Voci della Sanità 20 Luglio 2020 14:45

Spesa sanitaria, Rostan (IV): «Aumenta divario Nord-Sud, sì a nuovi criteri di riparto»

Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «l’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili»

«Negli ultimi dieci anni la spesa sanitaria pro capite in Lombardia è passata da 2339 a 2529 euro mentre in Campania si è ridotta da 1768 a 1583 euro. Analizzando i dati regione per regione abbiamo ancora una volta la conferma che al Nord il trend è in continua crescita con una spesa media di 2300 euro mentre al Sud si assiste al fenomeno inverso con una media di 1600 euro per cittadino. In pratica la forbice tra le due aree del Paese continua a dilatarsi. Le variazioni più rilevanti in positivo riguardano Lombardia (+190 euro), Friuli (+460), Liguria (+156) e Molise (+1027). Il segno meno caratterizza la spesa in Campania (-184 euro), Sardegna (-138) Toscana (-124), Sicilia (-85) mentre nelle regioni del Mezzogiorno resta invariata Calabria (+23), Basilicata (+22) e Puglia (+20). È allora evidente che serve un’inversione di tendenza immediata, a partire dalla previsione di nuovi criteri per il riparto della spesa sanitaria, se vogliamo raggiungere l’obiettivo di una sanità equa ed efficiente in tutto il territorio nazionale. L’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili». Questo il commento di Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, al focus sulla Sanità in Italia pubblicato da Il Mattino.

«Anche per ciò che riguarda i numeri del personale medico in attività – prosegue la deputata di Italia Viva – le carenze si riscontrano puntualmente al Sud con la Campania fanalino di coda preceduta in questa poco invidiabile classifica da Molise, Calabria e Lazio. Le ripercussioni sulle liste d’attesa sono pesanti. Non possiamo avere una sanità a due velocità con pesanti gap strutturali e di risorse umane. La ripartenza deve essere ad armi pari e nel campo sanitario duole constatare che ciò non stia avvenendo».

Articoli correlati
Napoli, aggressioni Cardarelli. Rostan (Misto): «Subito qualifica pubblico ufficiale a personale sanitario contro impunità violenti»
«È giunto il momento di voltare pagina e offrire a tutti coloro che operano nel settore della sanità, strumenti efficaci per prevenire questi episodi e per garantire pene severe a chi li commette» sottolinea Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
Italia Viva lancia il Piano Sanità 2030, Parente: «PNRR non basta, servono 30 miliardi per riformare SSN. Al primo punto la ricerca»
Il partito dell’ex premier Matteo Renzi ha lanciato una campagna di ascolto con operatori sanitari e associazioni e poi sottoporrà il piano alle altre forze politiche. E rilancia la Commissione d’inchiesta sulla gestione della pandemia. La presidente della Commissione Sanità: «Il medico di famiglia deve essere come un ‘primario del territorio’»
Vaccini Covid, Italia senza dosi. Rostan (Misto): «Priorità ai fragili poi categorie economiche»
«L’ipotesi delle isole Covid free è un buon punto di partenza, a patto che si allarghi immediatamente a tutti gli altri siti turistici di pregio del nostro Paese», spiega la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Salute, Rostan (Misto): «Subito screening su Epatite C, perso un anno»
«È necessario dare attuazione al Decreto legge 162 del 2019 partendo dalle categorie più a rischio che rappresentano un serbatoio di diffusione del virus come i consumatori di sostanze stupefacenti», sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM