Salute 3 Gennaio 2022 12:13

«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks

Durante una partita di NHL, una futura dottoressa nota un neo sospetto sul collo di Brian Hamilton, uno degli assistenti dei Vancouver Canucks e lo avverte dagli spalti. Era un melanoma. Per lei una borsa di studio di Medicina dalle due squadre

«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks

Il suo nome è Nadia Popovici, 22 anni, canadese di origine, vive a Seattle. Come tanti giovani, sogna di indossare il camice bianco e si appresta ad entrare in una scuola di medicina.

Occhio a quel neo, può essere un melanoma

Ci sono tutti i presupposti per diventare un buon medico: passione, perseveranza e, soprattutto, un vero “occhio clinico”. Quello che la allarma mentre assiste al primo match casalingo dei Seattle Kraken, la squadra di Vancouver che tifava da piccola dietro la panchina degli ospiti, focalizzandosi sui “contorni irregolari” di un neo sul collo di Brian “Red” Hamilton. L’assistente dei Vancouver Canucks, franchigia di NHL, la lega nordamericana di hockey su ghiaccio, sta sistemando i caschi dei suoi giocatori prima dell’ingresso in campo e, forse per un segno del destino, la ragazza siede proprio dietro a lui.

Al posto giusto nel momento giusto: il messaggio sull’Iphone

Quel neo non la convince: il suo istinto le dice che non sta sbagliando e che deve richiamare immediatamente l’attenzione di Hamilton. Un breve messaggio nelle note del cellulare e il telefono premuto contro il plexiglass: «Il neo sul tuo collo potrebbe essere un tumore. Per favore, fatti controllare da un dottore!». Hamilton all’inizio la ignora. Lei non demorde: sbatte la mano contro il vetro e lo convince ad avvicinarsi. Lui legge il messaggio e annuisce.

Prevenzione e diagnosi precoce: il melanoma si può vincere

L’importante è che, al termine della partita, decida di seguire il consiglio e farsi controllare da uno specialista. Quel neo è un melanoma, un tumore maligno della pelle. La diagnosi è arrivata in tempo, può operarsi e salvarsi. Grazie alla tenacia di un’eroina che indossa i colori della squadra avversaria.

La lettera sui social: «Voglio trovarti per dirti grazie»

Melanoma, tifosa salva la vita all’assistente dei Vancouver Canucks

E così, prima di un nuovo match tra i Vancouver Canucks e i Kraken, alla Climate Pledge Arena di Seattle, scrive una lettera e la condivide sui social del club. «Sto cercando una persona davvero speciale — si legge — ho bisogno del vostro aiuto. Hai cambiato la mia vita, a me e alla mia famiglia. Quel messaggio che mi hai fatto leggere sul tuo telefono rimarrà per sempre nella mia testa, avevi ragione. Quel neo che avevo sul collo era un melanoma maligno e ora, grazie all’aiuto dei dottori, se ne è andato. E tu sei riuscita a farmelo notare nel caos di una partita di hockey. Sei la mia eroina, voglio trovarti per dirti grazie». Il tweet rimbalza sugli schermi di migliaia di persone, compreso quello di Nadia.

Il ringraziamento: una borsa da 10.000 dollari per una scuola di medicina

E così, prima dell’inizio del match Nadia Popovici e Brian Hamilton si incontrano. La stretta di mano lascia il passo a un forte e spontaneo abbraccio, pieno di gratitudine e suggellato dall’ovazione del pubblico. Quella sera i Vancouver hanno vinto ma i due successi erano già stati festeggiati. «Mi ha allungato la vita, me l’ha salvata — le parole di Hamilton dopo la partita — in quattro o cinque anni quel neo mi avrebbe ucciso». Per Nadia, un regalo speciale da parte delle due squadre: una borsa di studio da 10.000 dollari per una scuola di medicina. Per un futuro già scritto e ricco di soddisfazioni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sarah Ferguson annuncia di avere un melanoma. L’oncologo Ascierto: “Outing è spot positivo per la prevenzione”
Sarah Ferguson, 64 anni, ex moglie del principe Andrea e madre della principessa Beatrice e della principessa Eugenia, ha ricevuto la diagnosi di un melanoma, scoperto mentre era in cura per un tumore al seno. E' stato il Sun a dare la notizia del melanoma, ma la notizia è rimbalzata sui media anche per rilanciare l'importanza della prevenzione
Melanoma: con immunoterapia pre-intervento 50% dei pazienti non ha bisogno di cure post
Da “ultima spiaggia” a terapia di prima scelta. Nel giro di pochissimi anni l’immunoterapia ha fatto un enorme salto di qualità tanto che oggi i clinici chiedono di estendere il ricorso ai cosiddetti inibitori dei checkpoint immunitari anche per la terapia neoadiuvante, cioè al trattamento prima dell’intervento chirurgico
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Alzheimer: alcuni errori di «navigazione» sono «spie» precoci della malattia
Le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale hanno difficoltà a girarsi quando camminano. Questo potrebbe essere uno dei segni precoci individuato dagli scienziati dell’University College di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, che si avvalso della realtà virtuale
Tumore alla prostata, Fondazione Onda: «Urgente attuare un percorso di screening strutturato»
Il cancro alla prostata rappresenta il 19,8 per cento dei tumori maschili. Bassa percezione del rischio e scarsa consapevolezza da parte degli uomini fra gli ostacoli maggiori per una corretta prevenzione. Da Fondazione Onda un documento che individua come intervenire
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...