Salute 9 Maggio 2017

Posizione “a culla” o “a rugby”? Ecco come si allatta un figlio in totale sicurezza

L’osteopata Tiziana Galeotti spiega ai nostri microfoni quali sono le posizioni e gli accorgimenti che ogni mamma deve avere quando allatta suo figlio. «Mai piegarsi ma avvicinare il piccolo al seno». Il dito in bocca? Da evitare: «Modifica la cavità orale…»

Tenere il piccolo ben saldo evitando di piegarsi verso di lui, mantenere la sua testa ferma e far aderire bene la sua bocca al seno, in maniera tale da evitare che, oltre al latte, entri anche aria. Sono queste alcune delle indicazioni che l’osteopata Tiziana Galeotti ha presentato in un corso di formazione per genitori e future mamme dal titolo ‘La salute vien mangiando: conoscere per prevenire‘, organizzato da Educazione Sanitaria in collaborazione con Futura Stem Cells e Artemisia Lab.

Dottoressa Galeotti, quanto è importante per la mamma assumere la giusta posizione, sia propria che del bambino, nella fase dell’allattamento?

«Durante le fasi di attacco al seno bisogna osservare alcune precauzioni. Prima di tutto, va ricordato che è il bambino a dover essere avvicinato al seno. La mamma non deve chinarsi verso il bambino ma deve restare in una posizione quanto più rilassata, sia per lei che per il bambino, e favorire il più possibile il contatto pelle a pelle. Le posizioni in cui tenere il bambino sono tantissime: c’è la posizione a culla, a culla incrociata, a rugby, e tante altre. Ci sono poi tutte le posizioni sdraiate. La cosa importante da osservare sempre è che il bambino abbia il sostegno necessario alla testa e che tronco e bacino siano collocati sullo stesso asse».

Le è mai capitato di avere a che fare con mamme che non avessero alcuna conoscenza o informazione in merito a come allattare, e che quindi potevano mettere a rischio la salute del piccolo?

«Io lavoro da diversi anni in stretta collaborazione con due associazioni di ostetriche, “Un’ostetrica con te” e “Nascere e crescere”. Solitamente ci sono dei gruppi che vengono fatti durante tutta la fase, già in gravidanza e poi nell’immediato post-parto, proprio per dare tutte le informazioni alle mamme su come allattare. In realtà è un processo fisiologico, naturale, spontaneo, che mamma e bambino sanno fare istintivamente. Il piccolo deve essere soltanto incoraggiato accompagnato e qualche volta corretto, ma con le giuste informazioni le mamme lo sanno fare molto bene».

Nel corso del suo intervento ha affermato che, potendo scegliere, è meglio che un bambino succhi il ciuccio piuttosto che il dito. Che problemi può portare questo tipo di pratica?

«La suzione del dito e del ciuccio sono delle parafunzioni. Il problema di queste parafunzioni è che creano una conformazione della cavità orale non fisiologica, quindi i bambini tendono ad avere un palato molto stretto, molto cavo, quindi crea anche poi disturbi nella respirazione oltre a disturbi dell’occlusione. In realtà, quando le mamme mi chiedono se è meglio il ciuccio o il dito io dico che dovendo proprio scegliere forse la suzione del ciuccio è qualcosa da cui possiamo svezzare il bambino, la suzione del dito è invece più difficile da eliminare».

 

Articoli correlati
Salute donne, il ministro Grillo presenta l’app “Mamma in salute”
Il ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato il 12 maggio, in occasione della Festa della mamma, l’App per smartphone “Mamma in salute” disponibile gratuitamente negli store. «E’ mia prima Festa della mamma – ha commentato – ed è la prima volta che la festeggio in quanto ministro e madre allo stesso tempo. Proprio durante la […]
Il latte materno previene l’obesità e agevola il passaggio da una classe sociale all’altra
La neonatologa Maria Elisabetta Baldassarre: «Troppo spesso i pediatri suggeriscono alle mamme il passaggio al latte artificiale. Anche se le aziende cercano di aggiungervi gli stessi componenti del latte materno, non sempre si ottengono gli stessi risultati»
di Federica Bosco
Autologa solidale, differenze in Ue sulla conservazione delle staminali del cordone. Totta (Futura): «Modello ibrido pubblico-privato il migliore, Italia colga occasione»
Nel nostro paese soltanto nel 4% dei parti viene raccolto il sangue cordonale mentre nel mondo vengono effettuati migliaia di trapianti di cellule staminali del sangue per combattere numerose malattie. Del tema si è parlato nel convegno "La scelta di essere mamma" presso la Sala Isma del Senato
Allattamento seno, Carla Scarsi (Leche League): «Le donne, insieme, riescono spesso a trovare le strategie vincenti»
Carla Scarsi (Leche League): «Le nostre consulenti hanno fatto tirocini quindi sanno molte cose sull'allattamento. Una di queste, è far capire alle mamme quali sono le priorità». L'intervista a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Allattamento materno, vitale per la salute dei bambini. Grillo: «È importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di sostegno»
Numeri ancora bassi: 41% lo pratica, auspicabile arrivare al 50%. Ministro Grillo: «Allattare al seno è importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di consapevolezza e sostegno»
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...