Salute 21 Luglio 2020 11:07

Covid, sesto Report Inail: 50mila contagi sul lavoro in Italia, il 40% dei decessi in Sanità

Al 30 giugno si tocca quasi quota 50mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail. I più colpiti sono i professionisti della Sanità, nello specifico i tecnici. Solo in questa categoria il 40% delle denunce e l’11,8% delle morti

Covid, sesto Report Inail: 50mila contagi sul lavoro in Italia, il 40% dei decessi in Sanità

Arrivano quasi a quota 50mila i contagi da coronavirus sul lavoro rilevati dall’Inail al 30 giugno. Per la precisione 49,986 mila, 965 in più rispetto al monitoraggio dello scorso 15 giugno. Un numero che segna quasi un quinto del totale delle denunce per infortunio arrivate all’Istituto nel 2020. Di questi 252 si sono rivelati mortali, uomini per l’82,5% dei casi con un’età media di 59 anni. A uno sguardo generale, tuttavia, i dati si ribaltano: è donna il 71,6% dei lavoratori contagiati, con un’età media di 47 anni.

LEGGI IL REPORT INAIL

La fotografia del sesto Rapporto Inail approfondisce anche le differenze regionali, che vedono sul podio l’Italia settentrionale. Su 10 denunce, otto sono concentrate al Nord. Il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,8%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%). Mentre per la percentuale dei decessi il Nord-Ovest arriva al 58,3%, seguito questa volta dal Sud con il 15,1%, Nord-Est (13,1%), il Centro (11,9%) e le Isole (1,6%).

La Lombardia resta la regione più colpita, con oltre un terzo dei contagi sul lavoro denunciati (36,1%) e il 44,8% dei decessi. A Milano il primato per il maggior numero di denunce, il 30,2% del totale. Anche se è Bergamo che, con 32 decessi, si conferma la provincia con la mortalità più alta. Seguono Milano (22), Brescia (20) e Cremona (16).

I settori da cui provengono le denunce sono piuttosto omogenei. Il 99% viene dalla gestione assicurativa di Industria e servizi, mentre i casi registrati in Agricoltura, Navigazione e gestione per Conto dello Stato sono in totale 600. Si trovano nel settore Sanità e assistenza sociale il 72,1% delle infezioni denunciate e il 26,1% delle morti. Con l’aggiunta dei numeri proveniente dagli organismi pubblici per la sanità (Asl) si arriva all’81,2% di casi e al 36,6% di decessi.

Sono i tecnici della salute la categoria più colpita dal virus. Con cui si arriva al 40,6% delle denunce per contagi sul lavoro, di cui l’83% perpetrato da infermieri. Seguono gli operatori socio-sanitari (21,3%), i medici (10,5%), gli operatori socio-assistenziali (8,7%) e il personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,7%).

Circa il 40% dei decessi si concentra tra personale sanitario e socio-assistenziale. Nello specifico i casi mortali sono 11,8% tra i tecnici della salute, 9,3% tra i medici, 8,1% tra gli Oss e 4,3% tra gli operatori socio-assistenziali. Oltre il 60% delle morti da Covid-19 tra i tecnici riguarda gli infermieri, che confermano questo triste primato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina di genere, Daiichi Sankyo e Onda supportano la formazione dei medici per una “Cardiologia al Femminile”
In occasione della Giornata Internazionale delle Donne, Daiichi Sankyo Italia e Fondazione O.N.D.A. - Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna e di genere, supportano “Cardiologia al Femminile”, due corsi di formazione per medici tenuti da alcune delle maggiori esperte italiane
Vaccino Astrazeneca, il Ministero della Salute lo estende agli over 65
La circolare firmata da Gianni Rezza parla chiaro: AstraZeneca anche agli over 65, fuori però gli estremamente vulnerabili
8 marzo 2021. La voce delle donne in Sanità
In occasione della Festa della Donna, quattro professioniste - una geriatra, una psicologa, una neolaureata in Medicina e un’infermiera - raccontano, a Sanità Informazione, le difficoltà che una donna affronta nel mondo del lavoro ai tempi del Covid-19
di Isabella Faggiano
Covid-19, ogni 100 contagi professionali, 70 riguardano le donne
Giuseppe Carbone, Segretario generale Fials: «Drammatica disparità di genere. Numeri drammatici che ci allarmano e destano preoccupazione per questa terza ondata»
Covid e scenari futuri, l’infettivologo Stefano Vella: «Immunità di gregge? Meglio trovare strategie di convivenza»
«Vaccinare i fragili in via prioritaria. Un altro lockdown nazionale porterebbe al tracollo finanziario, l'Italia non può permetterselo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...