l’incidenza (da 182 per 100mila abitanti della corsa settimana a 159) e l’età mediana dei contagiati e dei ricoverati (rispettivamente 43 e 67 anni). La curva del contagio tra le persone anziane e degli operatori sanitari cala molto più rapidamente rispetto alle altre fasce d’età. Sono questi i dati principali della Cabina di Regia ISS-Ministero della Salute presentati nel corso della conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale sull’epidemia di Covid-19.

L’Rt è in discesa (0,81) e solo Calabria e Sardegna restano a rischio alto. Per questo il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà in giornata nuove ordinanze che andranno in vigore a partire dal 26 aprile. È in area rossa la Regione Sardegna. Sono in area arancione le Regioni Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. Tutte le altre Regioni e Province Autonome sono in area gialla.

Brusaferro: «Ricoveri area medica sotto soglia critica. Calano anche terapie intensive»

I ricoveri per Covid-19 sono in discesa: «I posti letto in area medica sono occupati al 35%, sotto la soglia critica del 40%. Vediamo una decrescita anche in terapia intensiva, anche qui al 35%, superiore però al 30% che rappresenta la soglia d’allarme». Così Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che alla domanda se l’Italia è davvero pronta per le riaperture previste per il 26 aprile, ha risposto: «Oggi abbiamo un tesoretto, il valore dell’Rt, e il nostro obiettivo è contenere la trasmissibilità sotto 1. Siamo in una fase di decrescita in un po’ tutti i settori, ma serve la qualità del rispetto delle misure nei comportamenti individuali con l’attenzione alle aggregazioni e poi l’aumento delle vaccinazioni. E man mano che aumenteranno le immunizzazioni saranno anche sostenibili altre aperture. Occorre avere inoltre strumenti di monitoraggio per intervenire dove ci sono fenomeni di ricrescita dei casi».

Rezza: «Non si può escludere aumento casi. No al liberi tutti»

«Nessuno può escludere un nuovo aumento dei casi con le riaperture ma bisogna responsabilizzare gli individui. Con le aperture ci si assume sempre un rischio e i singoli non devono interpretarle come un “liberi tutti”». Lo ha affermato Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, nel corso della conferenza stampa. Rezza ha poi parlato del nuovo vaccino in arrivo: «Stiamo aspettando e dovremmo avere in dirittura d’arrivo a maggio i dati del trial di Fase 3 di un nuovo vaccino a mRna, il CureVac, e speriamo che i dati possano essere confortanti. Questo perché, mentre le aziende stanno andando a chiedere l’autorizzazione alle agenzie regolatorie, già hanno iniziato la produzione e ci conforta il fatto che probabilmente avremo nuovi vaccini a disposizione. Sappiamo – ha proseguito Rezza – che l’unico modo reale che abbiamo per cercare di tenere a freno la circolazione virale senza prendere misure restrittive alla fine è proprio la vaccinazione. Quindi speriamo che la campagna vaccinale continui aumentando il numero di vaccinazioni. Vaccinando 500mila persone al giorno – ha concluso Rezza – l’obiettivo di tenere a freno il virus è certamente a portata di mano».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: Iss, via a indagine nazionale sull’impatto della pandemia nelle case di riposo
Il Reparto di Promozione e Valutazione di Prevenzione delle Malattie Croniche del CNaPPS, dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con il Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, si propone di condurre un’indagine nazionale sull’impatto della pandemia da Covid-19 nelle case di riposo
di Redazione
Iss: dipendenza da Internet, ecco a chi rivolgersi. Sono 102 i centri in Italia
In Italia ci sono 102 centri che si occupano di dipendenza da Internet, il 65% dei quali si trovano al Nord. Questo è quanto si evince dalla prima mappa geolocalizzata interattiva, aggiornata dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Realizzata dal Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss, conta 3.667 utenti presi in carico soprattutto tra i 15 […]
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Tecnico o politico? Il parere degli apicali della Sanità sul nuovo ministro
Da Anelli della Fnomceo a Oliveti dell'Enpam, da Scotti della Fimmg a di Silverio di Anaao Assomed fino all'attuale ministro della Salute Speranza. Gli specialisti della sanità rivelano quale sia la figura più giusta che dovrà guidare la sanità italiana nel prossimo Governo
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.