Salute 15 maggio 2015

Ebola, il primo medico contagiato. Pulvirenti: «Ci aspettano 10 giorni decisivi»

Intervista al medico catanese guarito dall’Ebola allo Spallanzani

Immagine articolo

Quando ho sentito la notizia ho rivissuto in pieno tutta l’angoscia di quei momenti: dal trasferimento all’isolamento alla terapia intensiva. Capisco perfettamente il collega che in questo momento sta vivendo le stesse cose. L’augurio che gli faccio è di uscirne al più presto, e che magari non debba subire il mio stesso isolamento che è durato ben 38 giorni».

Ora che è scoppiato il secondo caso in Italia, Fabrizio Pulvirenti sta rivivendo il suo incubo. Il medico catanese, il primo italiano ad essere stato contagiato dall’Ebola, dà però forza all’infermiere sardo. Gli suggerisce di non mollare, confidando nell’alta levatura professionale dell’Istituto di ricerca per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani”, dove anche lui ha condotto e vinto la sua battaglia.

Dottor Pulvirenti, i primi bollettini mostrano una situazione abbastanza critica. Quali sono le fasi del decorso? Si parla di una carica virale piuttosto alta…
«Ogni caso è a sé. Si può partire con una carica virale bassa e poi il virus inizia a replicare perché trova le condizioni per farlo o viceversa partire con una carica virale alta e poi il sistema immunitario controlla bene l’infezione e la debella rapidamente. È difficile fare un pronostico prima che siano passati i 10 giorni di osservazione».

Lei ha detto che il paziente “è in buone mani” allo Spallanzani. Si è subito parlato di utilizzare, oltre alla sua esperienza, anche il suo plasma. Può dirci qualcosa in più?
«Ho già donato il plasma più volte e sono quindi a disposizione, ma la decisione di utilizzarlo o meno, o se infondere un altro plasma – magari più compatibile – spetta a chi ha in cura il collega».

Lei aveva già sottolineato l’importanza della formazione e dell’informazione per gli operatori sanitari, in prima linea a combattere Ebola e a cercare di salvare tante vite umane.
«Che la formazione e l’informazione siano le carte vincenti quando si affronta una malattia grave come Ebola è stato ampiamente dimostrato. Credo inoltre che il sistema della rete infettivologica abbia funzionato benissimo, a prova ulteriore di come un meccanismo ben rodato e ben informato dia sempre ottimi risultati».

Ebola resta una minaccia.
«Ritengo che per i nostri connazionali non ci siano problemi, perché sono stati osservati tutti i protocolli di sicurezza. Il collega si è subito autoisolato non appena ha avuto i primi sintomi, comportandosi secondo le procedure e con grande professionalità. Lo stesso vale per gli operatori sanitari che lo hanno gestito a Sassari, oltre che naturalmente all’istituto Spallanzani. Ritengo non ci si debba preoccupare, tuttavia il verdetto finale lo avremo fra qualche settimana, alla fine del periodo di osservazione».

Articoli correlati
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...