Salute 15 Maggio 2015

Ebola, il primo medico contagiato. Pulvirenti: «Ci aspettano 10 giorni decisivi»

Intervista al medico catanese guarito dall’Ebola allo Spallanzani

Immagine articolo

Quando ho sentito la notizia ho rivissuto in pieno tutta l’angoscia di quei momenti: dal trasferimento all’isolamento alla terapia intensiva. Capisco perfettamente il collega che in questo momento sta vivendo le stesse cose. L’augurio che gli faccio è di uscirne al più presto, e che magari non debba subire il mio stesso isolamento che è durato ben 38 giorni».

Ora che è scoppiato il secondo caso in Italia, Fabrizio Pulvirenti sta rivivendo il suo incubo. Il medico catanese, il primo italiano ad essere stato contagiato dall’Ebola, dà però forza all’infermiere sardo. Gli suggerisce di non mollare, confidando nell’alta levatura professionale dell’Istituto di ricerca per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani”, dove anche lui ha condotto e vinto la sua battaglia.

Dottor Pulvirenti, i primi bollettini mostrano una situazione abbastanza critica. Quali sono le fasi del decorso? Si parla di una carica virale piuttosto alta…
«Ogni caso è a sé. Si può partire con una carica virale bassa e poi il virus inizia a replicare perché trova le condizioni per farlo o viceversa partire con una carica virale alta e poi il sistema immunitario controlla bene l’infezione e la debella rapidamente. È difficile fare un pronostico prima che siano passati i 10 giorni di osservazione».

Lei ha detto che il paziente “è in buone mani” allo Spallanzani. Si è subito parlato di utilizzare, oltre alla sua esperienza, anche il suo plasma. Può dirci qualcosa in più?
«Ho già donato il plasma più volte e sono quindi a disposizione, ma la decisione di utilizzarlo o meno, o se infondere un altro plasma – magari più compatibile – spetta a chi ha in cura il collega».

Lei aveva già sottolineato l’importanza della formazione e dell’informazione per gli operatori sanitari, in prima linea a combattere Ebola e a cercare di salvare tante vite umane.
«Che la formazione e l’informazione siano le carte vincenti quando si affronta una malattia grave come Ebola è stato ampiamente dimostrato. Credo inoltre che il sistema della rete infettivologica abbia funzionato benissimo, a prova ulteriore di come un meccanismo ben rodato e ben informato dia sempre ottimi risultati».

Ebola resta una minaccia.
«Ritengo che per i nostri connazionali non ci siano problemi, perché sono stati osservati tutti i protocolli di sicurezza. Il collega si è subito autoisolato non appena ha avuto i primi sintomi, comportandosi secondo le procedure e con grande professionalità. Lo stesso vale per gli operatori sanitari che lo hanno gestito a Sassari, oltre che naturalmente all’istituto Spallanzani. Ritengo non ci si debba preoccupare, tuttavia il verdetto finale lo avremo fra qualche settimana, alla fine del periodo di osservazione».

Articoli correlati
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...