Salute 16 Aprile 2021 18:59

Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»

Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. In altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»

Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»

«La situazione italiana vede una curva dei nuovi casi in decrescita in quasi tutte le Regioni e altre con valori in crescita. Il trend di crescita visto in Europa la scorsa settimana è confermato: quella italiana mostra una lenta decrescita mentre altri Paesi Ue hanno curva in salita». Lo ha affermato il presidente dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità), Silvio Brusaferro, nel suo intervento alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio regionale della Cabina di regia.

L’indice di contagio Rt questa settimana è di 0,85. E il dato interessante è «che il range va da 0,71 a 0,97, cioè il limite superiore non include l’1 e questo è molto importante.  I dati di mortalità per Covid-19 «purtroppo decrescono molto lentamente, ma d’altra parte anche l’incidenza» dei casi «decresce molto lentamente». Brusaferro ha sottolineato anche che «abbiamo dati di lenta decrescita sia per quanto riguarda i ricoveri di area medica sia per quanto riguarda la terapia intensiva». «C’è ancora un sovraccarico diffuso dei servizi assistenziali – ha spiegato il presidente dell’ISS -. Si supera la soglia critica in terapia intensiva e in area medica, l’incidenza decresce lentamente rimanendo elevata. Si raccomanda quindi di tenere alta la guardia».

Brusaferro: «Cala età dei contagiati per effetto vaccini»

«L’età media scende da 2-3 settimane: quella del primo ricovero è a 67 anni mentre per la prima diagnosi è 45 anni. Vediamo quindi i primi effetti delle vaccinazioni negli anziani. C’è comunque una decrescita dell’età dei contagi in tutte le fasce. Le vaccinazioni – ha spiegato Brusaferro – continuano a crescere giorno dopo giorno. Credo che un dato interessante sia» quello relativo alla «popolazione sopra gli 80 anni, che ha superato il 75% di copertura e circa la metà di loro, più del 50%, ha fatto il ciclo completo». Altro dato evidenziato è quello «per la fascia d’età 70-79, che ha soprattutto prime dosi, ma sta rapidamente crescendo perché è uno dei target che si stanno perseguendo in questo periodo».

Secondo Brusaferro «serve mantenere la guardia alta perché sappiamo essere dominante nella realtà italiana la variante inglese. Lo vedremo meglio la prossima settimana quando lanceremo la nuova survey. L’ultima stima era all’87% e credo che ormai la variante inglese sia la situazione base nella quale si innesto altre varianti», ha concluso Brusaferro.

Rezza: «Incidenza cala molto lentamente»

L’indice di contagio Rt ci dice che c’è ancora una «certa trasmissione sostenuta» di Sars-CoV-2, «ma è inferiore a 1. Quindi per ogni infetto se ne infetta meno di 1 e l’incidenza tende a diminuire, ma tende a farlo molto, molto lentamente». È quanto si sta osservando in Italia, secondo quanto ha spiegato il direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio Covid-19 della Cabina di regia.

«Abbiamo avuto un forte accumulo di persone infette e questo si riverbera anche a distanza di tempo – ha spiegato Rezza -. Quando si accumulano tanti infetti, la storia naturale della malattia fa sì che, dopo un certo numero di settimane, una percentuale di questi, più anziani e più fragili, tendano a sviluppare conseguenze gravi e a finire in terapia intensiva. Questo spiega il perdurante sovraccarico delle terapie intensive. Siamo però sopra la soglia critica anche per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri».

«Dobbiamo ancora tenere comportamenti prudenti», ha ammonito Rezza. «È legittimo – ha ammesso – che si vorrebbe vedere un po’ di luce in fondo al tunnel. Ci sono problemi economici e pressioni anche da parte delle persone ed è un anno e mezzo che si tira la corda e si fanno sacrifici».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid: Iss, via a indagine nazionale sull’impatto della pandemia nelle case di riposo
Il Reparto di Promozione e Valutazione di Prevenzione delle Malattie Croniche del CNaPPS, dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con il Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, si propone di condurre un’indagine nazionale sull’impatto della pandemia da Covid-19 nelle case di riposo
di Redazione
Iss: dipendenza da Internet, ecco a chi rivolgersi. Sono 102 i centri in Italia
In Italia ci sono 102 centri che si occupano di dipendenza da Internet, il 65% dei quali si trovano al Nord. Questo è quanto si evince dalla prima mappa geolocalizzata interattiva, aggiornata dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Realizzata dal Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss, conta 3.667 utenti presi in carico soprattutto tra i 15 […]
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Tecnico o politico? Il parere degli apicali della Sanità sul nuovo ministro
Da Anelli della Fnomceo a Oliveti dell'Enpam, da Scotti della Fimmg a di Silverio di Anaao Assomed fino all'attuale ministro della Salute Speranza. Gli specialisti della sanità rivelano quale sia la figura più giusta che dovrà guidare la sanità italiana nel prossimo Governo
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...