Salute 10 Novembre 2022 10:53

«Freddo nemico della pelle, aumenta dermatiti e peggiora acne», i consigli della dermatologa

Nicoletta Bernardini, dermatologa e dirigente medico ospedaliero presso l’ASL di Latina, spiega l’impatto del freddo sulla nostra pelle ed elenca 6 trucchetti pratici per proteggerla

«Freddo nemico della pelle, aumenta dermatiti e peggiora acne», i consigli della dermatologa

In estate dobbiamo proteggerla dal Sole, in inverno dobbiamo fare attenzione dal freddo. «La pelle è molto sensibile alla temperatura, specialmente agli sbalzi termici», spiega Nicoletta Bernardini, dermatologa e dirigente medico ospedaliero presso l’ASL di Latina. «Durante i mesi autunnali e invernali – continua – capita molto spesso di passare da un estremo all’altro: la pelle viene esposta a cambiamenti di temperatura anche repentini in seguito al passaggio da ambienti esterni più freddi e umidi ad ambienti interni più caldi, e viceversa. Gli sbalzi termici possono causare secchezza, desquamazioni, prurito e dermatiti».

Il freddo assottiglia la «barriera cutanea» della pelle

Il freddo, infatti, restringe i vasi sanguigni. «In questo modo diminuisce l’afflusso di sangue alla cute, che tende a seccarsi. La pelle quindi può risultare più fragile – spiega Bernardini – perché il naturale film idrolipidico che riveste l’intera superficie cutanea si assottiglia e l’effetto viene amplificato dalla diminuzione dell’umidità, oltre che dalle brusche variazioni di temperatura». Alcuni tipi di pelle sono più a rischio di altre. «Il freddo peggiora l’acne e la psoriasi, ma anche altre dermatiti come la dermatite seborroica, rendendo la pelle più fragile e sensibile», sottolinea la dermatologa.

Il freddo peggiora l’acne e la psoriasi

«Anche se disidrata la pelle, il freddo aumenta la produzione di sebo nei soggetti con l’acne», spiega Bernardini. «Questo può fare aumentare l’insorgenza delle lesioni infiammatorie, come papule e pustole, e non infiammatorie come i comedoni aperti o chiusi (punti neri e bianchi)», aggiunge. La buona notizia è che l’inverno è proprio la stagione ideale per sottoporsi alle terapie contro l’acne. «I trattamenti con i retinoidi (derivati della vitamina A), sia in forma topica che per via sistemica, non possono essere somministrati in estate, in quando sono foto-sensibilizzanti», evidenzia la dermatologa. Durante l’inverno la pelle tende a essere particolarmente secca. «Allo stesso modo anche le placche eritemato-squamose di chi soffre di psoriasi risultano xerotiche e poco idratate», sottolinea Bernardini. «Inoltre nella stagione fredda non è possibile l’esposizione solare che notoriamente fa bene a chi soffre di psoriasi, migliorandone i sintomi».

In inverno aumentano dermatiti ed eczemi

Il freddo può causare dermatiti ed eczemi, malattie infiammatorie croniche della pelle. «Le temperature più basse possono compromettere la barriera cutanea», spiega Bernardini. «In particolare, con il freddo si verifica una riduzione delle ceramidi, molecole lipidiche fondamentali per l’equilibrio cutaneo, in grado di evitare l’eccessiva vaporizzazione d’acqua a livello della barriera epidermica. In questo modo – continua – la secchezza della cute, comune durante la stagione fredda, riacutizza il problema e fa sì che la pelle risulti arida, irritata e pruriginosa».

Sei trucchi per proteggere la pelle dal freddo

Oltre a sottolineare quanto questa sia la stagione ideale per rivolgersi a un dermatologo e affrontare le fragilità della propria pelle, visto che non ci sono contrindicazioni legate all’esposizione ai raggi UV del Sole, Bernardini elenca 6 trucchetti pratici che possono aiutare a proteggere la cute dal freddo.

  • Docce meno calde. Nonostante in una giornata di freddo si senta il bisogno di una bella doccia calda, bisogna tenere presente che la temperatura elevata dell’acqua elimina gli oli protettivi della pelle e aumenta il rischio di irritazione cutanea. Inoltre, l’acqua favorisce la circolazione sanguigna e restringe i pori donando alla pelle un aspetto rinnovato e fresco. Ricordiamoci sempre: ogni qual volta che usciamo dalla doccia o semplicemente ci laviamo le mani bisogna asciugarsi per bene tamponando delicatamente la pelle senza strofinare.
  • Detergenti delicati. Una corretta cura della propria pelle passa per la scelta giusta del proprio detergente. Durante l’inverno è meglio utilizzare prodotti più delicati, emollienti e idratanti. Questo consente di lenire la secchezza cutanea e prevenire l’irritazione della pelle.
  • Creme protettive. Durante la stagione invernale è consigliato l’utilizzo di creme idratanti leggermente più dense che sono in grado di migliorare e rinforzare la barriera cutanea contro gli elementi esterni. Queste consentono anche una minore perdita d’acqua transepidermica. I prodotti consigliati sono quelli che contengono un’alta concentrazione di acido ialuronico e lipidi, veicolati all’interno di emollienti topici, in grado di aiutare la cute a ritrovare il suo equilibrio e di ridurre i sintomi cutanei. Inoltre, è bene utilizzare creme solari protettive anche durante l’inverno, con un fattore protettivo di 30 o 50. I raggi del Sole, anche se maggiormente percepiti in estate, colpiscono anche di inverno. Per cui è importante indossare sempre uno ‘scudo’».
  • Creme colorate al posto di autoabbronzanti. Per sfoggiare anche in inverno un colorito «estivo» meglio optare per creme idratanti colorate anziché le creme autoabbronzanti. Le prime funzionano meglio nel mantenere la «brillantezza estiva». Le seconde, invece, possono dare risultati disomogenei a causa della pelle secca.
  • Maschere ed esfolianti. Una maschera nutriente con acido ialuronico da applicare per 15 minuti sul viso può essere un grande aiuto per alleviare le «sofferenze» della pelle la sera, specialmente dopo una giornata molto ventosa e fredda. Inoltre, anche in inverno non bisogna perdere l’abitudine di esfoliare la pelle, circa due volte a settimana, per eliminare le cellule cutanee morte.
  • 5 bicchieri di acqua al dì. Per mantenere la pelle idratata è fondamentale assumere liquidi, anche se in inverno si avverte di meno il bisogno di bere. Andrebbero consumati almeno 5 bicchieri di liquidi al giorno: può essere acqua o anche tè, tisane, succhi di frutta, ecc.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
È la pelle la nuova sentinella di inquinamento ambientale
Mezzana (SIMA): «Analizzando la cute di un individuo sarà possibile identificare il grado di inquinamento del luogo in cui vive o ha vissuto. Nessun test invasivo, come la biopsia, ma sensori cutanei in grado di rilevare i parametri della pelle, in profondità e in tempo reale»
Psoriasi, dermatologi e medici di famiglia alleati per diagnosi precoce e aderenza terapeutica
Panasiti (Campus Bio-Medico): «Dermatologi possono spegnere quasi tutte le forme di psoriasi». Misericordia (FIMMG): «Medici di famiglia fondamentali per riconoscere i primi segni della malattia e accompagnare il paziente nel follow up»
Il freddo può aiutare alcuni pazienti. Cos’è la crioterapia total body
Uno studio europeo guidato dall’Istituto Auxologico di Milano mira a studiare i benefici effetti della crioterapia total body su patologie invalidanti come artrosi, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, artrite reumatoide, obesità e fibromialgia
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Arriva il freddo, l’Iss identifica i primi due casi di influenza per la stagione 2021-2022
Gli esperti hanno rilevato i primi casi legati al virus influenzale su due bambini, a Torino e Milano. Il picco si attende tra fine novembre e inizio dicembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa