Voci della Sanità 20 Luglio 2020

Spesa sanitaria, Rostan (IV): «Aumenta divario Nord-Sud, sì a nuovi criteri di riparto»

Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «l’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili»

«Negli ultimi dieci anni la spesa sanitaria pro capite in Lombardia è passata da 2339 a 2529 euro mentre in Campania si è ridotta da 1768 a 1583 euro. Analizzando i dati regione per regione abbiamo ancora una volta la conferma che al Nord il trend è in continua crescita con una spesa media di 2300 euro mentre al Sud si assiste al fenomeno inverso con una media di 1600 euro per cittadino. In pratica la forbice tra le due aree del Paese continua a dilatarsi. Le variazioni più rilevanti in positivo riguardano Lombardia (+190 euro), Friuli (+460), Liguria (+156) e Molise (+1027). Il segno meno caratterizza la spesa in Campania (-184 euro), Sardegna (-138) Toscana (-124), Sicilia (-85) mentre nelle regioni del Mezzogiorno resta invariata Calabria (+23), Basilicata (+22) e Puglia (+20). È allora evidente che serve un’inversione di tendenza immediata, a partire dalla previsione di nuovi criteri per il riparto della spesa sanitaria, se vogliamo raggiungere l’obiettivo di una sanità equa ed efficiente in tutto il territorio nazionale. L’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili». Questo il commento di Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, al focus sulla Sanità in Italia pubblicato da Il Mattino.

«Anche per ciò che riguarda i numeri del personale medico in attività – prosegue la deputata di Italia Viva – le carenze si riscontrano puntualmente al Sud con la Campania fanalino di coda preceduta in questa poco invidiabile classifica da Molise, Calabria e Lazio. Le ripercussioni sulle liste d’attesa sono pesanti. Non possiamo avere una sanità a due velocità con pesanti gap strutturali e di risorse umane. La ripartenza deve essere ad armi pari e nel campo sanitario duole constatare che ciò non stia avvenendo».

Articoli correlati
Covid-19, Rostan (IV): «Emergenza bombole evitabile con utilizzo big data sanitari. Governo incentivi produzione»
«Mi associo all’appello di Federfarma a tutti coloro che detengono bombole per l’ossigeno inutilizzate a restituirle, per consentire a chi ne ha davvero bisogno di poterne disporre» sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Covid-19, Rostan (IV): «Misure straordinarie per Covid hotel in Campania»
Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «servono programmazioni che consentano di riconvertire le strutture rendendole funzionali ad accogliere i pazienti Covid in piena sicurezza per il personale e per gli ospiti stessi»
«Nuove risorse per specializzazioni mediche in anestesia e medicina di emergenza», la petizione di Italia Viva
«Le borse di specializzazione quest'anno saranno meno di 15mila nonostante 26mila medici che hanno partecipato al concorso nazionale. In un momento di emergenza sanitaria come questo è incomprensibile che vi siano professionalità pronte ad operare che non vengono utilizzate» sottolineano i deputati Michela Rostan e Vito De Filippo
Covid-19, gli appelli per rendere pubblici i dati. Noja (Iv): «Trasparenza rafforza scelte, ascoltare Accademia Lincei»
La deputata di Italia Viva Lisa Noja, raccogliendo la proposta del Presidente dei Lincei Giorgio Parisi, aveva presentato un’interrogazione alla Camera rimasta senza risposta: «Questa raccolta di dati disaggregati potrebbe essere utile anche per il futuro vaccino anti Covid»
Covid-19, Rostan (IV): «Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con lockdown. Garantire accesso a farmaci innovativi»
Nell'interrogazione al Ministro della Salute Speranza presentata da Michela Rostan (Iv) anche la richiesta di istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli