Salute 13 Ottobre 2021 17:28

Report AIFA su medicinali, una prescrizione per il 98% degli over 65 in Italia

Vitamina D, aspirina, antibiotici e gastroprotettori sono i farmaci più utilizzati nella popolazione italiana over 65. Nelle RSA troppe prescrizioni di benzodiazepine «spesso associato a importanti eventi avversi e quindi inappropriato»

Report AIFA su medicinali, una prescrizione per il 98% degli over 65 in Italia

Tre dosi di farmaci al giorno, principalmente quelli per il sistema cardiovascolare, soprattutto antipertensivi. Più tra gli uomini rispetto alle donne e più al Sud che al Nord. È il quadro presentato dal Rapporto dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) sull’uso dei medicinali tra gli over 65, presentato nella giornata di oggi.

I farmaci più usati

Vitamina D, aspirina, antibiotici e gastroprotettori: sono i farmaci più utilizzati nella popolazione italiana over 65. Il colecalciferolo (vitamina D) la molecola più utilizzata: circa 4 donne su 10 ne hanno ricevuto almeno una dose nel corso del 2019, con un valore del 41,7% nella fascia di età compresa tra 70 e 74 anni. Al secondo posto si colloca l’acido acetilsalicilico (il principio attivo dell’aspirina), utilizzato come antiaggregante piastrinico in prevenzione cardiovascolare primaria e secondaria, sostanza a maggior prevalenza (29,4%) negli uomini, che raggiunge il 40% tra gli ultra85enni. A seguire, l’antibiotico a base di amoxicillina + acido clavulanico (22,3% negli uomini e 21,0% nelle donne), il gastroprotettore pantoprazolo, prescritto a una persona su 5 senza differenze tra i generi e l’anticolesterolo atorvastatina (19,9% negli uomini e 15,3% nelle donne).

L’Healthy survivor effect

Una fondamentale premessa: quasi l’interezza della popolazione over 65 ha ricevuto almeno una prescrizione farmaceutica, il 98%. Con consumi giornalieri pari a tre dosi per ciascun cittadino e una spesa pro capite annua di circa 660 euro, con un maggiore utilizzo da parte degli uomini rispetto alle donne in tutte le classi di età. Interessante notare come l’uso aumenti fino agli 84 anni e poi diminuisca nelle classi successive, per quello che viene definito come “healthy survivor effect”. Si tratta del riflesso della certezza che solo i più sani e con meno malattie (quindi con un uso di farmaci più basso), sopravvivono fino all’età più avanzata. A cui si unisce «un’attitudine alla prescrizione meno aggressiva nei centenari in cui il trattamento con farmaci ad azione preventiva, per i quali sono necessari lunghi periodi di tempo per il raggiungimento dell’effetto desiderato, può non apportare un reale vantaggio al paziente, vista la ridotta aspettativa di vita».

In RSA troppe benzodiazepine

Nelle RSA, viene sottolineato, si fa un ampio uso di farmaci e, oltre a quelli cardiovascolari, figurano gli psicotropi, benzodiazepine, antidepressivi e antipsicotici. «Nonostante la comune presenza di disturbi neuro-psichiatrici negli anziani istituzionalizzati va comunque sottolineato che l’uso di questi farmaci è spesso associato a importanti eventi avversi e quindi inappropriato», si legge. Le benzodiazepine hanno registrato valori di 37,6 Ddd (dosi definite giornaliere) su 100 giornate di degenza e di 116,4 Ddd per posto letto, mentre gli antidepressivi di 35,9 Ddd/100 giornate di degenza e 111,2 Ddd/posto letto.

Quanto si spende

Al Nord si spendono 593 euro per utilizzatore, rispetto ai 759 euro del Sud. Tale differenza, pari a -21%, è spiegabile sia con un minore consumo – 2.824 Ddd/1.000 abitanti al Nord (Defined daily dose – dose media di un farmaco assunta giornalmente da un paziente adulto, ndr), rispetto a 3.402 Ddd/1.000 abitanti al Sud – sia con un diverso costo per giornata di terapia (0,55 euro al Nord vs 0,62 euro al Sud). Nel complesso della popolazione sono state consumate 3.088,2 Ddd (tre dosi per ciascun cittadino ogni giorno dell’anno), con una spesa per utilizzatore di 670 euro, un consumo medio annuale di 1.146 dosi e un costo per giornata di terapia pari a 0,58 euro.

Cali di consumi durante il lockdown

«Durante i periodi di lockdown – si legge nel report – sia per la prima che per la seconda ondata, non è stato possibile eseguire prime visite o controlli per diverse patologie croniche a causa della riorganizzazione degli ospedali, che hanno dovuto far fronte a un numero altissimo di ricoveri e del timore, soprattutto delle persone anziane, di contrarre l’infezione recandosi in ambienti sanitari». A questo si devono i cali di consumi per farmaci da malattie croniche. Il calo maggiore si riscontra per gli antibiotici (-22,9%), i farmaci per l’osteoporosi (-16,7%), gli ormoni sessuali e modulatori del sistema genitale (-17,6%), i Fans (-13,2%) e i farmaci attivi sul sistema cardiovascolare (-9,1%). Mentre la diminuzione inferiore si è registrata per farmaci ipolipemizzanti (-0,2%), antistaminici e antipsicotici (-1,0%) e l’unica classe di farmaci che ha mostrato una variazione positiva è stata quella degli anticoagulanti (+5,0%), con un gradiente decrescente da Nord a Sud. «Probabilmente il risultato dell’aumento di prescrizioni per eventi tromboembolici Covid-correlati o per la loro profilassi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?
È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Aderenza alla terapia, FederAnziani: «4 anziani su 10 non assumono regolarmente i farmaci prescritti»
1 anziano su 3 ammette di dimenticarne spesso l’assunzione. I dati diffusi alla vigilia della Giornata Nazionale per l’Aderenza alle Terapie. Selvi: «Aderenza è battaglia che non si può perdere: promuovere strumenti e interventi per migliorarla»
AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»
«Una terapia mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l'evoluzione, le complicanze e la mortalità». Focus sul diabete mellito, la tre giorni in programma a Napoli dal 17 al 19 marzo sarà ricca di spunti, approfondimenti e discussioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale