Salute 30 Aprile 2018

Polio in Italia? Ricciardi (Iss): «Non è ancora arrivata, ma è plausibile che possa tornare»

Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, risponde all’allarme del Centro europeo per il controllo delle malattie: «Un’emergenza per la salute pubblica frutto di scelte sbagliate: nel ’99 il Parlamento decise, forse con troppo anticipo, di sospendere l’obbligo vaccinale per l’iscrizione a scuola»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«L’importazione di infezioni o di casi di polio in Europa rimane possibile». Lo ha scritto il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) nel suo ultimo bollettino sulla diffusione della polio nel mondo. Un allarme che non ha sorpreso Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss): non solo era a conoscenza del pericolo, ma lo aveva anche preannunciato da tempo.

«Avevo detto già tre anni fa – ha commentato il Presidente dell’Iss – che c’è un nuovo rischio di difterite e di polio in Italia, a causa di un notevole calo delle vaccinazioni».

Dunque, nonostante i progressi fatti negli ultimi anni nel campo della prevenzione, la polio rimane un’emergenza di salute pubblica internazionale. Dall’inizio del 2018, secondo quanto riportato dal bollettino dell’Ecdc, ci sono stati già otto casi confermati, tre in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A questi contagi, avvenuti in Pakistan e Afghanistan, vanno aggiunti tre casi di infezione da virus derivante da vaccino, che si sviluppa utilizzando un tipo di immunizzazione più vecchio in presenza di scarse coperture, in Repubblica Democratica del Congo.

Anche se di questa emergenza si parla soltanto oggi, le sue radici non sono così recenti: «Tutto è cominciato nel ’99 – ha spiegato Ricciardi – quando sostanzialmente il Parlamento decise, forse con troppo anticipo, di sospendere l’obbligo vaccinale per l’iscrizione a scuola. Da quel momento in poi, abbiamo prodotto decine di migliaia di persone non vaccinate, che costituiscono il bacino ideale per la diffusione dei germi e dei batteri. Oggi, purtroppo, noi siamo in questa condizione. E se non avessimo fatto la legge per mettere in protezione i bambini, sarebbero proprio i piccoli da zero a sei anni ad essere a rischio di questa malattia. Fortunatamente, la stragrande maggioranza non lo è. Ma tutti quelli che non si sono vaccinati, nel corso degli anni, a partire dal ’99, sono a rischio di tutte le malattie che circolano».

LEGGI ANCHE: VACCINI, +4,4% COPERTURA MORBILLO. LORENZIN: «DOVE MMG E PEDIATRI SONO PIÙ PROATTIVI, SI OTTENGONO GRANDI RISULTATI» 

E l’Italia ha cominciato a fare i conti con gli effetti del calo delle vaccinazioni già dallo scorso anno: «Lo abbiamo visto con il morbillo – ha sottolineato il Presidente dell’Iss -.  Se la difterite non è scoppiata nel nostro Paese è solo per miracolo: sappiamo che ci sono stati dei casi, fortunatamente isolati. La polio non è arrivata, non ancora. Ma è plausibile che possa tornare, proprio perché ci sono delle parti del mondo dove sta riemergendo, come il Pakistan e l’Afghanistan».

Estendere l’obbligo vaccinale alla popolazione adulta potrebbe metterci in salvo da una possibile epidemia di polio? «No. L’obbligo a questo punto non è più auspicabile – ha risposto Ricciardi -. È importante che le persone si convincano, che ne comprendano l’importanza.  Questo convincimento può avvenire sostanzialmente per due motivi. Primo, come sta accadendo in questi giorni a Catania, dove le Asl sono prese d’assalto da persone che chiedono il vaccino contro il morbillo, poiché il 50% del totale dei casi italiani si sono verificati tutti in Sicilia. Ma questo è un tipo di convincimento sbagliato, perché si agisce per paura e non per intelligenza o ascoltando la scienza. In alternativa, e questa sarebbe la soluzione ideale, attraverso un convincimento diretto che faccia comprendere ai nostri giovani, anziani e adulti l’importanza che il vaccino riveste per la salute individuale e della comunità».

Per comprendere il valore delle vaccinazioni non è necessario alcuno sforzo d’immaginazione, ipotizzando possibili contagi da Paesi lontani di malattie che sembravano essere dimenticate. Gli esempi sono molto più vicini di quanto si possa pensare: «In Italia – ha detto Ricciardi – 2mila persone, ogni anno, contraggono la meningite. Tutti casi che potremmo evitare se da bambini ci si vaccinasse contro questa malattia, una vaccinazione che offriamo gratuitamente e attivamente». E se questo non funziona? «C’è qualcuno – ha concluso il Presidente dell’Iss – che purtroppo ne paga le conseguenze».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Calendario per la Vita 2019, le Società Scientifiche del Board continuano la loro opera di aggiornamento “scientifico” sulle vaccinazioni
SIP, FIMMG, SITI e FIMP continuano la loro opera di informazione verso i cittadini sull'importanza della protezione vaccinale. «Sosteniamo gli sforzi per colmare le sacche di suscettibilità per morbillo e rosolia, chiediamo particolare attenzione ad elevare le coperture per varicella nelle Regioni che hanno introdotto la vaccinazione di recente per evitare spostamenti della malattia verso l’età adulta», sottolinea Paolo Bonanni, Coordinatore Scientifico
Vaccini, OMS e UNICEF: «20 milioni di bambini non sono immunizzati»
Sono venti milioni i bambini che, in tutto il mondo, nel 2018 non hanno ricevuto i vaccini salvavita, come quelli contro il morbillo, la difterite o il tetano. Oltre il 10% della popolazione infantile mondiale. Secondo quanto emerso dai nuovi dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’UNICEF, dal 2010 le percentuali di copertura delle […]
Vaccini: niente obbligo dei certificati alle scuole entro domani. La SIPPS invita a non abbassare la guardia
Una nota congiunta del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero della Salute ha precisato che, essendo stata attivata l’Anagrafe Nazionale Vaccinale, istituita con DM del 17 settembre 2018, i genitori non hanno più l’obbligo di presentare alle Scuole, entro domani, mercoledì 10 luglio, la documentazione attestante lo stato vaccinale dei propri figli, poiché è […]
Vaccini, scontro Cunial-Bella alla Camera su studio Corvelva: «Stato non fa analisi». «Davvero pensi ci sia il Viagra?»
Alla fine della conferenza stampa dell’associazione Corvelva alla Camera dei deputati acceso diverbio tra i due ex compagni di partito Sara Cunial (Misto) e Marco Bella (M5S) che ha contestato la validità scientifica dello studio presentato dai no vax
Vaccini, Bella (M5S) contesta studio no vax: «Decimali ‘anomali’ e metodiche dubbie, analisi non reggono»
Il deputato e chimico ha partecipato alla conferenza Corvelva alla Camera contestando lo studio che definisce “contaminati” i vaccini: «Dati riportati con sette cifre decimali dopo la virgola: nessuno spettrometro di massa al mondo può misurare con la precisione di sette cifre decimali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...