Salute 6 Giugno 2019

Regionalismo differenziato e definanziamento, se la sanità del Sud paga per tutti…

Cappiello (Anaao Assomed): «Ridefinire i criteri di distribuzione dei fondi su base epidemiologica e non anagrafica»

Una perpetua carenza di fondi e risorse, nel campo della sanità ma non solo, che affligge il sud Italia e che getta le sue basi in una riforma stravolta nelle sue intenzioni. Un debito pubblico gigantesco che interessa tutto il Paese ma che in sostanza viene pagato dalle regioni meridionali. Una ripartizione dei finanziamenti che segue modelli distanti anni luce dalla realtà. Dalla lente del regionalismo differenziato viene fuori un’immagine, impietosa ma veritiera, di un’Italia sempre più divisa e sbilanciata. Il settore sanità è, ancora una volta, la cartina al tornasole di questa criticità. Sanità Informazione ne ha parlato con il dottor Maurizio Cappiello, direttivo nazionale Anaao Assomed.

Che ripercussioni ha avuto, ad oggi, il regionalismo differenziato, soprattutto in termini di definanziamento alle regioni del Sud?

Vorrei cominciare citando quanto recentemente dichiarato dal presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, qualche mese fa: un Paese che ha un debito pubblico troppo alto perde la propria sovranità. E dichiarava, tra le altre cose, che quando il debito pubblico è troppo alto le risorse vanno reperite nel welfare e nei tagli alla sanità. Noi sappiamo che il residuo fiscale serve anche per pagare il debito pubblico e nel momento in cui questo non viene versato nelle casse dello Stato viene ripartito sull’80% delle Regioni restanti, impoverendo quindi le regioni meridionali che già soffrono di un definanziamento. Questo ha un impatto anche sulla sanità. Noi soffriamo già di un meccanismo di riparto dei fondi sanitari che penalizza fortemente le regioni meridionali perchè viene utilizzato un criterio di tipo anagrafico. Per cui le regioni le cui popolazioni hanno un’età anagrafica media più alta ricevono più finanziamenti rispetto alle Regioni meridionali che hanno un’età anagrafica media più bassa. Se pure è vero che la media dei figli è leggermente più alta al Sud rispetto al Nord è vero anche che abbiamo un’altissima incidenza di patologie oncologiche e croniche che oltre ad avere un forte impatto economico abbassano notevolmente l’età media della popolazione. Bisogna quindi agire su questi meccanismi, modificando il criterio di riparto anagrafico e utilizzando dei criteri di tipo epidemiologico, basati ciè sull’effettivo bisogno di salute.

Sono meccanismi che comportano un fenomeno ben preciso: la cosiddetta migrazione sanitaria.

Nel momento in cui non si riesce a soddisfare un bisogno di salute succede che si vanno a cercare risposte in altre regioni. Solo nel 2017 la Regione Campania, al netto delle pochissime entrate, ha avuto un saldo negativo di ben 302 milioni di euro. E’ stato fatto un calcolo da parte di alcuni tecnici ed è emerso che l’impatto sulla fiscalità generale è di circa 20 miliardi di euro. Bisogna pensare che si tratta di 900 milioni di euro in meno solo per la regione Campania. Sono cifre che ci danno l’ordine di grandezza in cui ci stiamo muovendo.

Qual è la posizione di Anaao su questo tema? Cosa si potrebbe fare per ridurre i danni?

Si parla spesso di fondi di perequazione e di solidarietà, ma ci tengo a precisare che in commissione bicamerale sull’economia c’è qualcuno che con un artificio ha pensato bene di dimezzare questi fondi di perequazione che andrebbero a sanare il definanziamento, e li ha ridotti al 49% rispetto a un fabbisogno del 100%. Io credo che le Regioni si vogliano fare Stato, e questo ha poco a che fare con il vero federalismo, in quanto l’autonomia fiscale va di pari passo con l’autonomia di tipo amministrativo, svincolando quindi le Regioni da ogni forma di controllo da parte dello Stato centrale. Inoltre i valori dell’autonomia a mio avviso vanno ad inficiare o addirittura a distruggere i valori della universalità e della solidarietà, e questo sicuramente non è un bene per il nostro Paese.

Articoli correlati
Napoli, Zuccarelli (Omceo): «La città è malata, serve responsabilità o presto ci saranno centinaia di morti»
Lancia un forte appello alla responsabilità collettiva Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. «Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilate di carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene»
Chiusura scuole in Campania, i pediatri: «Più pericolosi gli incontri per strada o in casa»
Giuliano (Simpe Campania): «Sbagliato colpire l’istruzione, l’impatto delle scuole nei contagi è minimo». Mele (Simpe nazionale): «Atto dovuto, ma evitare che la chiusura della scuola generi ulteriori occasioni di assembramento»
Pancreas, impiantata protesi biodegradabile al Caldarelli di Napoli
È la prima volta in Campania. Il Direttore generale dell'ospedale Giuseppe Longo: «Intervento d’eccellenza e segno tangibile di un’assistenza di altissima qualità che non si è mai fermata»  
Campania, consegnati ai medici di famiglia i vaccini antinfluenzali. Si parte il 1 ottobre
Scotti (FIMMG): «Un esempio di efficienza che consentirà di organizzare la pratica vaccinale con i giusti tempi e la massima sicurezza per medici e pazienti»
Entro il 2023 mancheranno 10mila medici specialisti. Lo studio di Anaao
Per arginare la carenza, Anaao Assomed chiede 1,3 miliardi per 11.800 contratti di formazione specialistica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...