Salute 22 Gennaio 2024 15:41

Sarah Ferguson annuncia di avere un melanoma. L’oncologo Ascierto: “Outing è spot positivo per la prevenzione”

Sarah Ferguson, 64 anni, ex moglie del principe Andrea e madre della principessa Beatrice e della principessa Eugenia, ha ricevuto la diagnosi di un melanoma, scoperto mentre era in cura per un tumore al seno. E’ stato il Sun a dare la notizia del melanoma, ma la notizia è rimbalzata sui media anche per rilanciare l’importanza della prevenzione

Sarah Ferguson annuncia di avere un melanoma. L’oncologo Ascierto: “Outing è spot positivo per la prevenzione”

Sarah Ferguson, 64 anni, ex moglie del principe Andrea e madre della principessa Beatrice e della principessa Eugenia, ha ricevuto la diagnosi di un cancro maligno della pelle, scoperto mentre era in cura per un tumore al seno. Il melanoma è stato scoperto dopo che diversi nei sono stati rimossi in un intervento di chirurgia ricostruttiva dopo una mastectomia. I medici lo stanno analizzando per vedere se è stato scoperto precocemente. E’ stato il Sun a dare la notizia del melanoma, ma la notizia è rimbalzata sui media anche per rilanciare l’importanza della prevenzione.

Ascierto: “Grazie alle cure siamo in grado di guarire il 50% dei pazienti con melanoma metastatico”

“Il melanoma è sempre stato considerato una malattia molto aggressiva”, spiega Paolo Ascierto, presidente Fondazione melanoma e oncologo al Pascale di Napoli. “Fino al 2010 aveva una sopravvivenza media di 6-9 mesi. Solo il 25% arrivava a un anno, a 2 anni praticamente nessuno. Ma oggi, grazie alle cure, siamo in grado di guarire il 50% delle persone con la malattia metastatica. E nelle persone che lo scoprono in tempo – continua – e si sottopongono a chirurgia la sopravvivenza è del 70% dopo 7 anni e mezzo. Possiamo dire che l’evoluzione delle cure ne ha completamente cambiato la storia naturale”. Il melanoma, malattia in deciso aumento negli ultimi anni, è più frequente nelle persone di pelle chiara. “Ha origine nei melanociti – ricorda lo specialista – le cellule della nostra cute che producono melanina per proteggerci dai raggi ultravioletti. In principio cresce orizzontalmente e, solo in un secondo momento, verticalmente avvicinandosi ai vasi sanguigni. Il rischio di diffusione della malattia si concretizza proprio quando vengono coinvolti i vasi”.

I controlli annuali sono fondamentali per la prevenzione del melanoma

La prevenzione è fondamentale per intercettare la malattia quanto prima possibile e aumentare le probabilità di risoluzione con la sola rimozione chirurgica del tumore. Fondamentali quindi i controlli: “a partire da una visita dermatologica all’anno per controllare i nei”, sottolinea Ascierto. Il controllo deve essere però rapido quando l’aspetto di un neo fa scattare il campanello d’allarme: “Dobbiamo fare molta attenzione ai ‘brutti anatroccoli’ e alle regole Abcde“, raccomanda l’oncologo. “Si parla di brutto anatroccolo quando ci sono tanti nei e ne osserviamo uno più brutto degli altri. In quel caso va controllato subito”, aggiunge. A farci correre subito dal medico devono essere anche alcune caratteristiche di un neo indicati dalle prime 5 lettere dell’alfabeto: “asimmetria, bordi irregolari, colore variegato o disomogeneo, dimensioni superiori a 6 millimetri, evoluzione ovvero quando tutti questi parametri si modificano in tempi brevi: mesi, settimane, giorni”, evidenzia Ascierto.

Dal 2011 si stima che l’immunoterapia abbia evitato oltre 4mila morti precoci

Laddove ci sia in presenza di un melanoma che ha raggiunto i vasi sanguigni o il linfonodo sentinella risulti intaccato, “la chirurgia può essere seguita dalla terapia target e dall’immunoterapia. Questi farmaci – illustra Ascierto – agiscono rimuovendo alcuni freni del nostro sistema immunitario e istruendo nuovamente i linfociti, una tipologia di globuli bianchi, a riconoscere e distruggere le cellule tumorali. Dal 2011 si stima che l’immunoterapia abbia evitato oltre 4mila morti precoci. Da allora è stato fatto un enorme passo avanti, ma la ricerca continua perché c’è ancora un 50% di pazienti per cui possiamo fare ancora tanto”.

“L’outing della Ferguson rappresenta uno spot positivo per la prevenzione”

“La decisione della duchessa di York, Sara Ferguson, di condividere pubblicamente la diagnosi di melanoma è una scelta importante”, commenta Ascierto. “Credo vada fatto un plauso alla duchessa, perché questo outing ha una grande importanza: rappresenta uno spot positivo per la prevenzione. Soprattutto in questo momento, considerando che il Covid ci ha lasciato in eredità un gap sulle diagnosi, per la minore propensione ai controlli”, aggiunge. Ascierto spiega l’importanza ancora maggiore della prevenzione in relazione alle particolarità di Sara Ferguson che, sottolinea, “ha i capelli rossi, quindi una pelle molto sensibile alla radiazioni ultraviolette e un po’ più a rischio per i tumori della pelle. E anche se oggi abbiamo molti farmaci per curare queste malattie oncologiche, il melanoma in particolare, vale sempre il motto ‘prevenire è meglio che curare‘”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Melanoma: con immunoterapia pre-intervento 50% dei pazienti non ha bisogno di cure post
Da “ultima spiaggia” a terapia di prima scelta. Nel giro di pochissimi anni l’immunoterapia ha fatto un enorme salto di qualità tanto che oggi i clinici chiedono di estendere il ricorso ai cosiddetti inibitori dei checkpoint immunitari anche per la terapia neoadiuvante, cioè al trattamento prima dell’intervento chirurgico
Nella carne rossa e nei latticini si cela un nutriente che potenzia l’immunoterapia contro il cancro
Uno studio dell'Università di Chicago ha scoperto che nella carne e nei latticini provenienti da animali da pascolo come mucche e pecore, si cela un nutriente, l’acido trans-vaccenico (TVA), che l’organismo umano non può produrre da solo e che potrebbe essere in grado di rafforzare la risposta immunitaria contro il cancro, oltre che a potenziare l’efficacia dell’immunoterapia
Salute, Lilt Firenze: «Ecco le 5 regole per una sana abbronzatura»
La dermatologa Tripo: «Evitare l’esposizione prolungata al sole e, soprattutto, nelle ore più calde tre le 11 e le 16»
Melanoma, una visita dermatologica può salvare la vita. Forchetta (APaIM): «Prevenzione parta dalle scuole»
Ogni anno 15mila casi di melanoma che dieci anni fa veniva considerato una patologia rara. Monica Forchetta, presidente di APaIM, Associazione Pazienti Italia Melanoma, dopo aver superato la malattia ha deciso di mettere la sua esperienza al servizio degli altri: «Fondamentale abbattere le liste di attesa»
«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks
Durante una partita di NHL, una futura dottoressa nota un neo sospetto sul collo di Brian Hamilton, uno degli assistenti dei Vancouver Canucks e lo avverte dagli spalti. Era un melanoma. Per lei una borsa di studio di Medicina dalle due squadre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...