Salute 7 Ottobre 2019

Melanoma, casi raddoppiati in 10 anni. Marconi (Fatebenefratelli Sacco): «Con la videodermoscopia prevenzione più efficace»

Con questa tecnologia è possibile individuare cellule neoplastiche in una fase primitiva, permettendo un rapido intervento chirurgico. L’esperto: «Il periodo più a rischio per questa patologia è tra i 30 e i 50 anni»

di Federica Bosco

Cresce il numero dei melanomi in Italia, negli ultimi dieci anni sono praticamente raddoppiati.  Un dato in controtendenza rispetto a quanto emerso da un recente studio realizzato dall’Associazione italiana di Oncologia Medica, secondo cui per la prima volta in Italia nel 2019 il numero dei tumori diagnosticati è diminuito.  Le ragioni dell’aumento di melanoma sono perlopiù sociali ed ambientali, come ha confermato il dottor Marco Luigi Marconi, dermatologo all’Ospedale Fatebenefratelli Sacco di Milano. «I pazienti ci arrivano in ospedale inviati dai medici di base che denotano attenzione alla prevenzione, quindi l’aumento è determinato da un maggiore controllo e quindi da un’educazione sanitaria che funziona. Sicuramente poi c’è un fattore ambientale da non trascurare perché questi sono anni di foto danneggiamenti pregressi dove la mancata protezione solare e un uso di lampade eccessivo ha determinato dei danni cutanei che negli anni si manifestano».

La tecnologia rappresenta oggi lo strumento più efficace per la prognosi del tumore cutaneo. Con la videodermoscopia digitale, infatti, è possibile individuare cellule neoplastiche in una fase primitiva, permettendo un rapido intervento chirurgico. «La videodermoscopia è uno strumento all’avanguardia – spiega Marconi – in grado di esplorare tutto il paziente dalla testa ai piedi, anche nelle zone più nascoste e permette un’osservazione di altissima qualità che, con un ingrandimento significativo, va a valutare il livello strutturale dei singoli nei. Questo permette di avere una corretta percezione del neo che si sta osservando e, se presenta caratteristiche non rassicuranti, è possibile immortalarlo e poi controllarlo nei mesi successivi.

Con che frequenza e da che età occorre controllare i nei?

«Per fortuna, statisticamente, in età pediatrica le problematiche legate ai nei sono poco frequenti, trascurabili o quasi assenti, si consiglia perciò la prima visita intorno all’età dello sviluppo, verso gli 11 anni. Successivamente se non ci sono nei da attenzionare, i controlli si dilatano, per poi riprendere nell’età adulta quando è importante un’osservazione annua perché il periodo più a rischio per il melanoma è dai 30 ai 50 anni.  Sono epoche in cui la statistica del melanoma e dei tumori cutanei è più elevata. Quindi, più si va avanti con l’età e più si abbassa la statistica per queste forme tumorali aggressive. Per chi invece ha moltissimi nei è consigliato un controllo ogni sei mesi».

Articoli correlati
I segni sulla pelle del Covid-19. Il dermatologo: «Tra i sintomi anche manifestazioni cutanee, dalle vescicole ai geloni»
Con il progetto “Skin Covid-19” si punta a realizzare un registro delle manifestazioni dermatologiche del virus per velocizzare le diagnosi. Marzano (Ospedale Maggiore Ca' Granda): «Li ho notati durante la mia malattia, potrebbero essere una spia anche precoce dell'infezione, soprattutto in soggetti pauci- e asintomatici»
di Gloria Frezza
Congresso Dermatologia, per il melanoma la speranza arriva dalla Microscopia Laser Confocale: diagnosi precoci e riduzione dei costi
Parla il presidente del Congresso, il professor Giovanni Pellacani dell’Università di Modena e Reggio Emilia: «Questa tecnologia permette di fare un esame della pelle non invasivo, con immagini che hanno la stessa risoluzione dell’istologia, in grado di farci vedere cellule atipiche e alterazioni della struttura che possono far sospettare la presenza di melanoma». Poi il consiglio: «Bisogna avere attenzione e cura di sé. Se uno nota qualcosa di strano, qualcosa che non riconosce spesso è benigno, ma nel caso non lo fosse, è meglio diagnosticarlo presto»
di Federica Bosco
Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»
Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa
Dermatologia e terapia fotodinamica: la luce che guarisce
La terapia fotodinamica è una metodica non invasiva utilizzata per il trattamento di carcinomi cutanei o di forme precancerose, come le cheratosi attiniche, alcune forme di carcinoma basocellulare e la malattia di Bowen, e si basa sull’utilizzo di una sostanza che, posta sotto una specifica fonte luminosa, si attiva provocando la morte delle cellule tumorali […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 17 settembre, sono 29.868.230 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 940.716 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»