Salute 16 Aprile 2021 18:59

Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»

Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. In altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»

Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»

«La situazione italiana vede una curva dei nuovi casi in decrescita in quasi tutte le Regioni e altre con valori in crescita. Il trend di crescita visto in Europa la scorsa settimana è confermato: quella italiana mostra una lenta decrescita mentre altri Paesi Ue hanno curva in salita». Lo ha affermato il presidente dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità), Silvio Brusaferro, nel suo intervento alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio regionale della Cabina di regia.

L’indice di contagio Rt questa settimana è di 0,85. E il dato interessante è «che il range va da 0,71 a 0,97, cioè il limite superiore non include l’1 e questo è molto importante.  I dati di mortalità per Covid-19 «purtroppo decrescono molto lentamente, ma d’altra parte anche l’incidenza» dei casi «decresce molto lentamente». Brusaferro ha sottolineato anche che «abbiamo dati di lenta decrescita sia per quanto riguarda i ricoveri di area medica sia per quanto riguarda la terapia intensiva». «C’è ancora un sovraccarico diffuso dei servizi assistenziali – ha spiegato il presidente dell’ISS -. Si supera la soglia critica in terapia intensiva e in area medica, l’incidenza decresce lentamente rimanendo elevata. Si raccomanda quindi di tenere alta la guardia».

Brusaferro: «Cala età dei contagiati per effetto vaccini»

«L’età media scende da 2-3 settimane: quella del primo ricovero è a 67 anni mentre per la prima diagnosi è 45 anni. Vediamo quindi i primi effetti delle vaccinazioni negli anziani. C’è comunque una decrescita dell’età dei contagi in tutte le fasce. Le vaccinazioni – ha spiegato Brusaferro – continuano a crescere giorno dopo giorno. Credo che un dato interessante sia» quello relativo alla «popolazione sopra gli 80 anni, che ha superato il 75% di copertura e circa la metà di loro, più del 50%, ha fatto il ciclo completo». Altro dato evidenziato è quello «per la fascia d’età 70-79, che ha soprattutto prime dosi, ma sta rapidamente crescendo perché è uno dei target che si stanno perseguendo in questo periodo».

Secondo Brusaferro «serve mantenere la guardia alta perché sappiamo essere dominante nella realtà italiana la variante inglese. Lo vedremo meglio la prossima settimana quando lanceremo la nuova survey. L’ultima stima era all’87% e credo che ormai la variante inglese sia la situazione base nella quale si innesto altre varianti», ha concluso Brusaferro.

Rezza: «Incidenza cala molto lentamente»

L’indice di contagio Rt ci dice che c’è ancora una «certa trasmissione sostenuta» di Sars-CoV-2, «ma è inferiore a 1. Quindi per ogni infetto se ne infetta meno di 1 e l’incidenza tende a diminuire, ma tende a farlo molto, molto lentamente». È quanto si sta osservando in Italia, secondo quanto ha spiegato il direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio Covid-19 della Cabina di regia.

«Abbiamo avuto un forte accumulo di persone infette e questo si riverbera anche a distanza di tempo – ha spiegato Rezza -. Quando si accumulano tanti infetti, la storia naturale della malattia fa sì che, dopo un certo numero di settimane, una percentuale di questi, più anziani e più fragili, tendano a sviluppare conseguenze gravi e a finire in terapia intensiva. Questo spiega il perdurante sovraccarico delle terapie intensive. Siamo però sopra la soglia critica anche per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri».

«Dobbiamo ancora tenere comportamenti prudenti», ha ammonito Rezza. «È legittimo – ha ammesso – che si vorrebbe vedere un po’ di luce in fondo al tunnel. Ci sono problemi economici e pressioni anche da parte delle persone ed è un anno e mezzo che si tira la corda e si fanno sacrifici».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
Quarta ondata, curare i pazienti Covid costerà 7 volte di più che vaccinarli
L’Altems ha effettuato un’analisi del profilo costo-efficacia della campagna vaccinale in Italia. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
Covid-19, allarme Oms: «Oltre 2,2 milioni di morti in Europa entro primavera»
La previsione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla base delle tendenze attuali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano