Salute 21 Luglio 2020 11:07

Covid, sesto Report Inail: 50mila contagi sul lavoro in Italia, il 40% dei decessi in Sanità

Al 30 giugno si tocca quasi quota 50mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail. I più colpiti sono i professionisti della Sanità, nello specifico i tecnici. Solo in questa categoria il 40% delle denunce e l’11,8% delle morti

Covid, sesto Report Inail: 50mila contagi sul lavoro in Italia, il 40% dei decessi in Sanità

Arrivano quasi a quota 50mila i contagi da coronavirus sul lavoro rilevati dall’Inail al 30 giugno. Per la precisione 49,986 mila, 965 in più rispetto al monitoraggio dello scorso 15 giugno. Un numero che segna quasi un quinto del totale delle denunce per infortunio arrivate all’Istituto nel 2020. Di questi 252 si sono rivelati mortali, uomini per l’82,5% dei casi con un’età media di 59 anni. A uno sguardo generale, tuttavia, i dati si ribaltano: è donna il 71,6% dei lavoratori contagiati, con un’età media di 47 anni.

LEGGI IL REPORT INAIL

La fotografia del sesto Rapporto Inail approfondisce anche le differenze regionali, che vedono sul podio l’Italia settentrionale. Su 10 denunce, otto sono concentrate al Nord. Il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,8%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%). Mentre per la percentuale dei decessi il Nord-Ovest arriva al 58,3%, seguito questa volta dal Sud con il 15,1%, Nord-Est (13,1%), il Centro (11,9%) e le Isole (1,6%).

La Lombardia resta la regione più colpita, con oltre un terzo dei contagi sul lavoro denunciati (36,1%) e il 44,8% dei decessi. A Milano il primato per il maggior numero di denunce, il 30,2% del totale. Anche se è Bergamo che, con 32 decessi, si conferma la provincia con la mortalità più alta. Seguono Milano (22), Brescia (20) e Cremona (16).

I settori da cui provengono le denunce sono piuttosto omogenei. Il 99% viene dalla gestione assicurativa di Industria e servizi, mentre i casi registrati in Agricoltura, Navigazione e gestione per Conto dello Stato sono in totale 600. Si trovano nel settore Sanità e assistenza sociale il 72,1% delle infezioni denunciate e il 26,1% delle morti. Con l’aggiunta dei numeri proveniente dagli organismi pubblici per la sanità (Asl) si arriva all’81,2% di casi e al 36,6% di decessi.

Sono i tecnici della salute la categoria più colpita dal virus. Con cui si arriva al 40,6% delle denunce per contagi sul lavoro, di cui l’83% perpetrato da infermieri. Seguono gli operatori socio-sanitari (21,3%), i medici (10,5%), gli operatori socio-assistenziali (8,7%) e il personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,7%).

Circa il 40% dei decessi si concentra tra personale sanitario e socio-assistenziale. Nello specifico i casi mortali sono 11,8% tra i tecnici della salute, 9,3% tra i medici, 8,1% tra gli Oss e 4,3% tra gli operatori socio-assistenziali. Oltre il 60% delle morti da Covid-19 tra i tecnici riguarda gli infermieri, che confermano questo triste primato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Giornata per la sicurezza sul lavoro. L’annus horribilis della sanità: nel 2020 infortuni aumentati del 180%
D’amico (Anmil): «Negli ultimi due anni 191 mila infortuni sul lavoro sono stati causati da infezione da Covid-19. Il 73% si sono verificati in sanità, in 4 casi su 10 tra gli infermieri. Oltre 800 persone, tra coloro che hanno contratto il virus, hanno pagato con la vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...