Salute 9 Maggio 2017

Posizione “a culla” o “a rugby”? Ecco come si allatta un figlio in totale sicurezza

L’osteopata Tiziana Galeotti spiega ai nostri microfoni quali sono le posizioni e gli accorgimenti che ogni mamma deve avere quando allatta suo figlio. «Mai piegarsi ma avvicinare il piccolo al seno». Il dito in bocca? Da evitare: «Modifica la cavità orale…»

Tenere il piccolo ben saldo evitando di piegarsi verso di lui, mantenere la sua testa ferma e far aderire bene la sua bocca al seno, in maniera tale da evitare che, oltre al latte, entri anche aria. Sono queste alcune delle indicazioni che l’osteopata Tiziana Galeotti ha presentato in un corso di formazione per genitori e future mamme dal titolo ‘La salute vien mangiando: conoscere per prevenire‘, organizzato da Educazione Sanitaria in collaborazione con Futura Stem Cells e Artemisia Lab.

Dottoressa Galeotti, quanto è importante per la mamma assumere la giusta posizione, sia propria che del bambino, nella fase dell’allattamento?

«Durante le fasi di attacco al seno bisogna osservare alcune precauzioni. Prima di tutto, va ricordato che è il bambino a dover essere avvicinato al seno. La mamma non deve chinarsi verso il bambino ma deve restare in una posizione quanto più rilassata, sia per lei che per il bambino, e favorire il più possibile il contatto pelle a pelle. Le posizioni in cui tenere il bambino sono tantissime: c’è la posizione a culla, a culla incrociata, a rugby, e tante altre. Ci sono poi tutte le posizioni sdraiate. La cosa importante da osservare sempre è che il bambino abbia il sostegno necessario alla testa e che tronco e bacino siano collocati sullo stesso asse».

Le è mai capitato di avere a che fare con mamme che non avessero alcuna conoscenza o informazione in merito a come allattare, e che quindi potevano mettere a rischio la salute del piccolo?

«Io lavoro da diversi anni in stretta collaborazione con due associazioni di ostetriche, “Un’ostetrica con te” e “Nascere e crescere”. Solitamente ci sono dei gruppi che vengono fatti durante tutta la fase, già in gravidanza e poi nell’immediato post-parto, proprio per dare tutte le informazioni alle mamme su come allattare. In realtà è un processo fisiologico, naturale, spontaneo, che mamma e bambino sanno fare istintivamente. Il piccolo deve essere soltanto incoraggiato accompagnato e qualche volta corretto, ma con le giuste informazioni le mamme lo sanno fare molto bene».

Nel corso del suo intervento ha affermato che, potendo scegliere, è meglio che un bambino succhi il ciuccio piuttosto che il dito. Che problemi può portare questo tipo di pratica?

«La suzione del dito e del ciuccio sono delle parafunzioni. Il problema di queste parafunzioni è che creano una conformazione della cavità orale non fisiologica, quindi i bambini tendono ad avere un palato molto stretto, molto cavo, quindi crea anche poi disturbi nella respirazione oltre a disturbi dell’occlusione. In realtà, quando le mamme mi chiedono se è meglio il ciuccio o il dito io dico che dovendo proprio scegliere forse la suzione del ciuccio è qualcosa da cui possiamo svezzare il bambino, la suzione del dito è invece più difficile da eliminare».

 

Articoli correlati
Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»
Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»
di Federica Bosco
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
Banche del latte umano donato: l’Italia è prima in Europa
Moro (Aiblud): «Un alimento prezioso per bimbi prematuri, neonati sottoposti ad interventi chirurgici addominali o affetti da insufficienza renale e patologie metaboliche. Chi se ne nutre cresce meglio e viene dimesso prima dalla terapia intensiva»
di Isabella Faggiano
Gravidanza e Covid, per le mamme contagiate meglio il parto naturale. Lo studio
Ferrazzi (direttore Ostetricia Policlinico di Milano): «Il parto naturale non crea infezione al nascituro, consigliato sempre l’allattamento al seno. Obesità e condizioni socio-economiche influiscono sulla gravità della malattia: più colpite donne sudamericane e africane»
di Federica Bosco
Aggressioni, le proposte di Mazzacane (Cisl Lombardia): «Medici come pubblici ufficiali ed educazione sanitaria per i cittadini»
Il segretario della Cisl Medici Lombardia rilancia il modello dei ‘presidi territoriali’ per decongestionare i Pronto soccorso come durante l’Expo: «Chi deve lavorare, deve essere sereno e dedicarsi a chi sta male veramente, non ai codici bianchi o verdi che possono e devono essere gestiti sul territorio»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli