Salute 22 Dicembre 2021 14:51

Psoriasi, dermatologi e medici di famiglia alleati per diagnosi precoce e aderenza terapeutica

Panasiti (Campus Bio-Medico): «Dermatologi possono spegnere quasi tutte le forme di psoriasi». Misericordia (FIMMG): «Medici di famiglia fondamentali per riconoscere i primi segni della malattia e accompagnare il paziente nel follow up»

Una sinergia tra dermatologi e medici di famiglia per migliorare il tasso di diagnosi precoce di psoriasi e l’aderenza terapeutica dei pazienti. Se ormai gli specialisti, infatti, «possono spegnere quasi tutte le forme di psoriasi», la collaborazione dei medici di base è fondamentale per «riconoscere i primi infidi segni della malattia, indirizzare il paziente verso i centri di riferimento e seguirlo nel follow up». Questo il punto di vista di Vincenzo Panasiti, direttore dell’Unità Operativa di Dermatologia del Campus Bio-Medico di Roma, e Paolo Misericordia, Responsabile del Centro Studi della Federazione italiana di medici di medicina generale (Fimmg), intervenuti al corso di formazione residenziale “Percorsi diagnostici-terapeutici condivisi per il paziente affetto da psoriasi” disponibile in modalità FAD sul provider ECM Sanità in-Formazione.

Psoriasi, l’importanza della diagnosi precoce

Per ottenere i risultati descritti dal dottor Panasiti, però, è fondamentale intervenire subito: «Spesso la psoriasi è sottovalutata dal paziente stesso – spiega – invece bisognerebbe diagnosticarla e trattarla il prima possibile, coinvolgendo il medico di famiglia per aiutare il paziente ad aderire alla terapia, perché spesso appena si vedono i primi benefici erroneamente si decide di interromperla. Senza dimenticare – aggiunge – l’aspetto psicologico, perché questa è una patologia che ha un riscontro importante sulla socialità e la vita delle persone». Alle prime macchie rosse ricoperte di squame biancastre, che più frequentemente compaiono su cuoio capelluto, gomiti, ginocchia e regione genitale, è necessario quindi farsi visitare.

Aderenza terapeutica e formazione continua

«Il primo medico che chiamano i pazienti con le prime manifestazioni della malattia è il loro medico di famiglia – sottolinea Paolo Misericordia -. È lui che deve dare le prima risposte, indirizzare il paziente ad uno specialista e seguirlo nel monitoraggio e nell’evoluzione della malattia. E per riuscire in questo compito – prosegue – è fondamentale che il medico sia costantemente aggiornato».

«Anche perché – aggiunge Stefano Pagic, dirigente farmacista dell’Azienda sanitaria Giuliano Isontina di Trieste – sul mercato arrivano sempre nuovi farmaci, quindi bisogna essere sempre al passo coi tempi e valutare gli eventuali vantaggi rispetto alle alternative esistenti».

«E io che ho visto anche l’archeodermatologia e che ricordo pazienti tutti coperti di unguenti appiccicosi – conclude Panasiti – so bene che oggi le cose non stanno più così, e che le tecnologie di oggi consentono terapie topiche molto più accettabili per il paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina territoriale, cosa prevede la riforma del Pd. Lacarra: «Serve rivoluzione culturale»
Il disegno di legge prevede una delega al Governo sul tema. Tra i punti qualificanti, un vincolo alle regioni per destinare almeno il 5 per cento della spesa sanitaria annua per la promozione e lo sviluppo di attività di screening e di prevenzione e il graduale passaggio degli MMG alla dipendenza
di Francesco Torre
Carenza medici di famiglia in Lombardia, le proposte dei consiglieri regionali
Lega, Forza Italia, M5S e Pd al lavoro. Approvata in giunta una mozione per incrementare i finanziamenti delle borse di studio in medicina generale e istituire un tirocinio professionalizzante
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
Il 73% degli italiani soddisfatto del proprio medico di famiglia in pandemia. Scotti: «Pronti a scendere in piazza»
La Fimmg chiede con la fine dell'emergenza il ripristino delle normale relazioni sindacali. Tanti i fronti aperti: dal Green Pass alle Case di Comunità. L'84% dei MMG si è sentito non supportato dalle istituzioni sanitarie durante la pandemia
Perché bisogna proteggere la pelle dal sole
Intervista a Emilia Migliano, Responsabile della UOSD di Chirurgia Plastica ad indirizzo dermatologico e rigenerativo dell'Istituto San Gallicano, sede IFO di Roma, appartenente alla segreteria provinciale di Roma della Cisl Medici
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre