Salute 3 Gennaio 2022 12:13

«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks

Durante una partita di NHL, una futura dottoressa nota un neo sospetto sul collo di Brian Hamilton, uno degli assistenti dei Vancouver Canucks e lo avverte dagli spalti. Era un melanoma. Per lei una borsa di studio di Medicina dalle due squadre

«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks

Il suo nome è Nadia Popovici, 22 anni, canadese di origine, vive a Seattle. Come tanti giovani, sogna di indossare il camice bianco e si appresta ad entrare in una scuola di medicina.

Occhio a quel neo, può essere un melanoma

Ci sono tutti i presupposti per diventare un buon medico: passione, perseveranza e, soprattutto, un vero “occhio clinico”. Quello che la allarma mentre assiste al primo match casalingo dei Seattle Kraken, la squadra di Vancouver che tifava da piccola dietro la panchina degli ospiti, focalizzandosi sui “contorni irregolari” di un neo sul collo di Brian “Red” Hamilton. L’assistente dei Vancouver Canucks, franchigia di NHL, la lega nordamericana di hockey su ghiaccio, sta sistemando i caschi dei suoi giocatori prima dell’ingresso in campo e, forse per un segno del destino, la ragazza siede proprio dietro a lui.

Al posto giusto nel momento giusto: il messaggio sull’Iphone

Quel neo non la convince: il suo istinto le dice che non sta sbagliando e che deve richiamare immediatamente l’attenzione di Hamilton. Un breve messaggio nelle note del cellulare e il telefono premuto contro il plexiglass: «Il neo sul tuo collo potrebbe essere un tumore. Per favore, fatti controllare da un dottore!». Hamilton all’inizio la ignora. Lei non demorde: sbatte la mano contro il vetro e lo convince ad avvicinarsi. Lui legge il messaggio e annuisce.

Prevenzione e diagnosi precoce: il melanoma si può vincere

L’importante è che, al termine della partita, decida di seguire il consiglio e farsi controllare da uno specialista. Quel neo è un melanoma, un tumore maligno della pelle. La diagnosi è arrivata in tempo, può operarsi e salvarsi. Grazie alla tenacia di un’eroina che indossa i colori della squadra avversaria.

La lettera sui social: «Voglio trovarti per dirti grazie»

Melanoma, tifosa salva la vita all’assistente dei Vancouver Canucks

E così, prima di un nuovo match tra i Vancouver Canucks e i Kraken, alla Climate Pledge Arena di Seattle, scrive una lettera e la condivide sui social del club. «Sto cercando una persona davvero speciale — si legge — ho bisogno del vostro aiuto. Hai cambiato la mia vita, a me e alla mia famiglia. Quel messaggio che mi hai fatto leggere sul tuo telefono rimarrà per sempre nella mia testa, avevi ragione. Quel neo che avevo sul collo era un melanoma maligno e ora, grazie all’aiuto dei dottori, se ne è andato. E tu sei riuscita a farmelo notare nel caos di una partita di hockey. Sei la mia eroina, voglio trovarti per dirti grazie». Il tweet rimbalza sugli schermi di migliaia di persone, compreso quello di Nadia.

Il ringraziamento: una borsa da 10.000 dollari per una scuola di medicina

E così, prima dell’inizio del match Nadia Popovici e Brian Hamilton si incontrano. La stretta di mano lascia il passo a un forte e spontaneo abbraccio, pieno di gratitudine e suggellato dall’ovazione del pubblico. Quella sera i Vancouver hanno vinto ma i due successi erano già stati festeggiati. «Mi ha allungato la vita, me l’ha salvata — le parole di Hamilton dopo la partita — in quattro o cinque anni quel neo mi avrebbe ucciso». Per Nadia, un regalo speciale da parte delle due squadre: una borsa di studio da 10.000 dollari per una scuola di medicina. Per un futuro già scritto e ricco di soddisfazioni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Attività sportiva panacea contro le “devianze”? Ecco perché non è così
La psicologa Morgilli (OdP Lazio): «Lo sport non è un medicinale che può essere prescritto. Attenzione alle attitudini individuali e al contesto, per intercettare fattori di rischio»
Addio vecchio buono pasto. Un giovane su 3 preferisce «buono sport»
Una ricerca di Fitprime su 20mila dipendenti di piccole e medie imprese rovescia l’idea classica del benefit aziendale per eccellenza: anziché il buono pasto ora i giovani chiedono il buono sport
Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute
In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D
Crioconservazione del tessuto adiposo, una svolta per gli sportivi?
Intervista al dottor Stefano della Villa dell’Isokinetic Medical Group Bologna: «Metodologia dal grande potenziale»
Liste d’attesa: SSN investe sugli ambulatori specialistici accreditati per snellirle
Marino (Unindustria Lazio): «L’accordo tra Ministero della Salute e Regioni è quasi concluso. Presto i cittadini avranno un accesso più rapido alle prestazioni. Ora, il Governo offra un ruolo attivo agli ambulatori specialistici privati-accreditati nella realizzazione del PNRR»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi