Voci della Sanità 20 Luglio 2020 14:45

Spesa sanitaria, Rostan (IV): «Aumenta divario Nord-Sud, sì a nuovi criteri di riparto»

Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «l’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili»

«Negli ultimi dieci anni la spesa sanitaria pro capite in Lombardia è passata da 2339 a 2529 euro mentre in Campania si è ridotta da 1768 a 1583 euro. Analizzando i dati regione per regione abbiamo ancora una volta la conferma che al Nord il trend è in continua crescita con una spesa media di 2300 euro mentre al Sud si assiste al fenomeno inverso con una media di 1600 euro per cittadino. In pratica la forbice tra le due aree del Paese continua a dilatarsi. Le variazioni più rilevanti in positivo riguardano Lombardia (+190 euro), Friuli (+460), Liguria (+156) e Molise (+1027). Il segno meno caratterizza la spesa in Campania (-184 euro), Sardegna (-138) Toscana (-124), Sicilia (-85) mentre nelle regioni del Mezzogiorno resta invariata Calabria (+23), Basilicata (+22) e Puglia (+20). È allora evidente che serve un’inversione di tendenza immediata, a partire dalla previsione di nuovi criteri per il riparto della spesa sanitaria, se vogliamo raggiungere l’obiettivo di una sanità equa ed efficiente in tutto il territorio nazionale. L’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili». Questo il commento di Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, al focus sulla Sanità in Italia pubblicato da Il Mattino.

«Anche per ciò che riguarda i numeri del personale medico in attività – prosegue la deputata di Italia Viva – le carenze si riscontrano puntualmente al Sud con la Campania fanalino di coda preceduta in questa poco invidiabile classifica da Molise, Calabria e Lazio. Le ripercussioni sulle liste d’attesa sono pesanti. Non possiamo avere una sanità a due velocità con pesanti gap strutturali e di risorse umane. La ripartenza deve essere ad armi pari e nel campo sanitario duole constatare che ciò non stia avvenendo».

Articoli correlati
Epatite, Rostan (Forza Italia): «Otto milioni alla Campania per gli screening. Avanti con il Piano attuativo»
«Le regioni del Mezzogiorno devono lavorare per recuperare il terreno perduto anche perché, è bene ricordare, le infezioni da HCV sono causa di tante altre malattie extra epatiche» spiega la deputata azzurra
Sanità, Rostan (Misto): «Appello a Draghi per nuove assunzioni in Sanità»
«Dal Summit di Napoli lanciamo un appello al governo Draghi affinchè si mettano in campo tutte le risorse possibili per colmare il gravissimo deficit di personale sanitario che è la causa principale di tanti disservizi e di una profonda iniquità tra regioni per ciò che attiene i livelli essenziali di assistenza. Dobbiamo individuare corsie preferenziali […]
Vaccini, Rostan (Misto): «Obbligo vaccinale per il personale scolastico è scelta di responsabilità»
«Introdurre l’obbligo vaccinale per il personale scolastico è una scelta di responsabilità assolutamente in linea con la strategia di prevenzione e contrasto adottata dal governo Draghi con il supporto del Commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo. L’emergenza Covid-19 non è affatto superata e non possiamo consentirci l’esplosione di nuovi cluster alla ripresa dell’anno scolastico. Chi tenta […]
Covid 19, Rostan: «Seguire Macron su Green Pass, emergenza non è finita»
«La tutela della salute pubblica deve rimanere il primo e unico obiettivo per la nostra comunità» sottolinea la Vice Presidente della Commissione Affari Sociali
Napoli, aggressioni Cardarelli. Rostan (Misto): «Subito qualifica pubblico ufficiale a personale sanitario contro impunità violenti»
«È giunto il momento di voltare pagina e offrire a tutti coloro che operano nel settore della sanità, strumenti efficaci per prevenire questi episodi e per garantire pene severe a chi li commette» sottolinea Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...